Iscriviti al FAI

SALCI

CITTA DELLA PIEVE, PERUGIA

Condividi
Il suggestivo borgo-castello di Salci sorge in cima ad una collinetta che si trova al confine tra Umbria, Toscana e Lazio, a pochi chilometri dall'abitato di Fabro.
Il castello è un antico borgo murato costituito da due corti interne e comunicanti tra loro, secondo il modello alto-laziale.
La corte più piccola aveva una funzione di rappresentanza; vi si affacciano infatti il palazzo Ducale e la chiesetta di San Leo.
La corte più grande invece, nella quale si svolgeva il mercato, è costituita da edifici più modesti, destinati  ad alloggio dei militari o ad abitazioni dei contadini del feudo.
Gli ingressi al castello sono costituiti da due porte. La principale, chiamata Porta d'Orvieto, è una torre quadrata sormontata da una merlatura guelfa sorretta da beccatelli (archetti con funzione di sostegno) ad arco acuto. Molto più semplice invece è la Porta di Siena che aveva una funzione perlopiù secondaria.
Il castello di Salci venne edificato nel XIV secolo dalla famiglia dei Bandini, signori di Città della Pieve e discendenti del grande condottiero Vanni Bandini.
A partire da questo periodo fino alla fine del secolo successivo, l'antico borgo fu territorio di contesa tra Orvieto e Città della Pieve.
Finalmente nel 1497, si arrivò ad un accordo, con la firma del trattato di Monteleone: Salci entrò definitivamente a far parte del territorio di Città della Pieve e dell'area d'influenza dei Bandini. Questi trasmisero la proprietà ai propri discendenti fino al 1568, anno in cui Pio V eleva a Ducato il castello ed il territorio limitrofo. Le conseguenze di questo cambiamento furono molto importanti: Salci potè dotarsi di una guarnigione militare indipendente da quella di Città della Pieve, potè imporre tasse proprie ed organizzare fiere e mercati.
Con l'estinzione della famiglia dei Bandini, il complesso venne ceduto da Pio V ai Bonelli di Torlonia, legati al papa da un vincolo di parentela.
La famiglia Bonelli tenne il castello fino al 1886, quando venne acquistato da Vittoria di Mirafiori.
Recentemente il borgo è stato riconvertito ad usi agricoli.

Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2010, 2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te