Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
SANTUARIO DELLA MADONNA DELL'OLMO

SANTUARIO DELLA MADONNA DELL'OLMO

VERDELLINO, BERGAMO

655°

POSTO

212

VOTI 2020
Condividi
SANTUARIO DELLA MADONNA DELL'OLMO

Fino a pochi decenni fa tra Verdellino e Ciserano sperduta tra la pace dei campi vi era un antico santuario caro alla devozione dei verdellinesi, chiamato la Madonna dell’Olmo. Questa meravigliosa chiesetta, rustica ma preziosa, era chiusa come una gemma in un verde scrigno di alberi vetusti. L’antico edificio della chiesa, l’elegante campanile, la rustica sacrestia, la piccola casa del custode, il fresco pozzo, il colossale olmo eretto al centro del sagrato, il tutto raccolto in un piccolo spazio recintato da un basso muro, aveva l’aspetto di un rifugio per i viandanti persi nell'immensa pianura padana e ritrovo per i contadini del luogo, che alla fine del lavoro si riposavano stanchi all'ombra delle piante circondanti la costruzione. Le origini di questo Santuario risalgono all'inizio del XIV secolo, quando la Madonna apparse tra le fronde dell’olmo ad un cacciatore. Sorse così, per volontà dei fedeli, il nostro Santuario affrescato da numerosi dipinti, i più antichi risalenti al 1408. Così antico, vide l’accorrere dei fedeli ai piedi della Madonna imploranti la grazia di essere preservati dalle varie pestilenze che infestavano il nostro territorio, come la peste del 1526-1527 durante la guerra contro gli spagnoli, la peste del 1576-1577 provocata da una terribile carestia, la famosa peste bubbonica del 1630 descritta dal Manzoni e per ultimo il colera del 1830. Il culto della Madonna dell’Olmo era molto sentito in tutta la zona e davanti al dilagare delle malattie, molti fedeli si recavano al Santuario pregando la Madre Celeste di preservali oppure guarirli dal male.Visitando il santuario si possono ancora vedere i residui di molti quadretti antichi e contemporanei, i muri completamente affrescati di Santi e Madonne, tutti ex voto a testimonianza delle grazie ricevute. Tornando ai giorni nostri negli anni sessanta, con la creazione di Zingonia, tutta la porzione di territorio compresa fra i comuni di Boltiere, Ciserano, Osio Sotto, Verdellino e Verdello è stata oggetto di un notevole sviluppo industriale, facilitato da esenzioni fiscali e semplificazioni burocratiche che hanno favorito la costruzione di capannoni e fabbriche, senza nessun attenzione per il territorio, in nome di un riscatto economico che effettivamente ha portato lavoro e ricchezza. Questo monumento di arte sacre, circondato da un residuo di piante, è stato inglobato ed avvolto da una serie di capannoni che lo nascondono e sminuiscono, facendolo sembrare un antico e prezioso mobile in una disordinata casa moderna. ¿ sempre al suo posto, quale simbolo di eternità, il secolare olmo circondato da una ringhiera quadrata di ferro, ma oggi camminando nel cortile di sassi o sotto il portichetto del sagrato, si percepisce una situazione di disagio dovuta alla perdita di contesto ambientale, anche se piano piano l’occhio, durante il raccoglimento nella preghiera, si abitua ai tetti dei capannoni, al grigio dei muri, ai camini di acciaio e l’orecchio perdona il rumore delle macchine in azione. Sono state proprio le calamità epidemiche a formare, tra gli ex voto affrescati, la storia del Santuario di Verdellino. Così un certo Filippo da Colognola, per grazia ricevuta, fece dipingere una bellissima Madonna che tiene sulle ginocchia il Divin Bambino che ha in mano un globo. Così altre scritture corrose, sopra altre Madonne, certificano l'improvvisa guarigione di qualche altra persona. Questa la storia incompleta del Santuario, gioiello d'arte, monumento d'arte antica, pinacoteca di arte mariana. Una storia che mai nessuno riuscirà a narrare completamente perché legata alle sofferenze di tante generazioni. 

Gallery

Madonna dell'olmo
Madonna dell'olmo
Madonna dell'Olmo
madonna dell'olmo
madonna dell'olmo

Scheda completa al 65%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

655° Posto

212 Voti
Censimento 2018

6,414° Posto

13 Voti
Censimento 2004

748° Posto

2 Voti

Scopri altri luoghi vicini

852°
15 voti

Chiesa

CHIESINA DI SAN MARCO

CISERANO, BERGAMO

853°
14 voti

Bosco

FONTANILE RAMPAZZONE

POGNANO, BERGAMO

860°
7 voti

Bosco

IL LOGGIONE

POGNANO, BERGAMO

834°
33 voti

Palazzo storico, dimora storica

VILLA GAMBARINI CAGNOLA GIAVAZZI - MUNICIPIO DI VERDELLO

VERDELLO, BERGAMO

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

SANTUARIO DELLA MADONNA DELL'OLMO

VERDELLINO, BERGAMO

Condividi
SANTUARIO DELLA MADONNA DELL'OLMO
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te