Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
SANTA MARIA DELL' UMILTÀ DELL'OSPEDALE SAN GIOVANNI DI DIO

SANTA MARIA DELL' UMILTÀ DELL'OSPEDALE SAN GIOVANNI DI DIO

FIRENZE

1,556°

POSTO

68

VOTI 2020
SANTA MARIA DELL' UMILTÀ DELL'OSPEDALE SAN GIOVANNI DI DIO
La chiesa di Santa Maria dell’Umiltà sorge dove anticamente si trovava l’antico Ospedale di San Giovanni di Dio, fondato nel 1380 dal banchiere Simone Vespucci, antenato del celebre esploratore Amerigo. Con il passare dei secoli l’Ospedale divenne sempre più importante e, soprattutto dopo la santificazione di San Giovanni di Dio (1690), si rese necessaria l’edificazione di una chiesa annessa alla struttura sanitaria, così da unire la cura dello spirito a quella del corpo. La storia e l'arte di questa chiesa sono strettamente legate a quelle dell'ospedale di San Giovanni di Dio. Infatti, fu grazie a notevoli donazioni e lasciti testamentari che nel 1701 venne intrapreso un rinnovamento completo dell’intero complesso: l’Ospedale fu spostato verso la piazza di Ognissanti e ingrandito, e al posto della vecchia struttura nosocomiale fu edificata la chiesa di Santa Maria del’Umiltà. Come architetto fu scelto l’artista Carlo Marcellini (1643-1713), il quale non soltanto progettò gli edifici, ma si occupò anche della decorazione scultorea della chiesa. Per questi lavori Marcellini rifiutò qualsiasi compenso, si impegnò infatti per “pura carità”, chiedendo solo di essere sepolto nella chiesa. L’edificio religioso è un gioiello del tardo Barocco toscano, ma ancora poco noto, anche perché chiuso al culto e al pubblico da molti anni. E' caratterizzato da una straordinaria coerenza stilistica tra le parti architettoniche e quelle artistiche, nonché dalla presenza di opere legate alla storia della sanità e un tempo considerate miracolose - come il piccolo Crocifisso che si riteneva avesse guarito molte persone dalla peste. La chiesa attualmente versa in condizioni allarmanti: oltre al cattivo stato di conservazione degli stucchi e dei dipinti, è da segnalare il crollo, avvenuto nell’aprile del 2015, di un medaglione in pietra serena raffigurante la Vergine, posto nella facciata della chiesa e scolpito da Carlo Marcellini: l’opera, ridotta in frantumi, è stata raccolta ed è in attesa di restauro.

Scheda completa al 88%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Vota altri luoghi vicini

4,423°
21 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO MEDICI RICCARDI

FIRENZE

29,064°
1 voto

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO RINUCCINI

FIRENZE

Vota altri luoghi simili

17,003 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

12,539 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

12,214 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

SANTA MARIA DELL' UMILTÀ DELL'OSPEDALE SAN GIOVANNI DI DIO

FIRENZE

SANTA MARIA DELL' UMILTÀ DELL'OSPEDALE SAN GIOVANNI DI DIO
La chiesa di Santa Maria dell’Umiltà sorge dove anticamente si trovava l’antico Ospedale di San Giovanni di Dio, fondato nel 1380 dal banchiere Simone Vespucci, antenato del celebre esploratore Amerigo. Con il passare dei secoli l’Ospedale divenne sempre più importante e, soprattutto dopo la santificazione di San Giovanni di Dio (1690), si rese necessaria l’edificazione di una chiesa annessa alla struttura sanitaria, così da unire la cura dello spirito a quella del corpo. La storia e l'arte di questa chiesa sono strettamente legate a quelle dell'ospedale di San Giovanni di Dio. Infatti, fu grazie a notevoli donazioni e lasciti testamentari che nel 1701 venne intrapreso un rinnovamento completo dell’intero complesso: l’Ospedale fu spostato verso la piazza di Ognissanti e ingrandito, e al posto della vecchia struttura nosocomiale fu edificata la chiesa di Santa Maria del’Umiltà. Come architetto fu scelto l’artista Carlo Marcellini (1643-1713), il quale non soltanto progettò gli edifici, ma si occupò anche della decorazione scultorea della chiesa. Per questi lavori Marcellini rifiutò qualsiasi compenso, si impegnò infatti per “pura carità”, chiedendo solo di essere sepolto nella chiesa. L’edificio religioso è un gioiello del tardo Barocco toscano, ma ancora poco noto, anche perché chiuso al culto e al pubblico da molti anni. E' caratterizzato da una straordinaria coerenza stilistica tra le parti architettoniche e quelle artistiche, nonché dalla presenza di opere legate alla storia della sanità e un tempo considerate miracolose - come il piccolo Crocifisso che si riteneva avesse guarito molte persone dalla peste. La chiesa attualmente versa in condizioni allarmanti: oltre al cattivo stato di conservazione degli stucchi e dei dipinti, è da segnalare il crollo, avvenuto nell’aprile del 2015, di un medaglione in pietra serena raffigurante la Vergine, posto nella facciata della chiesa e scolpito da Carlo Marcellini: l’opera, ridotta in frantumi, è stata raccolta ed è in attesa di restauro.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te