Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
VILLA CRESPI AI RONCHI

VILLA CRESPI AI RONCHI

VIGEVANO, PAVIA

817°

POSTO

50

VOTI 2020
VILLA CRESPI AI RONCHI
Capolavoro di quel fenomeno, ormai sempre più rivalutato, che prende il nome di "Razionalismo Italiano", Villa Crespi è un rarissimo esempio di residenza di caccia della seconda metà degli anni trenta del novecento. Vittorio Crespi lasciò carta bianca per la realizzazione all'architetto Milanese Giuseppe de Finetti. Seppure le poche pubblicazioni tendano a comparare l'architettura della villa ai progetti dell'architetto austriaco Adolf Loos - forse per alcune analogie progettuali legate agli interni - la stereometria esterna e sopratutto l'armonico contrasto che instaura con la natura sembrano essere più vicini alle ben note "Prairie house" di Frank Lloyd Wright, di qualche decade precedenti, ma quasi sconosciute in Italia ai tempi. Senza un giardino a interrompere il bosco, l'edificio tende quasi a chiudersi in se stesso: le aperture sull'esterno incorniciano la natura selvaggia senza mai esporre troppo chi la vive, garantendo protezione. Ogni dettaglio fu progettato per assicurare ogni comfort agli ospiti e ai signori dopo le battute caccia. Questo avviene attraverso espedienti moderni - modernissimi per il periodo -, a finiture ricercate a una ripartizione congeniale tra ambienti di servizio, spazi privati e di rappresentanza. La Villa, oggi in vendita, meraviglia chi la visita per lo stato di conservazione. Non presenta infatti stratificazioni storiche che strizzino l'occhio alle mode del novecento e sembra arrivare inalterata dal primo giorno in cui fu abitata.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

817° Posto

50 Voti

Scopri altri luoghi vicini

865°
2 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO DELLA COOPERATIVA

BESATE, MILANO

849°
18 voti

Cappella

CAPPELLA DEL SANTISSIMO CROCEFISSO

VIGEVANO, PAVIA

NC
0 voti

Area naturale

SPONDA SINISTRA DEL TICINO CON IL SUO BOSCO

BESATE, MILANO

852°
15 voti

Archeologia industriale

IL CALZATURIFICIO MORESCHI

VIGEVANO, PAVIA

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

VILLA CRESPI AI RONCHI

VIGEVANO, PAVIA

VILLA CRESPI AI RONCHI
Capolavoro di quel fenomeno, ormai sempre più rivalutato, che prende il nome di "Razionalismo Italiano", Villa Crespi è un rarissimo esempio di residenza di caccia della seconda metà degli anni trenta del novecento. Vittorio Crespi lasciò carta bianca per la realizzazione all'architetto Milanese Giuseppe de Finetti. Seppure le poche pubblicazioni tendano a comparare l'architettura della villa ai progetti dell'architetto austriaco Adolf Loos - forse per alcune analogie progettuali legate agli interni - la stereometria esterna e sopratutto l'armonico contrasto che instaura con la natura sembrano essere più vicini alle ben note "Prairie house" di Frank Lloyd Wright, di qualche decade precedenti, ma quasi sconosciute in Italia ai tempi. Senza un giardino a interrompere il bosco, l'edificio tende quasi a chiudersi in se stesso: le aperture sull'esterno incorniciano la natura selvaggia senza mai esporre troppo chi la vive, garantendo protezione. Ogni dettaglio fu progettato per assicurare ogni comfort agli ospiti e ai signori dopo le battute caccia. Questo avviene attraverso espedienti moderni - modernissimi per il periodo -, a finiture ricercate a una ripartizione congeniale tra ambienti di servizio, spazi privati e di rappresentanza. La Villa, oggi in vendita, meraviglia chi la visita per lo stato di conservazione. Non presenta infatti stratificazioni storiche che strizzino l'occhio alle mode del novecento e sembra arrivare inalterata dal primo giorno in cui fu abitata.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te