Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
SCAVI ARCHEOLOGICI DI HERDONIA

SCAVI ARCHEOLOGICI DI HERDONIA

ORDONA, FOGGIA

823°

POSTO

44

VOTI 2020
Condividi
SCAVI ARCHEOLOGICI DI HERDONIA
L’antica città romana di Herdonia, scoperta su una collina a sud- ovest dell’attuale Ordona nel 1962 dall’archeologo Joseph Mertens, è anche nota come “la Pompei della Puglia”. Fu teatro di due importanti battaglie durante la seconda guerra punica e raggiunse l’apice in età imperiale, grazie alla prossimità con l’importante Via Traiana. Sopravvissuta al periodo delle invasioni barbariche, Herdonia ospitò uno dei castelli di Federico di Svevia nel Duecento. In età tardomedievale subì un progressivo spopolamento e fu abbandonata definitivamente attorno al XIV-XV secolo. Il vero reinsediamento cominciò tra il XVII e XVIII secolo, in una zona vicina al sito dell'antica città; nacque prima un'azienda agricola di gesuiti, e successivamente sorse uno dei nuovi cinque reali siti colonici, voluti nel XVIII secolo da re Ferdinando IV di Borbone per ripopolare e riqualificare l'area agricola del tavoliere meridionale. Gli scavi archeologici hanno portato alla luce elementi significativi dell’antico insediamento: sono visibili le mura perimetrali e sul lato ovest i resti della porta principale fiancheggiata da torri quadrate, con rivestimenti in opus reticulatum. Nella zona centrale si trovano un complesso di costruzioni in laterizio e reticolato, i resti di due templi , di una basilica, del foro, di un mercato circolare e delle terme mentre a nord est troviamo i resti di un piccolo anfiteatro. All’esterno delle mura si estende una vasta necropoli in cui sono stati rinvenuti diversi esempi di ceramica dauna conservati nei musei di Foggia, Bari e Taranto. Nel 2000 gli scavi sono stati interrotti in seguito a un contenzioso tra il MiBACT e i proprietari dei terreni su cui sorge l'antica Herdoniae; nel 2014 il Ministero è riuscito ad acquisire parte della proprietà e a tutt’oggi sta cercando di acquisire il resto del terreno per continuare gli scavi. Per far sì che il luogo non cada nell’oblio un’associazione locale si occupa di organizzare nel sito rievocazioni in costume ed eventi teatrali, con artisti del calibro di Michele Placido. Ad oggi l’incuria e l’abbandono stanno gravemente danneggiando quanto era stato portato alla luce: la vegetazione si è riappropriata del luogo e gli affreschi che erano stati restaurati hanno bisogno di nuovi interventi. Per questo motivo la cittadinanza si sta mobilitando, nella speranza di sbloccare la situazione e di poter creare in futuro un Parco Archeologico dell’antica città di Herdonia.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

823° Posto

44 Voti
Censimento 2018

3,700° Posto

22 Voti
Censimento 2016

118° Posto

2,813 Voti
Censimento 2014

529° Posto

89 Voti
Censimento 2012

292° Posto

79 Voti
Censimento 2010

91° Posto

860 Voti
Censimento 2004

1,388° Posto

1 Voti
Censimento 2003

1,863° Posto

1 Voti

Scopri altri luoghi vicini

850°
17 voti

Museo

HERDONIA MUSEO ARCHEOLOGICO

ORDONA, FOGGIA

855°
12 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO EX GESUITICO

ORTA NOVA, FOGGIA

863°
4 voti

Cascina, fattoria, masseria

MASSERIA CIRILLO

ORTA NOVA, FOGGIA

858°
9 voti

Area archeologica

VILLA ROMANA DI FARAGOLA

ASCOLI SATRIANO, FOGGIA

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

SCAVI ARCHEOLOGICI DI HERDONIA

ORDONA, FOGGIA

Condividi
SCAVI ARCHEOLOGICI DI HERDONIA
L’antica città romana di Herdonia, scoperta su una collina a sud- ovest dell’attuale Ordona nel 1962 dall’archeologo Joseph Mertens, è anche nota come “la Pompei della Puglia”. Fu teatro di due importanti battaglie durante la seconda guerra punica e raggiunse l’apice in età imperiale, grazie alla prossimità con l’importante Via Traiana. Sopravvissuta al periodo delle invasioni barbariche, Herdonia ospitò uno dei castelli di Federico di Svevia nel Duecento. In età tardomedievale subì un progressivo spopolamento e fu abbandonata definitivamente attorno al XIV-XV secolo. Il vero reinsediamento cominciò tra il XVII e XVIII secolo, in una zona vicina al sito dell'antica città; nacque prima un'azienda agricola di gesuiti, e successivamente sorse uno dei nuovi cinque reali siti colonici, voluti nel XVIII secolo da re Ferdinando IV di Borbone per ripopolare e riqualificare l'area agricola del tavoliere meridionale. Gli scavi archeologici hanno portato alla luce elementi significativi dell’antico insediamento: sono visibili le mura perimetrali e sul lato ovest i resti della porta principale fiancheggiata da torri quadrate, con rivestimenti in opus reticulatum. Nella zona centrale si trovano un complesso di costruzioni in laterizio e reticolato, i resti di due templi , di una basilica, del foro, di un mercato circolare e delle terme mentre a nord est troviamo i resti di un piccolo anfiteatro. All’esterno delle mura si estende una vasta necropoli in cui sono stati rinvenuti diversi esempi di ceramica dauna conservati nei musei di Foggia, Bari e Taranto. Nel 2000 gli scavi sono stati interrotti in seguito a un contenzioso tra il MiBACT e i proprietari dei terreni su cui sorge l'antica Herdoniae; nel 2014 il Ministero è riuscito ad acquisire parte della proprietà e a tutt’oggi sta cercando di acquisire il resto del terreno per continuare gli scavi. Per far sì che il luogo non cada nell’oblio un’associazione locale si occupa di organizzare nel sito rievocazioni in costume ed eventi teatrali, con artisti del calibro di Michele Placido. Ad oggi l’incuria e l’abbandono stanno gravemente danneggiando quanto era stato portato alla luce: la vegetazione si è riappropriata del luogo e gli affreschi che erano stati restaurati hanno bisogno di nuovi interventi. Per questo motivo la cittadinanza si sta mobilitando, nella speranza di sbloccare la situazione e di poter creare in futuro un Parco Archeologico dell’antica città di Herdonia.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2004, 2010, 2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te