A Villa Necchi la cultura appartiene a tutti

Share
A Villa Necchi la cultura appartiene a tutti

Un silenzioso giardino nel pieno centro di Milano custodisce un vero gioiello: Villa Necchi Campiglio, opera d'avanguardia del Portaluppi pre-razionalista, arricchita da preziose collezioni d'arte, ancora oggi conserva tutto il sapore della vivace mondanità della borghesia industriale della Milano anni Trenta. Tra i tanti visitatori che ogni giorno scelgono di scoprire questo tesoro ci sono anche alcuni gruppi di disabili intellettivi.

Da qualche mese, infatti, nella villa di Milano e a Villa e Collezione Panza di Varese ha preso il via il progetto “Bene FAI per tutti”, ideato e realizzato dall'Associazione l'Abilità Onlus con la Fondazione De Agostini, grazie al sostegno di JTI. Il progetto è nato per promuovere l'inclusione sociale e il pieno accesso alla cultura per le persone con disabilità intellettiva attraverso percorsi e materiali specifici, permettendo a tutti di vivere i luoghi del FAI in modo piacevole e soddisfacente.

«La visita è stata davvero interessante», racconta Chiara, educatrice della Cooperativa di solidarietà sociale Cascina Biblioteca. «Siamo stati accompagnati da una guida preparata e attenta, che ha saputo modulare le sue spiegazioni sulle esigenze del nostro gruppo. Il gruppo era composto da una decina di adulti, molti di loro con un passato lavorativo alle spalle; per questo ho apprezzato la ricchezza dei contenuti proposti e il fatto che sono stati studiati appositamente per persone con disabilità intellettiva e non sono dei semplici riadattamenti di percorsi per bambini».

«Queste persone – continua Chiara – si sono divertite molto e hanno trovato particolarmente interessanti le storie della Villa, i racconti legati alla famiglia che qui ha vissuto. Il progetto del FAI è prezioso e utile perché le proposte culturali specifiche e ben strutturate per i visitatori che presentano questo tipo di disabilità non sono molte».

Organizza una visita

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te