Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CASTELLO DI BELFORTE

CASTELLO DI BELFORTE

VARESE

404°

POSTO

375

VOTI 2020
Condividi
CASTELLO DI BELFORTE
Il nucleo di case denominato “castello di Belforte”, nella parte orientale della castellanza di Biumo Inferiore, in posizione dominante la strada che da Varese porta a Como e a controllo del sottostante fiume Olona, è una delle testimonianze storico-architettoniche più interessanti nel territorio comunale di Varese. Per la favorevole posizione strategica del luogo nel sec. XII sorse un complesso fortificato, in quel periodo di turbolenze politiche e di lotte tra Milano e l'Impero, che vedeva il Seprio in posizione filoimperiale e dove il castello di Belforte assunse un ruolo strategico di primaria importanza a controllo della via comasca verso i passi alpini e a luogo di sosta dell'imperatore Federico Barbarossa durante le sue discese in Lombardia. I diplomi imperiali qui emanati nel 1164 riportano la dizione "in castro Belfort": in ogni caso il toponimo stesso indica una fortificazione di una certa importanza ed eleganza così da denominare il luogo e il castello Bel Forte. Non sappiamo se nel successivo periodo, quando Milano ebbe il sopravvento sull'Impero e quindi sul Seprio, Belforte ebbe a subire guasti o rovine; in ogni caso in documenti del secolo successivo (sec. XIII) si cita la "rocha de Belforte" a testimoniare la continuità del ruolo fortificato del complesso. Persa nel tempo la funzione strategica di copertura a oriente di Varese, nel sec. XV la rocca/castello venne trasformata in fattoria agricola, e nei documenti quattrocenteschi viene denominata "Capsina Belforte". Un'ulteriore trasformazione d'uso e strutturale venne a ricevere alla metà del Seicento, quando i marchesi Biumi, proprietari del complesso in quel periodo, tentarono di modificare la struttura in casa di nobile abitazione, intraprendendo vasti lavori edilizi che portarono alla costruzione del fronte verso cortile con un portico terreno su colonne binate e un ordine di finestre con timpani alternati nel piano superiore: purtroppo il progetto, che probabilmente prevedeva perlomeno altre due ali laterali, se non addirittura un cortile chiuso su tutti i quattro lati, fu bruscamente interrotto e la trasformazione a palazzo rimase incompiuta. Nei secoli successivi il complesso ritornò ad essere utilizzato per usi agricoli, finché negli anni Sessanta-Settanta del Novecento venne gradatamente abbandonato, avviandolo a un progressivo e rapido degrado. Oggi questa sintomatica testimonianza storico-architettonica per la storia di Varese reclama una doverosa attenzione e un adeguato recupero che la reinserisca nel tessuto sociale e culturale della città. (Marco Tamborini)

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

1,544° Posto

56 Voti
Censimento 2016

3,227° Posto

19 Voti
Censimento 2014

2,412° Posto

12 Voti
Censimento 2012

1,400° Posto

9 Voti
Censimento 2010

1,136° Posto

5 Voti
Censimento 2004

301° Posto

7 Voti
Censimento 2003

147° Posto

9 Voti

Vota altri luoghi vicini

28,491°
1 voto

Cimitero

CIMITERO MONUMENTALE DI GIUBIANO

GIUBIANO, VARESE

15,399°
5 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO DELLE POSTE, 1930

VARESE

Vota altri luoghi simili

17,257 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

12,847 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

12,280 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CASTELLO DI BELFORTE

VARESE

Condividi
CASTELLO DI BELFORTE
Il nucleo di case denominato “castello di Belforte”, nella parte orientale della castellanza di Biumo Inferiore, in posizione dominante la strada che da Varese porta a Como e a controllo del sottostante fiume Olona, è una delle testimonianze storico-architettoniche più interessanti nel territorio comunale di Varese. Per la favorevole posizione strategica del luogo nel sec. XII sorse un complesso fortificato, in quel periodo di turbolenze politiche e di lotte tra Milano e l'Impero, che vedeva il Seprio in posizione filoimperiale e dove il castello di Belforte assunse un ruolo strategico di primaria importanza a controllo della via comasca verso i passi alpini e a luogo di sosta dell'imperatore Federico Barbarossa durante le sue discese in Lombardia. I diplomi imperiali qui emanati nel 1164 riportano la dizione "in castro Belfort": in ogni caso il toponimo stesso indica una fortificazione di una certa importanza ed eleganza così da denominare il luogo e il castello Bel Forte. Non sappiamo se nel successivo periodo, quando Milano ebbe il sopravvento sull'Impero e quindi sul Seprio, Belforte ebbe a subire guasti o rovine; in ogni caso in documenti del secolo successivo (sec. XIII) si cita la "rocha de Belforte" a testimoniare la continuità del ruolo fortificato del complesso. Persa nel tempo la funzione strategica di copertura a oriente di Varese, nel sec. XV la rocca/castello venne trasformata in fattoria agricola, e nei documenti quattrocenteschi viene denominata "Capsina Belforte". Un'ulteriore trasformazione d'uso e strutturale venne a ricevere alla metà del Seicento, quando i marchesi Biumi, proprietari del complesso in quel periodo, tentarono di modificare la struttura in casa di nobile abitazione, intraprendendo vasti lavori edilizi che portarono alla costruzione del fronte verso cortile con un portico terreno su colonne binate e un ordine di finestre con timpani alternati nel piano superiore: purtroppo il progetto, che probabilmente prevedeva perlomeno altre due ali laterali, se non addirittura un cortile chiuso su tutti i quattro lati, fu bruscamente interrotto e la trasformazione a palazzo rimase incompiuta. Nei secoli successivi il complesso ritornò ad essere utilizzato per usi agricoli, finché negli anni Sessanta-Settanta del Novecento venne gradatamente abbandonato, avviandolo a un progressivo e rapido degrado. Oggi questa sintomatica testimonianza storico-architettonica per la storia di Varese reclama una doverosa attenzione e un adeguato recupero che la reinserisca nel tessuto sociale e culturale della città. (Marco Tamborini)
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2004, 2010, 2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te