Verso la Carta del Paesaggio

Share
Verso la Carta del Paesaggio

"La Bellezza non fa le rivoluzioni, ma viene il giorno in cui queste hanno bisogno della Bellezza"

- Albert Camus -

E’ con questa citazione che il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha concluso, insieme a Dario Franceschini Ministro del MiBACT, gli Stati Generali del Paesaggio, svoltisi a Roma il 25 e 26 ottobre scorsi. Due giorni ricchi di proposte e spunti di riflessione per una ‘rinascita’ del paesaggio in Italia in termini di educazione, consapevolezza, tutela e valorizzazione, dove, più volte, è stata ribadita l’urgenza che il Parlamento approvi il prima possibile la legge sul contenimento del consumo di suolo, ancora ferma al Senato.

Voluti da Ilaria Borletti Buitoni, Sottosegretario ai Beni Culturali con delega al paesaggio del MiBACT, gli Stati Generali si sono aperti con la presentazione del Rapporto sullo stato delle politiche del Paesaggio redatto dall'Osservatorio Nazionale per la Qualità del Paesaggio, di cui il FAI è membro attivo. A partire dai risultati del Rapporto, e grazie ai contributi dei relatori invitati agli Stati Generali, si avvierà nelle prossime settimane la scrittura della Carta del Paesaggio: un documento che intende porsi come programma, guida e visione strategica per il presente e il futuro del nostro patrimonio.

Ecco i principali contributi emersi nel corso delle 5 sessioni, moderate, rispettivamente, da: Paolo Carpentieri, Capo Ufficio Legislativo del MIBACT; Fabrizio Barca, Fondazione Basso e Consigliere della Funzione Pubblica; Salvatore Settis, Accademico dei Lincei; Giuliano Volpe, Presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali; Andrea Carandini, Presidente del FAI.

1. Legislazione e diritto al paesaggio

Si conferma la strategicità del piano paesaggistico che è lo strumento evolutivo della valorizzazione e della tutela del paesaggio perché permette di...

Leggi tutto
2. Paesaggio: bene comune e risorsa economica

Incalzano le conseguenze di scelte di sviluppo del passato. Per poter fare un salto di qualità è necessario:

  • realizzare con urgenza investimenti ingenti...
Leggi tutto
3. Paesaggio, politiche di trasformazione territoriale e qualità progettuale

Riprendendo il dettato Costituzionale, ben rappresentato nell'art.9 della Carta, si sottolinea che il paesaggio contribuisce in modo determinante a definire...

Leggi tutto
4. Legalità e inclusione sociale: verso il diritto a paesaggi di qualità

La vera consapevolezza da raggiungere e diffondere è che il paesaggio siamo tutti noi: la responsabilità delle scelte è sì di chi amministra i territori,...

Leggi tutto
5. Cultura del Paesaggio: educazione, formazione, partecipazione

La cultura del paesaggio è debole perché la cultura del patrimonio è forte, ma quest’ultimo perde il suo valore se viene separato dal contesto. Serve...

Leggi tutto
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te