Iscriviti al FAI
Villa Panza

Villa Panza

UN'IDEA ASSOLUTA

Condividi
Villa Panza - Un'idea assoluta
Giuseppe Panza di Biumo. La ricerca, la collezione.

quando

Villa Panza è chiusa al pubblico fino al 3 aprile compreso
    Avviso ai nostri visitatori

    In attuazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1 marzo 2020 comunichiamo che Villa Panza è regolarmente aperta al pubblico con i consueti orari di visita e fino all’8 marzo accessibile con modalità volte a evitare l’affollamento degli spazi. Gli eventuali aggiornamenti verranno pubblicati su questa pagina e sulle nostre pagine social.

    Dal 3 marzo al 19 aprile 2020

    In occasione del ventennale dall’apertura al pubblico di Villa e Collezione Panza e a dieci anni dalla morte del grande collezionista, il FAI ripresenta l’allestimento integrale della collezione permanente, secondo i criteri museografici indicati dal collezionista al momento della sua donazione al FAI avvenuta nel 1996, e arricchito dalle opere che nel tempo sono entrate a far parte di questo patrimonio grazie alla generosità degli artisti che hanno donato i loro lavori a questo luogo e all’impegno del FAI, che negli anni ha curato le attività della Villa procedendo nel solco tracciato dal suo donatore. Questo riallestimento completo offrirà l’opportunità di raccontare e conoscere la casa così come Giuseppe Panza la lasciò, e a partire dal 2020 verrà riproposto a cadenza annuale, in alternanza con le mostre temporanee.

    "Desire" di Martin Puryear

    Nella Scuderia Grande è stato riallestito Desire (1981) di Martin Puryear, non esposto in villa dal 2012: l’opera consiste in una grande ruota di legno fissata a un lungo asse che la collega a un sostegno e questa esasperazione delle misure proietta il visitatore in un mondo surreale dove gli oggetti, seppur familiari, sono privati della loro funzionalità ordinaria e diventano simbolo. L’artista, scultore afroamericano, che ha rappresentato gli Stati Uniti alla Biennale di Venezia del 2019, con la sua arte racconta la storia, la cultura e l’identità dei popoli combinando l’astrazione modernista con la tradizione del manufatto. Anno dopo anno, il riallestimento integrale della collezione permanente alternerà a Desire gli Stable Paintings di Phil Sims, opera site specific donata dall’autore nel 2002 che si compone di cinque grandi tele monocrome, indissolubilmente legata alle vaste ampiezze e alla monumentalità dell’ambiente della Scuderia Grande.

    Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
    Tutto questo non sarebbe possibile senza di te