Iscriviti al FAI
ALPE PEDRORIA E ALPE MADRERA | ph. Valentina Pasolini | © FAI - Fondo Ambiente Italiano

Alpe Pedroria e Alpe Madrera

Un alpeggio con stalle e casere nello scenario incontaminato delle Alpi Orobie

Condividi
Alpe Pedroria e Alpe Madrera

tipologia

Bene aperto al pubblico

contatti

02 467615325
proprieta@fondoambiente.it

Alpeggi, boschi e antiche malghe: 200 ettari di paesaggio alpino nel cuore delle Orobie Valtellinesi, da cui si gode di uno splendido panorama. Un progetto di recupero ambientale e pastorale, per restituire alla montagna la storica vocazione di pascolo.

Legato testamentario al FAI dell’arch. Stefano Tirinzoni, nel 2011

READ THE ENGLISH VERSION

Incastonate nel versante settentrionale delle Alpi Orobie, all’interno del Parco delle Orobie Valtellinesi, le Alpi Pedroria (1929 m s.l.m.) e Madrera (1435 m s.l.m.) permettono allo sguardo di spaziare su pascoli e boschi incontaminati, fino a sfiorare i terreni franosi delle più elevate altitudini. Un nucleo eccezionale di biodiversità florofaunistica che si estende su 200 ettari di superficie, di cui 70 a bosco e 20 a floridi pascoli per anni abbandonati, dove finalmente è tornata a svolgersi l’attività pastorizia. Un’economia che ruota attorno alle baite, scenari privilegiati del lavoro stagionale dei vaccari che ancora oggi le raggiungono alla guida delle proprie mandrie, dotate di stalle e formaggere, con tipiche murature in pietra a secco, poste quasi a presidio delle cime che dominano gli alpeggi: i monti Pisello, Culino e Lago.
Numerosi i sentieri percorribili a piedi, uno dei quali tocca anche le Baite Eterne, usate come tappa intermedia dai pastori che salivano dalla valle per raggiungere la Pedroria attraversando un’ampia varietà di habitat naturali; l’abete rosso costituisce l’essenza arborea maggiormente rappresentata, ed è possibile avvistare alcune specie di fauna alpina: tra le specie animali che popolano quest’area c’è il fagiano di monte, detto anche gallo forcello, che in questa zona trova il suo habitat ideale.
L’architetto Stefano Tirinzoni, per anni capo della Delegazione di Sondrio del FAI, lasciò in eredità alla Fondazione queste preziose testimonianze delle antiche tradizioni montane come segno tangibile di un legame duraturo e profondo con le sue vallate.

Leggi tutto
Loading

Ultime News

Attualità

Un grande gesto di generosità dei volontari del FAI

2021-09-15

I volontari del FAI donano alla Fondazione tempo, passione ed energia per la cura e la tutela del nostro patrimonio storico, artistico e nat...

Attualità

FAI per il Clima: l’esempio di Alpe Pedroria e Madrera

2021-06-28

Il progetto ad alta sostenibilità ambientale, culturale e sociale che il FAI sta portando avanti all’Alpe Pedroria e Madrera in Valtellina è...

Attualità

Le Alpi sono cerniera e non barriera. Intervista a Werner Bätzing

2021-01-25

Intervista al geografo Werner Bätzing. La pandemia ha paralizzato molti settori tra i quali anche il turismo invernale in montagna e sulle A...

Eventi

Festival dello sviluppo sostenibile 2020: Le aree interne di montagna

2020-09-30

All'interno del Festival dello sviluppo sostenibile 2020, il FAI organizza una tavola rotonda online per raccontare il “Progetto Alpe” e la ...

Ti potrebbero interessare

Palazzo e Giardini Moroni

BERGAMO

Mulino "Maurizio Gervasoni"

RONCOBELLO, BERGAMO

In Val Brembana un mulino di fine ‘600, in un contesto paesaggistico unico
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te