Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
FONTANA DEL PUTTO

FONTANA DEL PUTTO

ROMA

408°

POSTO

605

VOTI 2020
FONTANA DEL PUTTO
E’ situata nella porzione orientale di Villa Doria Pamphilj, il parco più esteso di Roma, e più precisamente al centro del Giardino del Teatro, ampia area pianeggiante coltivata all’inglese, molto amata e frequentata dal pubblico e sottostante il noto Casino del Bel Respiro o villa Algardi, che le fa da sfondo. E’ stata realizzata su progetto dell’architetto Andrea Busiri Vici nel 1855, impiegando materiali di epoche e provenienze diverse. Con la vicina Fontana di Venere si può dire costituisca un “continuum” rispetto al tema della celebrazione dell’amore, nelle sue molteplici forme. Il suo nome tradisce purtroppo la realtà, poiché il putto del’600 posto sulla sommità della fontana è stato trafugato poco dopo l’apertura al pubblico della Villa, avvenuta nel 1971. Il basamento in pietra sul quale era poggiato insiste su un’ampia tazza circolare, bordata da un elegante decoro a ghirlanda. La tazza è sorretta a sua volta da 4 pilastri che riportano, scolpite esternamente, le figure di 4 fauni poggianti su una base con decorazione rococò a rocaille, con pietre e conchiglie. Tutta la struttura fin qui descritta è circondata da un muretto intervallato da 12 pilastrini con mascheroni scolpiti in rilievo, che raffigurano Bacco, Gorgone e altre figure. In bocca a ciascuno di questi è posta una cannella da cui sgorga acqua, che cade prima in una conchiglia e infine in una tazza più ampia, quasi interrata, circondata da una ringhiera in ferro che la protegge. Su ogni pilastrino poggiava un giglio in pietra, emblema araldico della famiglia Doria Pamphilj ma recentemente, ahimé, i 12 gigli sono stati bersaglio di atti vandalici a opera di ignoti e distrutti nottetempo.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

408° Posto

605 Voti

Scopri altri luoghi vicini

834°
33 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASALE CONSORTI O CASINO DELLE DELIZIE DI LANFRANCO, ROMA

ROMA

825°
42 voti

Castello, rocca

CASTELLO DEL BUON PASTORE

ROMA

19°
14,863 voti

Edificio militare

FORTE AURELIA

ROMA

845°
22 voti

Museo

MUSEO ANATOMICO DEL FORLANINI

ROMA

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

FONTANA DEL PUTTO

ROMA

FONTANA DEL PUTTO
E’ situata nella porzione orientale di Villa Doria Pamphilj, il parco più esteso di Roma, e più precisamente al centro del Giardino del Teatro, ampia area pianeggiante coltivata all’inglese, molto amata e frequentata dal pubblico e sottostante il noto Casino del Bel Respiro o villa Algardi, che le fa da sfondo. E’ stata realizzata su progetto dell’architetto Andrea Busiri Vici nel 1855, impiegando materiali di epoche e provenienze diverse. Con la vicina Fontana di Venere si può dire costituisca un “continuum” rispetto al tema della celebrazione dell’amore, nelle sue molteplici forme. Il suo nome tradisce purtroppo la realtà, poiché il putto del’600 posto sulla sommità della fontana è stato trafugato poco dopo l’apertura al pubblico della Villa, avvenuta nel 1971. Il basamento in pietra sul quale era poggiato insiste su un’ampia tazza circolare, bordata da un elegante decoro a ghirlanda. La tazza è sorretta a sua volta da 4 pilastri che riportano, scolpite esternamente, le figure di 4 fauni poggianti su una base con decorazione rococò a rocaille, con pietre e conchiglie. Tutta la struttura fin qui descritta è circondata da un muretto intervallato da 12 pilastrini con mascheroni scolpiti in rilievo, che raffigurano Bacco, Gorgone e altre figure. In bocca a ciascuno di questi è posta una cannella da cui sgorga acqua, che cade prima in una conchiglia e infine in una tazza più ampia, quasi interrata, circondata da una ringhiera in ferro che la protegge. Su ogni pilastrino poggiava un giglio in pietra, emblema araldico della famiglia Doria Pamphilj ma recentemente, ahimé, i 12 gigli sono stati bersaglio di atti vandalici a opera di ignoti e distrutti nottetempo.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te