Cresce il numero di Beni FAI accessibili alle persone con disabilità intellettiva

Share
Cresce il numero di Beni FAI accessibili alle persone con disabilità intellettiva

La cultura è un diritto che appartiene a tutti: cresce l’impegno del FAI per garantire che la visita nei propri Beni sia coinvolgente e soddisfacente per un numero sempre più ampio di persone.

Siamo infatti orgogliosi di annunciare che si allarga il numero di luoghi che propongono l'offerta “Bene FAI per tutti”, rivolta a visitatori con disabilità intellettiva.

L'offerta, già attiva dal 2016 a Villa e Collezione Panza (Varese) e a Villa Necchi Campiglio (Milano), ora si estende anche al Castello di Masino (Caravino, TO), a Torre e Casa Campatelli (San Gimignano, SI) e a Villa dei Vescovi (Luvigliano di Torreglia, PD).

Per ciascuno di questi luoghi abbiamo redatto una guida di lettura facilitata, che può essere richiesta in biglietteria o scaricata gratuitamente da questa pagina web. La guida consentirà ai nostri ospiti e ai loro caregiver (insegnanti, educatori, accompagnatori…) di familiarizzare con il luogo che andranno a visitare, di ridurre lo stress che nasce dal confrontarsi con un nuovo ambiente, di aumentare quindi il benessere, l’inclusione, la soddisfazione di questi visitatori.

Le guide descrivono gli spazi che si visiteranno e le attività che è possibile compiere nei Beni, contengono una mappa sensoriale e utilizzano anche i simboli della Comunicazione Aumentata Alternativa. Il progetto grafico, i testi e le immagini dei materiali sono realizzati con riferimento alle Linee guida europee per rendere l'informazione facile da leggere e da capire per tutti, con un carattere adatto anche a chi soffre di dislessia.

I visitatori con disabilità saranno accolti da uno staff appositamente formato, attento ai bisogni di questi ospiti e in grado di rispondere a ogni necessità; perché ogni momento trascorso nei nostri luoghi sia piacevole e gratificante, per tutti coloro che scelgono di visitare un Bene FAI.

"Bene FAI per tutti" è un'offerta realizzata in collaborazione con l’Associazione l’Abilità Onlus e Fondazione De Agostini e con il sostegno di JTI - Japan Tobacco International.

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te