Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PIAZZALE DELLA SANTISSIMA TRINITA' A VALLEPIETRA

PIAZZALE DELLA SANTISSIMA TRINITA' A VALLEPIETRA

VALLEPIETRA, ROMA

785°

POSTO

82

VOTI 2020
Condividi
PIAZZALE DELLA SANTISSIMA TRINITA' A VALLEPIETRA
Il Santuario della SS. Trinità si trova nel cuore del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, nella valle in cui nasce il Simbrivio, affluente dell’Aniene. Per giungere al santuario, specie per chi proviene da Roma o da Latina il percorso può risultare alquanto lungo a causa della tortuosità della strada che sale al santuario. Tuttavia, una volta giunti sul posto, tutto l’ambiente circostante saprà ripagare di tutto lo sforzo fatto. La strada che sale da Vallepietra al Santuario della Santissima Trinità è stata asfaltata da tempo ma rimane chiusa nel periodo autunnale e invernale. Santuario della Santissima Trinità a Vallepietra (RM) | Cosa vedere Giunti nel piazzale del santuario, potremmo ammirare diversi punti di devozione, tra cui la chiesetta Santuario della SS. Trinità, la Cappella del Crocefisso, La Cappellina di Sant’Anna e quella di San Giuseppe, restaurata per l’Adorazione Eucaristica. I pellegrini, attraverso un percorso obbligatorio, potranno trovare oggetti di culto e documenti inerenti la storia del Santuario della Santissima Trinità. Le origini del Santuario della Santissima Trinità Poche e non sempre attendibili o chiare sono le origini del Santuario della Santissima Trinità. Una leggenda della tradizione locale narra che un contadino, mentre arava i campi della Tagliata, vide i buoi improvvisamente fuggire e precipitare lungo la rupe del Colle della Tagliata. Miracolosamente sia l’aratro che i buoi rimasero aggrappati alla roccia a metà altezza. Il pastore giunto sul ripiano del santuario con sua grande meraviglia e felicità ritrovò i buoi vivi e incolumi che adoravano l’immagine della Trinità dipinta nella grotta. Alcuni studiosi ritengono che il Santuario sia sorto su un antico tempietto pagano. In tempi passati si era ipotizzato che che il Santuario fosse stato realizzato dai monaci Benedettini di Subiaco a da Monaci Basiliani che si rifugiarono nella grotta e lì avrebbero eseguito l’affresco della Trinità. L’ipotesi più accredita circa la sua fondazione è quella che vede come fondatore del Santuario San Domenico di Sora o di Cocullo, (nel 1031). Tale affermazione è avallata anche dalla biografia del Santo, scritta da un suo discepolo. La chiesetta del santuario La bellezza del Santuario della Santissima Trinità risiede principalmente nello straordinario affresco all’interno della piccola chiesetta. Molto venerato da un numero sempre maggiore di pellegrini che ogni anno la visitano, raffigura proprio la Trinità. Si tratta di un antichissimo e preziosissimo affresco che risale al XI secolo. Questo è stato eseguito su un intonaco particolare che presenta filamenti di paglia e fiori. Sono rappresentate le “Tre Persone” solennemente sedute, ciascuna con un libro aperto, sorretto dalla mano sinistra e benedicenti alla maniera Greca, ovvero con il pollice e l’anulare della mano desta aperti. Ad ogni modo, ciò che fa del Santuario della Santissima Trinità un luogo di culto da visitare è sicuramente il connubio che c’è tra storia, natura e arte che, specie nei pressi della chiesetta completamente incastonata nella roccia, si manifesta in tutta la sua bellezza e suggestione. Quindi visitare il Santuario è come immergersi in un’atmosfera mistica e sacra, purtroppo in parte deturpata dalle fin troppe attività commerciali e dal moderno altare coperto, ma che non hanno eliminato del tutto il fascino di uno dei più bei luoghi di culto del Lazio e del centro Italia. Il “Pianto delle Zitelle” Oltre ai pellegrinaggi che ogni anno si svolgono verso il Santuario della Santissima Trinità, una manifestazione a cui consigliamo di assistere è quella che si organizza all’alba della festa della Trinità ed è chiamata “Il Pianto delle Zitelle”. Durante la festa, giovani donne di Vallepietra, vestite di bianco, piangono il Cristo morto, rievocando le scene della passione con struggente intensità.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

785° Posto

82 Voti
Censimento 2018

27,490° Posto

2 Voti
Censimento 2004

748° Posto

2 Voti

Scopri altri luoghi vicini

493°
427 voti

Area naturale

LAGHETTO DI SAN BENEDETTO

SUBIACO, ROMA

NC
0 voti

Castello, rocca

ROCCA

JENNE, ROMA

863°
4 voti

Monumento, statua, elemento architettonico

ARCO DI TREVI

TREVI NEL LAZIO, FROSINONE

860°
7 voti

Edificio civile

CASTELLO CAIETANI

TREVI NEL LAZIO, FROSINONE

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PIAZZALE DELLA SANTISSIMA TRINITA' A VALLEPIETRA

VALLEPIETRA, ROMA

Condividi
PIAZZALE DELLA SANTISSIMA TRINITA' A VALLEPIETRA
Il Santuario della SS. Trinità si trova nel cuore del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, nella valle in cui nasce il Simbrivio, affluente dell’Aniene. Per giungere al santuario, specie per chi proviene da Roma o da Latina il percorso può risultare alquanto lungo a causa della tortuosità della strada che sale al santuario. Tuttavia, una volta giunti sul posto, tutto l’ambiente circostante saprà ripagare di tutto lo sforzo fatto. La strada che sale da Vallepietra al Santuario della Santissima Trinità è stata asfaltata da tempo ma rimane chiusa nel periodo autunnale e invernale. Santuario della Santissima Trinità a Vallepietra (RM) | Cosa vedere Giunti nel piazzale del santuario, potremmo ammirare diversi punti di devozione, tra cui la chiesetta Santuario della SS. Trinità, la Cappella del Crocefisso, La Cappellina di Sant’Anna e quella di San Giuseppe, restaurata per l’Adorazione Eucaristica. I pellegrini, attraverso un percorso obbligatorio, potranno trovare oggetti di culto e documenti inerenti la storia del Santuario della Santissima Trinità. Le origini del Santuario della Santissima Trinità Poche e non sempre attendibili o chiare sono le origini del Santuario della Santissima Trinità. Una leggenda della tradizione locale narra che un contadino, mentre arava i campi della Tagliata, vide i buoi improvvisamente fuggire e precipitare lungo la rupe del Colle della Tagliata. Miracolosamente sia l’aratro che i buoi rimasero aggrappati alla roccia a metà altezza. Il pastore giunto sul ripiano del santuario con sua grande meraviglia e felicità ritrovò i buoi vivi e incolumi che adoravano l’immagine della Trinità dipinta nella grotta. Alcuni studiosi ritengono che il Santuario sia sorto su un antico tempietto pagano. In tempi passati si era ipotizzato che che il Santuario fosse stato realizzato dai monaci Benedettini di Subiaco a da Monaci Basiliani che si rifugiarono nella grotta e lì avrebbero eseguito l’affresco della Trinità. L’ipotesi più accredita circa la sua fondazione è quella che vede come fondatore del Santuario San Domenico di Sora o di Cocullo, (nel 1031). Tale affermazione è avallata anche dalla biografia del Santo, scritta da un suo discepolo. La chiesetta del santuario La bellezza del Santuario della Santissima Trinità risiede principalmente nello straordinario affresco all’interno della piccola chiesetta. Molto venerato da un numero sempre maggiore di pellegrini che ogni anno la visitano, raffigura proprio la Trinità. Si tratta di un antichissimo e preziosissimo affresco che risale al XI secolo. Questo è stato eseguito su un intonaco particolare che presenta filamenti di paglia e fiori. Sono rappresentate le “Tre Persone” solennemente sedute, ciascuna con un libro aperto, sorretto dalla mano sinistra e benedicenti alla maniera Greca, ovvero con il pollice e l’anulare della mano desta aperti. Ad ogni modo, ciò che fa del Santuario della Santissima Trinità un luogo di culto da visitare è sicuramente il connubio che c’è tra storia, natura e arte che, specie nei pressi della chiesetta completamente incastonata nella roccia, si manifesta in tutta la sua bellezza e suggestione. Quindi visitare il Santuario è come immergersi in un’atmosfera mistica e sacra, purtroppo in parte deturpata dalle fin troppe attività commerciali e dal moderno altare coperto, ma che non hanno eliminato del tutto il fascino di uno dei più bei luoghi di culto del Lazio e del centro Italia. Il “Pianto delle Zitelle” Oltre ai pellegrinaggi che ogni anno si svolgono verso il Santuario della Santissima Trinità, una manifestazione a cui consigliamo di assistere è quella che si organizza all’alba della festa della Trinità ed è chiamata “Il Pianto delle Zitelle”. Durante la festa, giovani donne di Vallepietra, vestite di bianco, piangono il Cristo morto, rievocando le scene della passione con struggente intensità.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te