Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESA DI S.ANTONIO ABATE

CHIESA DI S.ANTONIO ABATE

MASSAFRA, TARANTO

2,204°

POSTO

33

VOTI 2020
Condividi
CHIESA DI S.ANTONIO ABATE
Questa chiesa rupestre un tempo posta in campagna è rimasta poi inglobata dalle nuove costruzioni, tanto che al di sopra venne costruito un ospedale, edificio anch'esso abbandonato dal 1980. Attraversati alcuni ambienti sotterranei, un tempo utilizzati come lavanderia, si accede, superati alcuni gradini, alla chiesa rimasta integra nei suoi volumi. Il complesso ipogeico, venutosi a trovare nella struttura, fu nel corso del tempo adibito a legnaia, deposito, immondezzaio, vasca per la calce viva ed altro ancora. Verso la fine degli anni '50 del secolo scorso, un meritorio e paziente lavoro di pulitura eseguito dai volontari della Pro Loco massafrese restituì alla luce gli affreschi residui, alcuni dei quali furono restaurati agli anizi degli anni '70 dalla Soprintendenza. L'invaso attuale è costituito dalla fusione di due chiese originaiamente distinte, ottenuta mediante l'abbattimento di un diaframma in roccia che le separava. Appaiono però frutto di concezioni architettoniche diverse: una (quella più a sud) è di più rigorosa classicità, con bema rialzato ed arcosoli scavati nelle pareti, ed è proabilmente la più anica; l'altra, pù semplice e di rustica fattura, conserva a suo interno affreschi in nicchie alte e strette. Sulle pareti laterali, a destra, sono presenti tracce di affreschi, ormai corrosi dall'umidità, mentre più chiare sono le figure poste nell'area presbiteriale e nella calotta absidale ove appare una Deesis. Il lato destro della chiesa è il frutto di un ampliamento settecentesco, formante così una chiesa doppia con altare a muro. Le pareti riccamente dipinte sono oggi di difficile lettura. La probabile esistenza di una iconostasi fa pensare ad una officiatura ortodossa. Questo potrebbe parzialmente spiegare la presenza di due chiese affiancate: una di tipo greco e l'altra di rito latino; ciò sembra avvalorato dalla posizione degli altari: staccato dall'abside nel primo caso, in adiacenza nel secondo.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

508° Posto

244 Voti
Censimento 2016

8,671° Posto

7 Voti
Censimento 2014

10,956° Posto

1 Voti

Vota altri luoghi vicini

2,398°
30 voti

Grotta

GROTTA DEL MAGO GREGURO

MASSAFRA, TARANTO

1,325°
57 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN BENEDETTO

MASSAFRA, TARANTO

1,988°
37 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI MASSAFRA

MASSAFRA, TARANTO

8,323°
8 voti

Area naturale

CAVA A NORD-EST DI MASSAFRA

MASSAFRA, TARANTO

Vota altri luoghi simili

12,911 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

9,649 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

6,309 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

CUNEO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA DI S.ANTONIO ABATE

MASSAFRA, TARANTO

Condividi
CHIESA DI S.ANTONIO ABATE
Questa chiesa rupestre un tempo posta in campagna è rimasta poi inglobata dalle nuove costruzioni, tanto che al di sopra venne costruito un ospedale, edificio anch'esso abbandonato dal 1980. Attraversati alcuni ambienti sotterranei, un tempo utilizzati come lavanderia, si accede, superati alcuni gradini, alla chiesa rimasta integra nei suoi volumi. Il complesso ipogeico, venutosi a trovare nella struttura, fu nel corso del tempo adibito a legnaia, deposito, immondezzaio, vasca per la calce viva ed altro ancora. Verso la fine degli anni '50 del secolo scorso, un meritorio e paziente lavoro di pulitura eseguito dai volontari della Pro Loco massafrese restituì alla luce gli affreschi residui, alcuni dei quali furono restaurati agli anizi degli anni '70 dalla Soprintendenza. L'invaso attuale è costituito dalla fusione di due chiese originaiamente distinte, ottenuta mediante l'abbattimento di un diaframma in roccia che le separava. Appaiono però frutto di concezioni architettoniche diverse: una (quella più a sud) è di più rigorosa classicità, con bema rialzato ed arcosoli scavati nelle pareti, ed è proabilmente la più anica; l'altra, pù semplice e di rustica fattura, conserva a suo interno affreschi in nicchie alte e strette. Sulle pareti laterali, a destra, sono presenti tracce di affreschi, ormai corrosi dall'umidità, mentre più chiare sono le figure poste nell'area presbiteriale e nella calotta absidale ove appare una Deesis. Il lato destro della chiesa è il frutto di un ampliamento settecentesco, formante così una chiesa doppia con altare a muro. Le pareti riccamente dipinte sono oggi di difficile lettura. La probabile esistenza di una iconostasi fa pensare ad una officiatura ortodossa. Questo potrebbe parzialmente spiegare la presenza di due chiese affiancate: una di tipo greco e l'altra di rito latino; ciò sembra avvalorato dalla posizione degli altari: staccato dall'abside nel primo caso, in adiacenza nel secondo.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te