Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
BORGO MEDIEVALE

BORGO MEDIEVALE

ROCCACASALE, L'AQUILA

856°

POSTO

11

VOTI 2020
Condividi
BORGO MEDIEVALE
Il castello di Roccacasale, situato alle pendici del Monte Morrone, in forte pendenza, domina dalla sua posizione la strada che collega Popoli a Sulmona. La leggenda narra che fu edificato nel 925 d.C. per volontà del Conte di Spoleto per tentare di sbarrare agli Arabi la strada della Valle del Sangro e del Piano delle Cinquemiglia. Successivamente, tra il Medioevo ed il Rinascimento, le vicende del castello si legarono prima alle sorti dei Cantelmo, poi, a partire dalla fine del XVI secolo, ai Baroni De Sanctis che ne mantennero il dominio fino al 1803, anno in cui il castello fu attaccato e distrutto in seguito all'invasione napoleonica. Il complesso è costituito da un recinto ad andamento triangolare al cui vertice nord campeggia la torre-puntone, questa è posta a protezione degli attacchi dall'alto, oggi parzialmente crollata ma ancora leggibile nel fianco sud-est. Lungo il lato a valle, che si affaccia sul borgo, si vedono chiaramente i resti di un poderoso palazzo baronale che testimoniano l'uso residenziale che assunse nei secoli la struttura, oltre a quello difensivo; altre tracce di costruzioni quali cisterne e fondamenta si individuano all'interno del recinto, con lacerti murari di modeste proporzioni, dato il processo avanzato di distruzione cui il castello è andato incontro nei secoli. Nel corso degli anni novanta (1994-1996) il complesso è stato sottoposto a restauri conservativi volti all'arresto del degrado strutturale e al recupero architettonico e funzionale della zona più a valle del fabbricato. Il castello, proprietà del Comune di Roccacasale, in seguito all'edificazione di una struttura da adibire a museo e sala congressi polifunzionale, realizzata all'interno del recinto murario, ospita dal 2004 il Museo della Documentazione e delle tradizioni popolari.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

856° Posto

11 Voti
Censimento 2018

372° Posto

468 Voti
Censimento 2010

4,353° Posto

1 Voti

Scopri altri luoghi vicini

829°
38 voti

Altro

COLLE DELLE VACCHE

PRATOLA PELIGNA, L'AQUILA

838°
29 voti

Cappella

CAPPELLA SETTE MARIE E DELLA PIETÀ

PRATOLA PELIGNA, L'AQUILA

839°
28 voti

Santuario

SANTUARIO DELLA MADONNA DELLA LIBERA

PRATOLA PELIGNA, L'AQUILA

853°
14 voti

Bosco

FOSSA DI PENTIMA

CORFINIO, L'AQUILA

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

BORGO MEDIEVALE

ROCCACASALE, L'AQUILA

Condividi
BORGO MEDIEVALE
Il castello di Roccacasale, situato alle pendici del Monte Morrone, in forte pendenza, domina dalla sua posizione la strada che collega Popoli a Sulmona. La leggenda narra che fu edificato nel 925 d.C. per volontà del Conte di Spoleto per tentare di sbarrare agli Arabi la strada della Valle del Sangro e del Piano delle Cinquemiglia. Successivamente, tra il Medioevo ed il Rinascimento, le vicende del castello si legarono prima alle sorti dei Cantelmo, poi, a partire dalla fine del XVI secolo, ai Baroni De Sanctis che ne mantennero il dominio fino al 1803, anno in cui il castello fu attaccato e distrutto in seguito all'invasione napoleonica. Il complesso è costituito da un recinto ad andamento triangolare al cui vertice nord campeggia la torre-puntone, questa è posta a protezione degli attacchi dall'alto, oggi parzialmente crollata ma ancora leggibile nel fianco sud-est. Lungo il lato a valle, che si affaccia sul borgo, si vedono chiaramente i resti di un poderoso palazzo baronale che testimoniano l'uso residenziale che assunse nei secoli la struttura, oltre a quello difensivo; altre tracce di costruzioni quali cisterne e fondamenta si individuano all'interno del recinto, con lacerti murari di modeste proporzioni, dato il processo avanzato di distruzione cui il castello è andato incontro nei secoli. Nel corso degli anni novanta (1994-1996) il complesso è stato sottoposto a restauri conservativi volti all'arresto del degrado strutturale e al recupero architettonico e funzionale della zona più a valle del fabbricato. Il castello, proprietà del Comune di Roccacasale, in seguito all'edificazione di una struttura da adibire a museo e sala congressi polifunzionale, realizzata all'interno del recinto murario, ospita dal 2004 il Museo della Documentazione e delle tradizioni popolari.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te