Iscriviti al FAI
Al Castello di Masino si combatte l’umidità

Al Castello di Masino si combatte l’umidità

Condividi
Al Castello di Masino si combatte l’umidità
Cantieri

24 luglio 2018

E’ stato adottato un nuovo sistema per la conservazione degli ambienti interrati e seminterrati della reggia del Canavese.

Risultato della trasformazione da fortezza a residenza signorile, questi ambienti testimoniano l’importante e articolata storia del castello. Legati alle intense attività produttive del contado di Masino fungevano da depositi per il riso, i vini, l’avena, le segale, il carbone e la legna e alcuni ospitano, ancora oggi, un grande torchio vinario la cui struttura risale al XVIII secolo.

Loading

Nel corso del tempo sono stati trasformati in depositi, cantine, cucine e magazzini: spazi funzionali che però mantengono una certa eccezionalità sia per l’ampiezza degli spazi sia per gli elementi architettonici che li caratterizzano. Lo stato di conservazione in cui versano non è buono a causa dell’umidità di risalita e d’infiltrazione laterale di acqua che, complice la scarsa areazione dei locali, influenzano le condizioni ambientali.

Analisi preliminari e monitoraggi

In quest’ottica si è scelto di utilizzare Biodry, sistema che permette di migliorare il problema dell’umidità di risalita, scarsamente invasivo, facile da installare e reversibile. L’umidità di risalita capillare è un flusso costante di molecole d’acqua che sale per attrazione nei muri a contatto con il terreno, fino a raggiungere altezze anche di 2 metri. Grazie al dispositivo l’acqua presente nel terreno non viene più attirata verso l’altro e dentro i muri ma rimane nel terreno stesso.

Le aree di intervento per l'installazione del sistema Biodry

Sono già state effettuate indagini per verificare i dati di umidità presenti nelle murature in oggetto e per individuare dove effettuare i necessari prelievi per l'analisi del contenuto di umidità. Le prime installazioni sono state realizzate negli spazi seminterrati della Torrazza, della Torre dei Venti, dell'ex cucina e della legnaia, dove l’umidità è più consistente. Successivamente si procederà con l’analisi dei materiali e il monitoraggio attraverso controlli periodici a seguito dell’installazione.

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te