Iscriviti al FAI

Scala dei Turchi

Condividi
Scala dei Turchi
Campagne

06 novembre 2015

Grazie all'impegno del FAI e al progetto “I Luoghi del Cuore” in collaborazione con Intesa Sanpaolo, giovedì 5 novembre si sono definitivamente conclusi i lavori di demolizione dell'ultimo ecomostro, iniziati lo scorso 19 ottobre.

Dopo più di quindici giorni è tornato il silenzio in Contrada Scavuzzo sul costone di marna bianca della Scala dei Turchi, l'imponente parete rocciosa che deve il nome alla memoria delle scorrerie dei pirati saraceni, i quali si narra trovassero proprio in questa baia protetta un porto sicuro durante la navigazione lungo la costa siciliana.

Hanno spento i motori dei mezzi da lavoro e raccolto i loro attrezzi gli operai dell'impresa Mediterranea Servizi di Racalmuto che si sono occupati della bonifica di quest'area dove fino a qualche settimana fa si ergeva in stato di totale degrado e abbandono l'ultimo abuso edilizio che deturpava questo tratto spettacolare della costa agrigentina. Conclusa la rimozione dell'eternit e dell'amianto e demolita la struttura, la terrazza naturale che si affaccia sulla baia è finalmente ritornata al suo stato originario.

L'intervento di bonifica della Scala dei Turchi è stato realizzato nell'ambito del censimento “I Luoghi del Cuore”, a seguito dell'impegno assunto dal FAI il 15 aprile 2015 nell'affiancare il Comune di Realmonte nella riqualificazione del territorio.

 

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te