Iscriviti al FAI a -10€
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
VILLAGGIO MONTE DEGLI ULIVI

VILLAGGIO MONTE DEGLI ULIVI

RIESI, CALTANISSETTA

688°

POSTO

240

VOTI 2020
VILLAGGIO MONTE DEGLI ULIVI
Tullio Vinay e Leonardo Ricci, due amici, attraverso un’opera architettonica del 1962: il Villaggio Monte degli Ulivi, a Riesi, in cui natura ed architettura trovano magistrale armonia all’interno dell’entroterra siciliano estremamente attraente quanto povero. La costruzione del Villaggio fu terminata nel 1968 con il completamento della scuola elementare e Ricci vinse la sfida di aver costruito tutti gli edifici senza aver abbattuto neppure uno degli ulivi presenti sulla collina. L’intenzione di Leonardo Ricci, uno degli architetti più innovativi e talentuosi dell’epoca, fu questa: creare un nuovo villaggio per una comunità in una zona depressa e tradurre la forza e l’energia di Vinay in materia, spazio e forma. Il Villaggio venne concepito come un luogo in cui dare vita ad una “nuova Riesi” attraverso la costruzione di un nuovo insediamento prossimo alla città, in rapporto con il paesaggio naturale e la campagna, dove fare crescere e vivere donne e uomini liberi, in architetture che esprimessero forme nuove e un nuovo modo di abitare. L’ architettura del Servizio Cristiano, riconosciuta come patrimonio culturale, rappresenta il desiderio di concretizzare stili di vita alquanto anticonvenzionali, mediante la particolare cura degli spazi comuni all’interno e all’esterno della casa: si è introdotta così l’idea dello “spazio comunitario” che Ricci ha sviluppato a Riesi per la comunità Valdese Monte degli Ulivi e viene vissuta tutt’ora da collaboratori, collaboratrici, bambini, ospiti e residenti.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Vota altri luoghi vicini

39,112°
1 voto

Chiesa

CHIESA DEL CROCEFISSO NERO

RIESI, CALTANISSETTA

35,168°
2 voti

Chiesa

CHIESA DELLA MADONNA DELLA CATENA

RIESI, CALTANISSETTA

Vota altri luoghi simili

32,849 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

32,347 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

19,708 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

VILLAGGIO MONTE DEGLI ULIVI

RIESI, CALTANISSETTA

VILLAGGIO MONTE DEGLI ULIVI
Tullio Vinay e Leonardo Ricci, due amici, attraverso un’opera architettonica del 1962: il Villaggio Monte degli Ulivi, a Riesi, in cui natura ed architettura trovano magistrale armonia all’interno dell’entroterra siciliano estremamente attraente quanto povero. La costruzione del Villaggio fu terminata nel 1968 con il completamento della scuola elementare e Ricci vinse la sfida di aver costruito tutti gli edifici senza aver abbattuto neppure uno degli ulivi presenti sulla collina. L’intenzione di Leonardo Ricci, uno degli architetti più innovativi e talentuosi dell’epoca, fu questa: creare un nuovo villaggio per una comunità in una zona depressa e tradurre la forza e l’energia di Vinay in materia, spazio e forma. Il Villaggio venne concepito come un luogo in cui dare vita ad una “nuova Riesi” attraverso la costruzione di un nuovo insediamento prossimo alla città, in rapporto con il paesaggio naturale e la campagna, dove fare crescere e vivere donne e uomini liberi, in architetture che esprimessero forme nuove e un nuovo modo di abitare. L’ architettura del Servizio Cristiano, riconosciuta come patrimonio culturale, rappresenta il desiderio di concretizzare stili di vita alquanto anticonvenzionali, mediante la particolare cura degli spazi comuni all’interno e all’esterno della casa: si è introdotta così l’idea dello “spazio comunitario” che Ricci ha sviluppato a Riesi per la comunità Valdese Monte degli Ulivi e viene vissuta tutt’ora da collaboratori, collaboratrici, bambini, ospiti e residenti.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te