ISCRIVITI AL FAI
Accedi
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
VILLA EUGENIA - SOLO PARCO

VILLA EUGENIA - SOLO PARCO

CIVITANOVA MARCHE, MACERATA

2,625°

POSTO

32

VOTI 2018
Condividi
VILLA EUGENIA - SOLO PARCO
Nel 1850 alcuni terreni della zona di Civitanova Marche passarono in mano alla famiglia Bonaparte; Eugenia Maria di Montijo de Guzman, moglie di Napoleone III, diede il via alla costruzione della villa su di una collinetta a nord-ovest della città, che sarebbe diventata luogo di soggiorno e di riposo. La villa successivamente passò in custodia ai conti Graziani La storia della Tenuta Bonaparte inizia dopo l'annessione delle Marche al Regno Napoleonico d'Italia avvenuta con il decreto imperiale di Saint Cloud del 2 aprile 1808. In quegli anni circa cento poderi del territorio di Civitanova, in ottemperanza della legge di soppressione delle Congragazioni religiose e a seguito della confisca dei relativi beni, furono incamerati dal Regio Demanio prima come Appannaggio Reale, poi come beni personali del vicerè Eugenio Beauharnais e dei suoi discendenti. Dopo la caduta dell'impero napoleonico, per decisione del Congresso di Vienna del 1814, tutte queste terre non vengono restituite allo Stato Pontificio ma rimangono dei Bonaparte fino a diventare proprietà privata dell'Imperatore Napoleone III°; nel Catasto Gregoriano di Civitanova del 1855 risultava al n° 46: Bonaparte Luigi Napoleone III° - Imperatore dei Francesi in Parigi, a cui veniva stimata una proprietà di circa 10.500 tavole (pari a 1.050 ettari), un quarto delle terre coltivabili del territorio comunale. Dopo essere stata amministrata inizialmente da un ex colonnello dei Dragoni veterano delle campagne napoleoniche, la tenuta verrà diretta dall'ingegner Paul Hallaire sovraintendente generale dei domaines privès de l'Empereur Napolèon III a Civitanova; l'ing. Hallaire riuscirà a dare un nuovo impulso all'azienda importando dalla Francia nuove tecniche e moderni sistemi di conduzione: a lui si deve probabilmente l'introduzione dei vitigni francesi fra quelli coltivati nella tenuta. Durante questo periodo, oltre ad opere di beneficenza e aiuto sociale, fu costruita una importante villa su di un ameno colle della tenuta: Villa Eugenia, così chiamata in onore della Imperatrice Eugenia de Montijo moglie di Napoleone III° la quale erediterà la tenuta alla morte del marito e ne rimarrà proprietaria fino al 1920, quando morì alla veneranda età di novantaquattro anni. Il periodo più importante dal punto di vista agronomico della Amministrazione Bonaparte fu durante la gestione, dal 1883 al 1918, di Celso Tebaldi, senza dubbio un pioniere dell'agricoltura moderna che fra i primi si fa interprete dell'esigenza di utilizzare metodi intensivi e razionali, dando un saggio di conduzione agricola innovativa che valse la fama di innovatore a lui e di azienda modello alla tenuta. I mille e duecento ettari della tenuta erano divisi in 110 colonie organizzate in tre Fattorie autonomamente amministrate: la prima in località Piane di Chienti, la seconda in località Asola-Poggio Imperiale, e la terza fattoria in localià Fontespina; di ogni fattoria era responsabile un fattore che agiva con la collaborazione di un capodopera e rendeva conto direttamente all'amministratore. Ad ogni podere o colonia era stato assegnato un nome, alcuni richiamavano antichi toponimi come S. Silvestro, Fossacieca, Boccadigabbia, San Leonardo; altri erano nomi di fantasia come Benprovvisto, Pratolina e Balsamina, mentre altri ancora si rifacevano a personaggi dell'era napoleonica come Murat, Guzman, Maria Walenska e così via. La gestione della tenuta andò avanti, con alterne vicende, fino alla Seconda Guerra Mondiale, poi le nuove leggi, i nuovi rapporti di lavoro e lo spopolamento delle campagne hanno portato all'inevitabile decadenza dell'Amministrazione Bonaparte con il conseguente smembramento del latifondo e la vendita progressiva dei singoli poderi. Il podere Boccadigabbia, che faceva parte della fattoria di Fontespina, fu venduto nel 1956 alla famiglia Alessandri direttamente da Sua Altezza Imperiale il Principe Luigi Napoleone Bonaparte, ultimo pretendente alla Corona Imperiale.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2016

4,971° Posto

13 Voti
Censimento 2014

1,186° Posto

29 Voti
Censimento 2012

626° Posto

20 Voti
Censimento 2010

286° Posto

3 Voti
Censimento 2003

1,697° Posto

1 Voti

Scopri altri luoghi vicini

24,769°
3 voti

Chiesa

CHIESA S.FRANCESCO

CIVITANOVA MARCHE, MACERATA

18,811°
5 voti

Borgo

CIVITANOVA ALTA

CIVITANOVA MARCHE, MACERATA

9,003°
10 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO DUCALE DI CIVITANOVA MARCHE ALTA

CIVITANOVA MARCHE, MACERATA

29,305°
2 voti

Santuario

SANTUARIO S.MARIA

CIVITANOVA MARCHE, MACERATA

Scopri altri luoghi simili

40°
5,309 voti

Villa

VILLA GROCK E IL SUO PARCO

IMPERIA

86°
2,555 voti

Villa

SERRA ESOTICA DI VILLA ANNONI

CUGGIONO, MILANO

108°
2,114 voti

Villa

VILLA DURAZZO PALLAVICINI A PEGLI

GENOVA

114°
1,962 voti

Villa

PARCO E VILLA ALBRIZZI FRANCHETTI

PREGANZIOL, TREVISO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

VILLA EUGENIA - SOLO PARCO

CIVITANOVA MARCHE, MACERATA

Condividi
VILLA EUGENIA - SOLO PARCO
Nel 1850 alcuni terreni della zona di Civitanova Marche passarono in mano alla famiglia Bonaparte; Eugenia Maria di Montijo de Guzman, moglie di Napoleone III, diede il via alla costruzione della villa su di una collinetta a nord-ovest della città, che sarebbe diventata luogo di soggiorno e di riposo. La villa successivamente passò in custodia ai conti Graziani La storia della Tenuta Bonaparte inizia dopo l'annessione delle Marche al Regno Napoleonico d'Italia avvenuta con il decreto imperiale di Saint Cloud del 2 aprile 1808. In quegli anni circa cento poderi del territorio di Civitanova, in ottemperanza della legge di soppressione delle Congragazioni religiose e a seguito della confisca dei relativi beni, furono incamerati dal Regio Demanio prima come Appannaggio Reale, poi come beni personali del vicerè Eugenio Beauharnais e dei suoi discendenti. Dopo la caduta dell'impero napoleonico, per decisione del Congresso di Vienna del 1814, tutte queste terre non vengono restituite allo Stato Pontificio ma rimangono dei Bonaparte fino a diventare proprietà privata dell'Imperatore Napoleone III°; nel Catasto Gregoriano di Civitanova del 1855 risultava al n° 46: Bonaparte Luigi Napoleone III° - Imperatore dei Francesi in Parigi, a cui veniva stimata una proprietà di circa 10.500 tavole (pari a 1.050 ettari), un quarto delle terre coltivabili del territorio comunale. Dopo essere stata amministrata inizialmente da un ex colonnello dei Dragoni veterano delle campagne napoleoniche, la tenuta verrà diretta dall'ingegner Paul Hallaire sovraintendente generale dei domaines privès de l'Empereur Napolèon III a Civitanova; l'ing. Hallaire riuscirà a dare un nuovo impulso all'azienda importando dalla Francia nuove tecniche e moderni sistemi di conduzione: a lui si deve probabilmente l'introduzione dei vitigni francesi fra quelli coltivati nella tenuta. Durante questo periodo, oltre ad opere di beneficenza e aiuto sociale, fu costruita una importante villa su di un ameno colle della tenuta: Villa Eugenia, così chiamata in onore della Imperatrice Eugenia de Montijo moglie di Napoleone III° la quale erediterà la tenuta alla morte del marito e ne rimarrà proprietaria fino al 1920, quando morì alla veneranda età di novantaquattro anni. Il periodo più importante dal punto di vista agronomico della Amministrazione Bonaparte fu durante la gestione, dal 1883 al 1918, di Celso Tebaldi, senza dubbio un pioniere dell'agricoltura moderna che fra i primi si fa interprete dell'esigenza di utilizzare metodi intensivi e razionali, dando un saggio di conduzione agricola innovativa che valse la fama di innovatore a lui e di azienda modello alla tenuta. I mille e duecento ettari della tenuta erano divisi in 110 colonie organizzate in tre Fattorie autonomamente amministrate: la prima in località Piane di Chienti, la seconda in località Asola-Poggio Imperiale, e la terza fattoria in localià Fontespina; di ogni fattoria era responsabile un fattore che agiva con la collaborazione di un capodopera e rendeva conto direttamente all'amministratore. Ad ogni podere o colonia era stato assegnato un nome, alcuni richiamavano antichi toponimi come S. Silvestro, Fossacieca, Boccadigabbia, San Leonardo; altri erano nomi di fantasia come Benprovvisto, Pratolina e Balsamina, mentre altri ancora si rifacevano a personaggi dell'era napoleonica come Murat, Guzman, Maria Walenska e così via. La gestione della tenuta andò avanti, con alterne vicende, fino alla Seconda Guerra Mondiale, poi le nuove leggi, i nuovi rapporti di lavoro e lo spopolamento delle campagne hanno portato all'inevitabile decadenza dell'Amministrazione Bonaparte con il conseguente smembramento del latifondo e la vendita progressiva dei singoli poderi. Il podere Boccadigabbia, che faceva parte della fattoria di Fontespina, fu venduto nel 1956 alla famiglia Alessandri direttamente da Sua Altezza Imperiale il Principe Luigi Napoleone Bonaparte, ultimo pretendente alla Corona Imperiale.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornate FAI di Primavera
2015
I Luoghi del Cuore
2003, 2010, 2012, 2014, 2016
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te