Iscriviti al FAI
Accedi

#StopGlifosato: disinteresse Parlamento Europeo

Condividi
#StopGlifosato: disinteresse Parlamento Europeo
Attualità

15 giugno 2017

Il 14 giugno scorso il Parlamento europeo ha votato la proposta della Commissione per il divieto di utilizzo dei pesticidi nelle Ecological Focus Area (aree di interesse ecologico): anche se la maggioranza degli europarlamentari ha votato per continuarne l'impiego non è stata raggiunta la maggioranza necessaria per bocciare la proposta, che quindi è passata.

Un piccolo passo verso un'agricoltura senza pesticidi, dunque. Ma anche una conferma del disinteresse del Parlamento europeo per la salute dei cittadini e per la tutela dell'ambiente. “Dall'Europa continuiamo ad aspettarci di più – ha dichiarato Maria Grazia Mammuccini, portavoce della coalizione italiana #StopGlifosato – ora, infatti, si deciderà del rinnovo o meno dell'autorizzazione del Glifosato.”

Prossimi step

Scade a dicembre 2017 il rinnovo temporaneo di 18 mesi della licenza di vendita del Glifosato, stabilito dalla Commissione europea, ma il prossimo 19 e 20 luglio i Governi europei dovranno già ridiscutere la proposta che andrà ai voti dopo l'estate in modo che la Commissione possa prendere una decisione definitiva sul futuro del Glifosato entro la fine dell'anno.

Firma contro il Glifosato

Il Glifosato è un pesticida valutato dall'agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, che fa parte dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, come “probabile cancerogeno per l'uomo”: gli organismi scientifici sono divisi su questo aspetto ma non sulla sua dannosità per la salute umana e per quella ambientale. E', quindi, fondamentale far sentire la nostra voce e difendere un'agricoltura sana partecipando all'Iniziativa dei Cittadini Europei “Stop Glifosato”: si tratta di uno strumento di democrazia dal basso che intende raccogliere almeno un milione di firme entro il 30 giugno 2017 per ottenere l'ascolto della Commissione europea sulle richieste dei promotori, ovvero un divieto dell'uso del Glifosato, la riforma del processo di approvazione dei pesticidi dell'UE e la definizione di obiettivi obbligatori per ridurne l'uso.

Ad oggi più di un milione di europei ha già firmato l'iniziativa in tutti i 28 Stati membri e il quorum di firme necessario è stato raggiunto in più dei 7 Stati richiesti. Tra questi anche l'Italia, dove la raccolta continua allo stesso ritmo per dare un segnale ancora più chiaro alle istituzioni italiane ed europee. Gli organizzatori dell'ICE presenteranno le firme raccolte a inizio di luglio per richiedere alla Commissione di rispondere formalmente prima della decisione finale su una nuova licenza di Glifosato.

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te