REGALA LA TESSERA FAI
Natale a Villa Bozzolo | Ph. Maria Pia Giarré © FAI
A Natale Regala l'Iscrizione al FAI
Regala un'emozione che dura tutto l'anno

Con la tessera FAI doni un anno di tempo libero di qualità nel segno della bellezza del nostro Paese, da proteggere e da scoprire.

I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CAFFÈ GALANTE

CAFFÈ GALANTE

PATTI, MESSINA

204°

POSTO

863

VOTI 2018
Condividi
CAFFÈ GALANTE
Il Caffè Galante è un caffè storico in stile liberty aperto a Patti, in Sicilia, negli anni venti del secolo scorso. È l'ultimo e unico caffè storico siciliano che si conservi ancora con gli arredi e i decori originari dell'epoca in cui venne aperto. Fino al 1992 venne gestito dalla famiglia Galante, che ne è ancora proprietaria, e sin dall'apertura fu un'apprezzata, e per questo frequentata, caffetteria, pasticceria e gelateria in cui era possibile gustare i rinomati prodotti tipici della gelateria e della pasticceria locali (tra cui i celebrati gelati e le granite, i ricercati ed esclusivi pasticciotti di carne e i cardinali). Divenne da subito luogo d'incontro eletto dagli intellettuali del posto che vi fondarono un giornale, "Vita Nostra", che oltre alla cronaca locale, ospitò tra le proprie pagine le poesie del premio Nobel per la letteratura (nel 1959) Salvatore Quasimodo, che pure frequentò il Caffè Galante, ospite degli amici pattesi della "lieve brigata" di "Vento a Tindari" (una delle sue liriche più celebri), e di Vann'Antò, poeta ed esponente del Futurismo siciliano, nonché i saggi di estetica del celebre umanista e giurista Salvatore Pugliatti, anch'essi amici fraterni di Quasimodo e parte della "lieve brigata" (Pugliatti fu anche uno dei più influenti mentori del Nobel Salvatore Quasimodo). Fu frequentato anche dal drammaturgo Beniamino Joppolo, che fu tra i padri dello Spazialismo, di cui Lucio Fontana fu l'esponente più autorevole e, alla fine degli anni sessanta, dal giovane filosofo Salvatore Natoli. Dal 2005, dopo avverse vicende, il Caffè Galante è chiuso e viene aperto, dal 2008, solo per ospitare occasionalmente eventi socio-culturali (comunque più di un centinaio in questi dieci anni) che hanno visto il passaggio di molti personaggi autorevoli, tra cui citiamo, Alberto Cottica, ex musicista dei Modena City Ramblers, economista, autore del saggio Wikicrazia e fondatore della prima comunità italiana che si occupi di open data e trasparenza, Fabio Fornasari, architetto museale, coprogettista, insieme ad Italo Rota, del Museo del Novecento di Milano, Antonio Presti, mecenate e fondatore del parco d'arte contemporanea Fiumara d'Arte, Antonio Calabrò, scrittore e giornalista, attuale direttore della Fondazione Pirelli, Melo Freni, anch'egli famoso e apprezzato scrittore e giornalista, e molti altri ancora. Caffè Galante è stato negli ultimi dieci anni anche luogo di sperimentazioni innovative nel campo del digitale (con i primi collegamenti in streaming, già nel 2008, sulla rete internet e l'utilizzo degli ambienti virtuali tridimensionali), dell'attivismo civico (a favore dell'ambiente, della tutela del patrimonio culturale, della trasparenza in campo politico e amministrativo), della diffusione degli open data (prima summer school in Sicilia, nel 2015, e sede di uno dei raduni della comunità regionale Open Data Sicilia, nel 2017), della promozione dell'imprenditorialità tra i giovani creativi (sede in Italia del primo Kublai in Campo, nel 2013, organizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico). Per dieci anni almeno, dal 2004 al 2014, il Caffè Galante ha subito le infiltrazioni d'acqua provenienti dalle tubazioni fatiscenti dell'acquedotto comunale delle vie confinanti ed è stato da queste gravemente danneggiato. Per poter riaprire e tornare a svolgere la funzione di caffetteria, gelateria e pasticceria e per riprendere la produzione dei prodotti tipici ed esclusivi di cui si conservano le antiche ricette, oltre che per continuare a svolgere la funzione di primario centro di promozione culturale e sociale, il Caffè Galante ha bisogno di un importante restauro che ne blocchi il degrado e ripari i danni subiti.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2016

215° Posto

1,053 Voti
Censimento 2014

695° Posto

58 Voti
Censimento 2012

924° Posto

13 Voti
Censimento 2010

285° Posto

4 Voti

Scopri altri luoghi vicini

2,878°
29 voti

Area archeologica

VILLA ROMANA DI PATTI

PATTI, MESSINA

4,237°
20 voti

Costa, area marina, spiaggia

CAPO TINDARI

PATTI, MESSINA

3,522°
24 voti

Area urbana, piazza

CENTRO STORICO

PATTI, MESSINA

13,023°
7 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTA FEBRONIA IN NISIBIS

PATTI, MESSINA

Scopri altri luoghi simili

83°
2,741 voti

Negozio storico

PASTICCERIA CAFFÈ PIRONA

TRIESTE

421°
269 voti

Negozio storico

CAFFÈ ASBURGICO DELLA STAZIONE

LEVICO TERME, TRENTO

769°
133 voti

Negozio storico

GIOIELLERIA FONTANA - BOTTEGA STORICA LIBERTY

BOLOGNA

1,043°
86 voti

Negozio storico

LIBRERIA BOCCA IN GALLERIA VITTORIO EMANUELE

MILANO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

CAFFÈ GALANTE

PATTI, MESSINA

Condividi
CAFFÈ GALANTE
Il Caffè Galante è un caffè storico in stile liberty aperto a Patti, in Sicilia, negli anni venti del secolo scorso. È l'ultimo e unico caffè storico siciliano che si conservi ancora con gli arredi e i decori originari dell'epoca in cui venne aperto. Fino al 1992 venne gestito dalla famiglia Galante, che ne è ancora proprietaria, e sin dall'apertura fu un'apprezzata, e per questo frequentata, caffetteria, pasticceria e gelateria in cui era possibile gustare i rinomati prodotti tipici della gelateria e della pasticceria locali (tra cui i celebrati gelati e le granite, i ricercati ed esclusivi pasticciotti di carne e i cardinali). Divenne da subito luogo d'incontro eletto dagli intellettuali del posto che vi fondarono un giornale, "Vita Nostra", che oltre alla cronaca locale, ospitò tra le proprie pagine le poesie del premio Nobel per la letteratura (nel 1959) Salvatore Quasimodo, che pure frequentò il Caffè Galante, ospite degli amici pattesi della "lieve brigata" di "Vento a Tindari" (una delle sue liriche più celebri), e di Vann'Antò, poeta ed esponente del Futurismo siciliano, nonché i saggi di estetica del celebre umanista e giurista Salvatore Pugliatti, anch'essi amici fraterni di Quasimodo e parte della "lieve brigata" (Pugliatti fu anche uno dei più influenti mentori del Nobel Salvatore Quasimodo). Fu frequentato anche dal drammaturgo Beniamino Joppolo, che fu tra i padri dello Spazialismo, di cui Lucio Fontana fu l'esponente più autorevole e, alla fine degli anni sessanta, dal giovane filosofo Salvatore Natoli. Dal 2005, dopo avverse vicende, il Caffè Galante è chiuso e viene aperto, dal 2008, solo per ospitare occasionalmente eventi socio-culturali (comunque più di un centinaio in questi dieci anni) che hanno visto il passaggio di molti personaggi autorevoli, tra cui citiamo, Alberto Cottica, ex musicista dei Modena City Ramblers, economista, autore del saggio Wikicrazia e fondatore della prima comunità italiana che si occupi di open data e trasparenza, Fabio Fornasari, architetto museale, coprogettista, insieme ad Italo Rota, del Museo del Novecento di Milano, Antonio Presti, mecenate e fondatore del parco d'arte contemporanea Fiumara d'Arte, Antonio Calabrò, scrittore e giornalista, attuale direttore della Fondazione Pirelli, Melo Freni, anch'egli famoso e apprezzato scrittore e giornalista, e molti altri ancora. Caffè Galante è stato negli ultimi dieci anni anche luogo di sperimentazioni innovative nel campo del digitale (con i primi collegamenti in streaming, già nel 2008, sulla rete internet e l'utilizzo degli ambienti virtuali tridimensionali), dell'attivismo civico (a favore dell'ambiente, della tutela del patrimonio culturale, della trasparenza in campo politico e amministrativo), della diffusione degli open data (prima summer school in Sicilia, nel 2015, e sede di uno dei raduni della comunità regionale Open Data Sicilia, nel 2017), della promozione dell'imprenditorialità tra i giovani creativi (sede in Italia del primo Kublai in Campo, nel 2013, organizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico). Per dieci anni almeno, dal 2004 al 2014, il Caffè Galante ha subito le infiltrazioni d'acqua provenienti dalle tubazioni fatiscenti dell'acquedotto comunale delle vie confinanti ed è stato da queste gravemente danneggiato. Per poter riaprire e tornare a svolgere la funzione di caffetteria, gelateria e pasticceria e per riprendere la produzione dei prodotti tipici ed esclusivi di cui si conservano le antiche ricette, oltre che per continuare a svolgere la funzione di primario centro di promozione culturale e sociale, il Caffè Galante ha bisogno di un importante restauro che ne blocchi il degrado e ripari i danni subiti.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2012, 2014, 2016
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te