Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CASTELLO NUOVO

CASTELLO NUOVO

TREPUZZI, LECCE

19,121°

POSTO

1

VOTI 2020
CASTELLO NUOVO
I primi documenti relativi al castello sono costituiti da Visite Pastorali, che descrivono la cappella, attualmente ad esso adiacente, e da tre preventivi di “mastri” leccesi, del 1729, per il restauro del soffitto, del pavimento e la costruzione del balcone , a richiesta del marchese Francesco Carignani, “tenutario e amministratore” del feudo. Dai preventivi si deduce che in quell'anno il castello doveva essere in condizioni precarie ed esisteva solo come struttura centrale, costituito, a primo piano, da cinque stanze, di cui quattro incannizzate e una a lamia,nella parte destra. Il piano inferiore era composto “dalla parte sinistra del portone” e da stalle e cucine nella parte destra. In un atto notarile del 1743, circa la presa di possesso del castello feudale e burgensatico da parte del duca Francesco Carignano, il “palazzo nuovo burgensatico” risulta avere una chiesetta e un giardino di agrumi, “con una loggia lamiata diruta, e caduta nel mezzo di detto giardino”. Dopo il 1848 venne completata e raddrizzata, per esigenze di traffico e commercio, la strada chiamata San Donato, l’attuale via Campi. Le mura di cinta furono ricostruite adiacenti al palazzp, come è possibile osservarle tutt’ora. Spianando la strada, per lo scolo delle acque, uscirono le fondamenta, che vennero perciò coperte con uno zoccolo che tutt’ora circonda l’intero prospetto. Attualmente il Palazzo Marchesale Condò presenta un impianto trapezoidale, articolato intorno ad un cortile quadrangolare ed una struttura a due piani. Sulla facciata principale, che da su Largo Cairoli, spicca un “portale bugnato con arco a tutto sesto” , sormontato da un lungo loggiato, “impostato su mensole scolpite e fornito di una balaustra retta da colonnine e piastrini, e da numerose porte-finestre elegantemente incorniciate.” Tale loggiato viene ripetuto sulle pareti laterali, che seguono principalmente un’analoga composizione. Nella zona che da su via Lecce è possibile notare anche una piccola ma alta torre, che dà sul terrazzo, alla quale si giunge tramite una stretta scala interna, posta a piano terra. Nell’area retrostante al palazzo vi è, come già accennato prima, un grande giardino, raggiungibile sia dall’interno, che da tre portoni esterni, uno per ogni strada confinante. All’interno del giardino vi è un grande spiazzo, seguito da un porticato, secondo l’originaria struttura settecentesca. La vegetazione è costituita principalmente da piante tipicamente mediterranee, quali agrumi e vigneti.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

23° Posto

16,727 Voti
Censimento 2016

26,944° Posto

1 Voti
Censimento 2003

381° Posto

4 Voti

Vota altri luoghi vicini

NC
0 voti

Chiesa

CHIESETTA DI SANT'ANTONIO ABATE

TREPUZZI, LECCE

21,589°
1 voto

Convento

CONVENTO PADRI PASSIONISTI

TREPUZZI, LECCE

Vota altri luoghi simili

7,189 voti

Ponte

IL PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

4,654 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

4,125 voti

Eremo

EREMO DI SANT'ONOFRIO AL MORRONE

SULMONA, L'AQUILA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CASTELLO NUOVO

TREPUZZI, LECCE

CASTELLO NUOVO
I primi documenti relativi al castello sono costituiti da Visite Pastorali, che descrivono la cappella, attualmente ad esso adiacente, e da tre preventivi di “mastri” leccesi, del 1729, per il restauro del soffitto, del pavimento e la costruzione del balcone , a richiesta del marchese Francesco Carignani, “tenutario e amministratore” del feudo. Dai preventivi si deduce che in quell'anno il castello doveva essere in condizioni precarie ed esisteva solo come struttura centrale, costituito, a primo piano, da cinque stanze, di cui quattro incannizzate e una a lamia,nella parte destra. Il piano inferiore era composto “dalla parte sinistra del portone” e da stalle e cucine nella parte destra. In un atto notarile del 1743, circa la presa di possesso del castello feudale e burgensatico da parte del duca Francesco Carignano, il “palazzo nuovo burgensatico” risulta avere una chiesetta e un giardino di agrumi, “con una loggia lamiata diruta, e caduta nel mezzo di detto giardino”. Dopo il 1848 venne completata e raddrizzata, per esigenze di traffico e commercio, la strada chiamata San Donato, l’attuale via Campi. Le mura di cinta furono ricostruite adiacenti al palazzp, come è possibile osservarle tutt’ora. Spianando la strada, per lo scolo delle acque, uscirono le fondamenta, che vennero perciò coperte con uno zoccolo che tutt’ora circonda l’intero prospetto. Attualmente il Palazzo Marchesale Condò presenta un impianto trapezoidale, articolato intorno ad un cortile quadrangolare ed una struttura a due piani. Sulla facciata principale, che da su Largo Cairoli, spicca un “portale bugnato con arco a tutto sesto” , sormontato da un lungo loggiato, “impostato su mensole scolpite e fornito di una balaustra retta da colonnine e piastrini, e da numerose porte-finestre elegantemente incorniciate.” Tale loggiato viene ripetuto sulle pareti laterali, che seguono principalmente un’analoga composizione. Nella zona che da su via Lecce è possibile notare anche una piccola ma alta torre, che dà sul terrazzo, alla quale si giunge tramite una stretta scala interna, posta a piano terra. Nell’area retrostante al palazzo vi è, come già accennato prima, un grande giardino, raggiungibile sia dall’interno, che da tre portoni in ferro battuto, esterni, uno per ogni strada confinante. Il giardino è pieno di alberi comuni ed agrumi, con dieci pozzi d'acqua sorgiva e si può ammirarne la bellezza lungo un caratteristico ed ombreggiato camminamento tra due lunghe file di colonne monolitiche in carparo che reggono un ampio pergolato di vite, sotto il quale sono collocati sedili di pietra leccese.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2016
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te