Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
Rocca Silvana

ROCCA SILVANA

SELVENA, GROSSETO

158°

POSTO

2,715

VOTI 2020
Condividi
ROCCA SILVANA
La rocca fu costruita nel IX secolo ed era un antico possedimento dell'Abbazia di San Salvatore al Monte Amiata. Nei secoli successivi divenne della famiglia Aldobrandeschi, assumendo un ruolo strategico per il controllo e lo sfruttamento delle vicine miniere di cinabro e mercurio ed entrando nelle mire espansionistiche di Siena, sotto la cui giurisdizione passò verso la metà del Trecento. Nei primi anni del XIV secolo gli Orsini di Pitigliano inglobarono la fortificazione nella loro contea. La rocca entrò a far parte del Granducato di Toscana attorno alla metà del Seicento, assieme a tutti gli altri territori della Contea degli Orsini. Da allora, la fortificazione fu gradualmente dismessa, andando incontro ad un lungo ed inesorabile declino. Negli ultimi anni del secolo scorso, una serie di campagne di scavo e di interventi di restauro hanno permesso il recupero di una piccola parte degli imponenti ruderi che testimoniano l'importanza della rocca nei secoli passati. La Rocca Silvana si trova sulla vetta di un monte nella valle del fiume Fiora. Nella parte bassa si estendeva il borgo, di cui rimangono le strutture murarie dei vari edifici, mentre nell'area sommitale si trova il palazzo signorile, a pianta quadrangolare, disposto su due livelli, presso il quale vi sono i resti di una cisterna dell’acqua ed una cappella. Era dotata di una doppia cinta muraria, la prima racchiudeva l’abitato e la seconda interna a protezione del palazzo feudale, con una forma semi trapezoidale. In corrispondenza della porta principale, si trova tuttora una splendida torre di forma pentagonale che aveva la funzione di cassero.

Gallery

Rocca Silvana
Rocca Silvana

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

158° Posto

2,715 Voti
Censimento 2018

1,068° Posto

88 Voti
Censimento 2016

4,417° Posto

14 Voti
Censimento 2014

2,946° Posto

9 Voti
Censimento 2012

5,264° Posto

3 Voti
Censimento 2010

4,353° Posto

1 Voti
Censimento 2004

1,388° Posto

1 Voti

Scopri altri luoghi vicini

817°
50 voti

Archeologia industriale

MINIERA DEL MORONE

SELVENA, GROSSETO

850°
17 voti

Area naturale

BAGNI SAN FILIPPO

CASTELL'AZZARA, GROSSETO

858°
9 voti

Area naturale

MONTE NEBBIAIO

CASTELL AZZARA, GROSSETO

865°
2 voti

Costa, area marina, spiaggia

PANORAMA DI CASTELL'AZZARA

CASTELL AZZARA, GROSSETO

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

ROCCA SILVANA

CASTELL'AZZARA, GROSSETO

ROCCA SILVANA
La rocca fu costruita nel IX secolo ed era un antico possedimento dell'Abbazia di San Salvatore al Monte Amiata. Nei secoli successivi divenne della famiglia Aldobrandeschi, assumendo un ruolo strategico per il controllo e lo sfruttamento delle vicine miniere di cinabro e mercurio ed entrando nelle mire espansionistiche di Siena, sotto la cui giurisdizione passò verso la metà del Trecento. Nei primi anni del XIV secolo gli Orsini di Pitigliano inglobarono la fortificazione nella loro contea. La rocca entrò a far parte del Granducato di Toscana attorno alla metà del Seicento, assieme a tutti gli altri territori della Contea degli Orsini. Da allora, la fortificazione fu gradualmente dismessa, andando incontro ad un lungo ed inesorabile declino. Negli ultimi anni del secolo scorso, una serie di campagne di scavo e di interventi di restauro hanno permesso il recupero di una piccola parte degli imponenti ruderi che testimoniano l'importanza della rocca nei secoli passati.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornate FAI di Primavera
2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te