Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
EX STABILIMENTO MILANESE E AZZI

EX STABILIMENTO MILANESE E AZZI

OZZANO MONFERRATO, ALESSANDRIA

18,951°

POSTO

2

VOTI 2020
Condividi
EX STABILIMENTO MILANESE E AZZI
La ricchezza del patrimonio di archeologia industriale presente in Ozzano è facilmente visibile percorrendo la Valle del Rio Fontanola, luogo in cui si concentrano le più importanti e spettacolari testimonianze architettoniche e tecniche legate all'industria della calce e del cemento, industria che qui nacque e prosperò tra il XIX ed il XX secolo. Dello Stabilimento Ex Milanese e Azzi, le cui origini risalgono al 1894, sono rimasti sei forni verticali da cemento realizzati interamente in muratura e suddivisi in una batteria da quattro ed in una da due. I forni sono stati costruiti tra il 1911 e il 1924 per produrre cemento portland naturale. L’impatto visivo è austero ed essenziale nelle linee architettoniche delle pareti di tamponamento che si collegano ai forni con corridoi di servizio posti su tre livelli lungo tutto il perimetro dei forni. L’integrità strutturale della manica dei forni si coglie sia esternamente attraverso le bocche e le feritoie utilizzate dagli operai sia osservando l’interno delle camere di cottura, ma soprattutto l’occhio è rapito dalla simbologia delle torri dei fumi che danno più di ogni altro elemento identità al luogo. Tra le due batterie dei forni è inserita la stazione di arrivo di una teleferica, costruita in cemento armato nel 1924. La struttura reticolare in cui erano collocati i contrappesi presenta soluzioni di ingegneria innovative che con armonia si integrano nella muratura dei forni. Lungo il perimetro alla base dei forni si trovano diversi elementi che hanno concorso al funzionamento dei forni stessi. Dal montacarichi per il sollevamento della materia prima, ai contrappesi per le funi della teleferica, ad una capillare rete di binari a scartamento ridotto. Elementi tutti che vanno tutelati e conservati perchè evidenziano l’evoluzione del concetto di produttività. Questo luogo di produzione del cemento pur avendo perso tutte le altre strutture che concorrevano a determinare il prodotto finale, rimane nel Monferrato il simbolo per antonomasia dell’industria cementiera. Il sito è in stato di abbandono anche se la struttura non risulta ancora del tutto danneggiata. La perizia statica effettuata non parla di evidenti pericoli di crollo ma si riscontrano infiltrazioni d' acqua, crescita di arbusti sui tetti e sui camminamenti; i colombi ed i piccioni nidificano allinterno della struttura ; sono situazioni che, se non contrastate, aumenteranno il degrado. L'area circostante andrebbe adeguatamente recintata e ripulita dalla vegetazione spontanea ; si evidenzia inoltre la necessità di interventi di restauro conservativo, principalmente sui tetti. L'attuale proprietaria del sito si è detta disponibile a cedere ad un Associazione interessata, l'edificio e l'area su cui sorge.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

13,701° Posto

6 Voti
Censimento 2016

4,748° Posto

13 Voti
Censimento 2014

113° Posto

2,908 Voti
Censimento 2012

5,264° Posto

3 Voti
Censimento 2010

4,353° Posto

1 Voti

Vota altri luoghi vicini

9,770°
5 voti

Archeologia industriale

LE ULTIME CIMINIERE

OZZANO MONFERRATO, ALESSANDRIA

19,792°
1 voto

Archeologia industriale

LA VALLE DI FONTANOLA

OZZANO MONFERRATO, ALESSANDRIA

759°
74 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN QUIRICO

TREVILLE, ALESSANDRIA

20,154°
1 voto

Chiesa

CHIESA DI SANT'AGATA

PONTESTURA, ALESSANDRIA

Vota altri luoghi simili

7,252 voti

Ponte

IL PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

4,730 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

4,163 voti

Eremo

EREMO DI SANT'ONOFRIO AL MORRONE

SULMONA, L'AQUILA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

EX STABILIMENTO MILANESE E AZZI

OZZANO MONFERRATO, ALESSANDRIA

Condividi
EX STABILIMENTO MILANESE E AZZI
La ricchezza del patrimonio di archeologia industriale presente in Ozzano è facilmente visibile percorrendo la Valle del Rio Fontanola, luogo in cui si concentrano le più importanti e spettacolari testimonianze architettoniche e tecniche legate all'industria della calce e del cemento, industria che qui nacque e prosperò tra il XIX ed il XX secolo. Dello Stabilimento Ex Milanese e Azzi, le cui origini risalgono al 1894, sono rimasti sei forni verticali da cemento realizzati interamente in muratura e suddivisi in una batteria da quattro ed in una da due. I forni sono stati costruiti tra il 1911 e il 1924 per produrre cemento portland naturale. L’impatto visivo è austero ed essenziale nelle linee architettoniche delle pareti di tamponamento che si collegano ai forni con corridoi di servizio posti su tre livelli lungo tutto il perimetro dei forni. L’integrità strutturale della manica dei forni si coglie sia esternamente attraverso le bocche e le feritoie utilizzate dagli operai sia osservando l’interno delle camere di cottura, ma soprattutto l’occhio è rapito dalla simbologia delle torri dei fumi che danno più di ogni altro elemento identità al luogo. Tra le due batterie dei forni è inserita la stazione di arrivo di una teleferica, costruita in cemento armato nel 1924. La struttura reticolare in cui erano collocati i contrappesi presenta soluzioni di ingegneria innovative che con armonia si integrano nella muratura dei forni. Lungo il perimetro alla base dei forni si trovano diversi elementi che hanno concorso al funzionamento dei forni stessi. Dal montacarichi per il sollevamento della materia prima, ai contrappesi per le funi della teleferica, ad una capillare rete di binari a scartamento ridotto. Elementi tutti che vanno tutelati e conservati perchè evidenziano l’evoluzione del concetto di produttività. Questo luogo di produzione del cemento pur avendo perso tutte le altre strutture che concorrevano a determinare il prodotto finale, rimane nel Monferrato il simbolo per antonomasia dell’industria cementiera. Il sito è in stato di abbandono anche se la struttura non risulta ancora del tutto danneggiata. La perizia statica effettuata non parla di evidenti pericoli di crollo ma si riscontrano infiltrazioni d' acqua, crescita di arbusti sui tetti e sui camminamenti; i colombi ed i piccioni nidificano allinterno della struttura ; sono situazioni che, se non contrastate, aumenteranno il degrado. L'area circostante andrebbe adeguatamente recintata e ripulita dalla vegetazione spontanea ; si evidenzia inoltre la necessità di interventi di restauro conservativo, principalmente sui tetti. L'attuale proprietaria del sito si è detta disponibile a cedere ad un Associazione interessata, l'edificio e l'area su cui sorge.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te