Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PIAZZETTA BETLEMME

PIAZZETTA BETLEMME

SAN GIOVANNI IN PERSICETO, BOLOGNA

760°

POSTO

107

VOTI 2020
Condividi
PIAZZETTA BETLEMME
La storia pittorica di Piazza Betlemme data dal lontano1982.Una storia unica nel genere dell'illusionismo pittorico per l’immaginazione del suo creatore. Infatti noi ora ne possiamo godere soltanto l’ultima versione,ma se i muri potessero parlare ci racconterebbero che prima di questo hanno cambiato ben altri tre vestiti.Tre travestimenti completamente diversi nell’aspetto e nello spirito,offerti dalla mano di Gino Pellegrini approdato a San Giovanni in Persiceto dopo straordinarie avventure artistiche, che quando c’era da restaurare rifaceva tutto daccapo. Restano i libri a documentare quella storia,uno per ciascuna versione,e il ricordo delle tante persone che hanno vissuto insieme a Gino quelle trasformazioni. Ciò che vediamo ora è una sorprendente festa di improbabili animali e vegetali,simboli, ricordi e sogni che si susseguono fra muri crollati.Di quei muri restano brandelli che svolgono la funzione di sostegni per le finestre – quelle reali – delle case,basamenti e ammassi di tegole e mattoni fra i quali irrompe il cielo di un azzurro intenso che lascia intravvedere il paesaggio in lontananza. Sul lato occidentale predominano i vegetali,su quello orientale gli animali.L'unica parete a sud si presenta come una sintesi, in un perfetto equilibrio fra muro crollato,enorme tronco di quercia ed altrettanto enorme beato maiale che si gode la ghianda luminosa mentre il coniglio bianco si affaccia e il gufo dall'alto contro la luna piena sorveglia:qui il giorno e la notte convivono,la pittura può permetterselo. La presenza dell'uomo si indovina da tracce discrete.Il cavalluccio di legno che appare dal rudere,lenzuola e cuscini a prendere aria su un davanzale,una camicia femminile di antica eleganza appesa fuori,scarpe da tennis ad asciugare trattenute a un tralcio di zucca da mollette,un quartino usato come vaso per papaveri,infine il pane e il lievito sui ripiani dipinti nello sportello del gas con l’ immagine di sant'Antonio protettore degli animali sbiadita dal tempo,presenza sacra di tutte le stalle. Infine la dedica,tracciata con grafia infantile su una lavagnetta col gesso: ai bambini di tutte le età , Gino Pellegrini.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

760° Posto

107 Voti
Censimento 2018

242° Posto

1,371 Voti
Censimento 2016

7,668° Posto

8 Voti
Censimento 2012

5,264° Posto

3 Voti
Censimento 2010

1,395° Posto

4 Voti
Censimento 2004

748° Posto

2 Voti

Scopri altri luoghi vicini

850°
17 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO DELL'ABATE (IL PALAZZACCIO)

SAN GIOVANNI IN PERSICETO, BOLOGNA

852°
15 voti

Chiesa

CHIESA DEL SANTISSIMO CROCIFISSO

SAN GIOVANNI IN PERSICETO, BOLOGNA

862°
5 voti

Edificio civile

CASA COLOMBARA

SAN GIOVANNI IN PERSICETO, BOLOGNA

855°
12 voti

Borgo

PAESE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO

SAN GIOVANNI IN PERSICETO, BOLOGNA

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PIAZZETTA BETLEMME

SAN GIOVANNI IN PERSICETO, BOLOGNA

Condividi
PIAZZETTA BETLEMME
La storia pittorica di Piazza Betlemme data dal lontano1982.Una storia unica nel genere dell'illusionismo pittorico per l’immaginazione del suo creatore. Infatti noi ora ne possiamo godere soltanto l’ultima versione,ma se i muri potessero parlare ci racconterebbero che prima di questo hanno cambiato ben altri tre vestiti.Tre travestimenti completamente diversi nell’aspetto e nello spirito,offerti dalla mano di Gino Pellegrini approdato a San Giovanni in Persiceto dopo straordinarie avventure artistiche, che quando c’era da restaurare rifaceva tutto daccapo. Restano i libri a documentare quella storia,uno per ciascuna versione,e il ricordo delle tante persone che hanno vissuto insieme a Gino quelle trasformazioni. Ciò che vediamo ora è una sorprendente festa di improbabili animali e vegetali,simboli, ricordi e sogni che si susseguono fra muri crollati.Di quei muri restano brandelli che svolgono la funzione di sostegni per le finestre – quelle reali – delle case,basamenti e ammassi di tegole e mattoni fra i quali irrompe il cielo di un azzurro intenso che lascia intravvedere il paesaggio in lontananza. Sul lato occidentale predominano i vegetali,su quello orientale gli animali.L'unica parete a sud si presenta come una sintesi, in un perfetto equilibrio fra muro crollato,enorme tronco di quercia ed altrettanto enorme beato maiale che si gode la ghianda luminosa mentre il coniglio bianco si affaccia e il gufo dall'alto contro la luna piena sorveglia:qui il giorno e la notte convivono,la pittura può permetterselo. La presenza dell'uomo si indovina da tracce discrete.Il cavalluccio di legno che appare dal rudere,lenzuola e cuscini a prendere aria su un davanzale,una camicia femminile di antica eleganza appesa fuori,scarpe da tennis ad asciugare trattenute a un tralcio di zucca da mollette,un quartino usato come vaso per papaveri,infine il pane e il lievito sui ripiani dipinti nello sportello del gas con l’ immagine di sant'Antonio protettore degli animali sbiadita dal tempo,presenza sacra di tutte le stalle. Infine la dedica,tracciata con grafia infantile su una lavagnetta col gesso: ai bambini di tutte le età , Gino Pellegrini.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2010, 2012, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te