Iscriviti al FAI
A Varese i giovani del FAI riaprono le porte del Gran Hotel Campo dei Fiori

A Varese i giovani del FAI riaprono le porte del Gran Hotel Campo dei Fiori

Condividi
A Varese i giovani del FAI riaprono le porte del Gran Hotel Campo dei Fiori
Focus

05 aprile 2019

“Uno dei nostri sogni come Gruppo FAI Giovani di Varese era di legare il nostro nome alla riapertura di alcuni luoghi significativi della città e il Grand Hotel Campo dei Fiori, con la sua storia meravigliosa e affascinante, con la sua imponenza e il suo sembrare lontano nel tempo, ma attualissimo e ben presente nel panorama di Varese, era sicuramente in cima alla lista.”

È con queste parole che Giulia Pozzi, Capo Gruppo FAI Giovani di Varese, annuncia orgogliosa la riapertura dell’antico Albergo Campo dei Fiori di Varese. Chiuso dal 1968, era stato riaperto per la prima volta nel 2017 dagli stessi volontari che, da aprile ad ottobre, saranno impegnati a far conoscere la storia di questo luogo simbolo della città.

Oggi sotto i riflettori del grande cinema

Il complesso è inoltre stato nell'autunno/inverno 2016 il set del remake di Suspiria, per la regia di Luca Guadagnino a cui hanno partecipato anche le attrice hollywoodiane di Dakota Johnson e Tilda Swinton. Oggi buona parte delle scenografie è ancora presente all'interno dell'Hotel.

Ieri sintesi architettonica del fermento della Belle Époque

Negli anni della Belle Époque, del positivismo e della fiducia nel futuro, Varese è protagonista indiscussa, capace di cogliere i cambiamenti e di usufruire delle meraviglie del paesaggio su cui è adagiata. Sono gli anni del fermento, della classe media e della villeggiatura e la città si prepara ad accogliere i suoi visitatori con grandi e lussuose strutture: l’Hotel Excelsior, il Palace Grand Hotel e il Grand Hotel Campo dei Fiori.

Il Complesso Alberghiero del Campo dei Fiori apre al pubblico nel 1912, dopo solo un anno e mezzo di lavori, voluto della S.A.G.A.V. (Società Anonima Grandi Alberghi Varesini) che ne richiede la costruzione in cima al Monte Tre Croci, in posizione dominante sulla città.

La progettazione di questo gigante è affidata al miglior architetto del momento: il milanese Giuseppe Sommaruga, artista del Liberty, nome già noto nella Città Giardino, che al Campo dei Fiori riesce a interpretare perfettamente lo stile dell’epoca, la magnificenza di una città e di un territorio che in quegli anni e come non mai scopre e sostiene la sua vocazione turistica, creando un imponente e grandioso edificio che unisce sapientemente il decorativismo floreale dell'Art Nouveau alle nuove avanguardie. La storia del Grand Hotel si districa tra oltre 150 stanze, vedute mozzafiato e ambienti capaci di raccontare il fasto che ha vissuto. Da hotel di gran lusso ha attraversato due guerre, ma è stato incapace di resistere al cambiamento dei tempi.

Le visite del Gruppo FAI Giovani Varese

Saranno oltre cinquanta i volontari del Gruppo FAI Giovani di Varese che accoglieranno e accompagneranno i visitatori in un'esperienza unica nel complesso abbandonato e che, raccontandone la storia, introdurranno in alcuni dei magnifici ambienti interni come il salone delle feste, spesso ricordato come il “più bel balcone della Lombardia”, le cucine, la reception, la suite e l’affascinante scala pentagonale del Sommaruga.

Il primo fine settimana di visite è fissato per il 6 e 7 aprile. Le aperture proseguiranno nelle giornate del 12 maggio, 9 giugno, 6 e 7 luglio, più altri due appuntamenti a settembre e ottobre. Per ogni giornata di apertura sono previsti tredici turni di visita per gruppi composti da massimo trenta persone e, dato lo stato dei luoghi e per motivi di sicurezza, la visita è effettuabile solo ed esclusivamente su prenotazione tramite il link presente qui.

Sarà possibile selezionare due modalità di visita: una ‘semplice’ della durata di un'ora circa, oppure un percorso teatralizzato della durata di un'ora e mezza . Questa seconda tipologia di visita è realizzata grazie alla collaborazione con i giovani attori di Karakorum Teatro, che accompagneranno i narratori del FAI e intratterranno i visitatori con lo spettacolo di teatro itinerante “C’era una volta un re: storia del Grand Hotel che prima sapeva volare”.

Per le date del 6 e 7 aprile le prenotazioni apriranno alle ore 17.00 di giovedì 04 aprile, mentre per tutte le altre giornate le prenotazioni saranno possibili a partire dal martedì precedente alle ore 17.00 e, nel caso di mancato raggiungimento del numero massimo di partecipanti, saranno chiuse il venerdì sera.

Clicca sulla scheda per prenotare la tua visita

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te