Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
MAGAZZINI RACCORDATI DELLA STAZIONE CENTRALE DI MILANO

MAGAZZINI RACCORDATI DELLA STAZIONE CENTRALE DI MILANO

MILANO

POSTO

27

VOTI 2020
Condividi
MAGAZZINI RACCORDATI DELLA STAZIONE CENTRALE DI MILANO
I Magazzini Raccordati della Stazione Centrale di Milano a marzo 2014 hanno compiuto 100 anni. Rappresentano un manufatto unico di grande interesse storico, economico e culturale. Oltre 100 spazi per una superficie di 40.000 mq., distribuiti per due chilometri lungo la via Ferrante Aporti e la via Sammartini. Lo stile tardo liberty con influenze decò si può notare nelle decorazioni in cemento con disegni geometrici della facciata e i particolari portali in ferro battuto, tipici dello stile d’inizio Novecento e simili a quelli presenti nella Stazione Centrale. Un po’ di storia: All’inizio degli anni '30 fu costruita l’attuale Stazione Centrale di Milano; poco prima era stata realizzata una lunga massicciata sopraelevata su cui far correre i binari: il Rilevato Ferroviario. Messo in servizio nel 1914, fu anche utilizzato per il trasporto dei materiali e per l’avanzamento dei lavori di costruzione della nuova Stazione. A livello stradale furono creati spazi per lo stoccaggio e la distribuzione delle merci che arrivavano a mezzo treno e venivano trasportate dalla stazione ai magazzini attraverso un collegamento su rotaia interno al rilevato che metteva in comunicazione i vari spazi, da qui il nome i Magazzini Raccordati. Le merci che arrivavano dai binari interni erano prive di dazi e per poter essere distribuite dovevano passare la dogana che si trovava proprio a ridosso dell’ingresso dei Magazzini a livello strada. una lunga linea di confine per il libero scambio delle merci, di oltre due chilometri all’interno della città. Con la diminuzione del trasporto su rotaia a favore del trasporto su strada, questo ingegnoso sistema di distribuzione e stoccaggio è andato via via scomparendo, le rotaie interne sono entrate in disuso e i Magazzini sono stati impiegati e affittati per attività commerciali all’ingrosso e artigianale. Durante la Seconda Guerra Mondiale, i Magazzini Raccordati furono usati anche come deposito delle armi o come dormitori per i militari, mentre negli anni sessanta rappresentarono spesso il primo luogo di accoglienza degli immigrati che arrivavano dal sud. Dagli anni 70 i Magazzini sono stati progressivamente abbandonati. A partire dall’anno 2000 i contratti di affitto non sono più stati rinnovati, attualmente sono occupati 13 spazi su oltre i 100 a disposizione e in degrado. Lo stato di fatto La proprietà dei Magazzini è delle Ferrovie dello Stato, ma tutto il complesso è stato dato in gestione, con una concessione trentennale a Grandi Stazioni Spa, una società del gruppo FS a capitale misto 60% pubblico e 40% privato. Grandi Stazioni Spa è il referente principale per qualsiasi programma di riqualificazione e riutilizzo, anche temporaneo dei Magazzini Raccordati. In qualche occasione ha espresso la volontà di intraprendere un progetto di riqualificazione, auspicato anche dalle istituzioni della città quali l’ Amministrazione Comunale, ma a oggi non vi è nulla di attivato concretamente. Nel frattempo vediamo che nel mondo sono stati realizzati importanti interventi di riqualificazione di spazi ferroviari simili a questi, ad esempio a Parigi, Vienna, Berlino, Londra e New York, gli spazi riqualificati e ri-animati sono diventati il centro pulsante della città. Sono diventati un importante punto di riferimento per le attività culturali, ricreative, artistiche, e di ricerca per un nuovo modello d’interazione tra ambiente e cittadino. I Magazzini Raccordati della Stazione Centrale di Milano possono diventare un importante luogo d’incontro e di sviluppo per la nostra città. Una preziosa risorsa che mette insieme il valore storico di una memoria centenaria con le potenzialità creative di idee nuove in uno scenario ambientale di grande originalità.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

840° Posto

27 Voti
Censimento 2018

4,876° Posto

17 Voti
Censimento 2016

710° Posto

86 Voti
Censimento 2014

73° Posto

4,994 Voti

Scopri altri luoghi vicini

10 voti

Edificio civile

EX PALAZZO DELLE POSTE – FERRANTE APORTI

MILANO

6 voti

Edificio civile

RILEVATO FERROVIARIO

MILANO

6 voti

Museo

MUSEO DEL MANIFESTO CINEMATOGRAFICO

MILANO

78 voti

Area agricola

CASSINA DI POMM A GRECO MILANESE

MILANO

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

MAGAZZINI RACCORDATI DELLA STAZIONE CENTRALE DI MILANO

MILANO

Condividi
MAGAZZINI RACCORDATI DELLA STAZIONE CENTRALE DI MILANO
I Magazzini Raccordati della Stazione Centrale di Milano a marzo 2014 hanno compiuto 100 anni. Rappresentano un manufatto unico di grande interesse storico, economico e culturale. Oltre 100 spazi per una superficie di 40.000 mq., distribuiti per due chilometri lungo la via Ferrante Aporti e la via Sammartini. Lo stile tardo liberty con influenze decò si può notare nelle decorazioni in cemento con disegni geometrici della facciata e i particolari portali in ferro battuto, tipici dello stile d’inizio Novecento e simili a quelli presenti nella Stazione Centrale. Un po’ di storia: All’inizio degli anni '30 fu costruita l’attuale Stazione Centrale di Milano; poco prima era stata realizzata una lunga massicciata sopraelevata su cui far correre i binari: il Rilevato Ferroviario. Messo in servizio nel 1914, fu anche utilizzato per il trasporto dei materiali e per l’avanzamento dei lavori di costruzione della nuova Stazione. A livello stradale furono creati spazi per lo stoccaggio e la distribuzione delle merci che arrivavano a mezzo treno e venivano trasportate dalla stazione ai magazzini attraverso un collegamento su rotaia interno al rilevato che metteva in comunicazione i vari spazi, da qui il nome i Magazzini Raccordati. Le merci che arrivavano dai binari interni erano prive di dazi e per poter essere distribuite dovevano passare la dogana che si trovava proprio a ridosso dell’ingresso dei Magazzini a livello strada. una lunga linea di confine per il libero scambio delle merci, di oltre due chilometri all’interno della città. Con la diminuzione del trasporto su rotaia a favore del trasporto su strada, questo ingegnoso sistema di distribuzione e stoccaggio è andato via via scomparendo, le rotaie interne sono entrate in disuso e i Magazzini sono stati impiegati e affittati per attività commerciali all’ingrosso e artigianale. Durante la Seconda Guerra Mondiale, i Magazzini Raccordati furono usati anche come deposito delle armi o come dormitori per i militari, mentre negli anni sessanta rappresentarono spesso il primo luogo di accoglienza degli immigrati che arrivavano dal sud. Dagli anni 70 i Magazzini sono stati progressivamente abbandonati. A partire dall’anno 2000 i contratti di affitto non sono più stati rinnovati, attualmente sono occupati 13 spazi su oltre i 100 a disposizione e in degrado. Lo stato di fatto La proprietà dei Magazzini è delle Ferrovie dello Stato, ma tutto il complesso è stato dato in gestione, con una concessione trentennale a Grandi Stazioni Spa, una società del gruppo FS a capitale misto 60% pubblico e 40% privato. Grandi Stazioni Spa è il referente principale per qualsiasi programma di riqualificazione e riutilizzo, anche temporaneo dei Magazzini Raccordati. In qualche occasione ha espresso la volontà di intraprendere un progetto di riqualificazione, auspicato anche dalle istituzioni della città quali l’ Amministrazione Comunale, ma a oggi non vi è nulla di attivato concretamente. Nel frattempo vediamo che nel mondo sono stati realizzati importanti interventi di riqualificazione di spazi ferroviari simili a questi, ad esempio a Parigi, Vienna, Berlino, Londra e New York, gli spazi riqualificati e ri-animati sono diventati il centro pulsante della città. Sono diventati un importante punto di riferimento per le attività culturali, ricreative, artistiche, e di ricerca per un nuovo modello d’interazione tra ambiente e cittadino. I Magazzini Raccordati della Stazione Centrale di Milano possono diventare un importante luogo d’incontro e di sviluppo per la nostra città. Una preziosa risorsa che mette insieme il valore storico di una memoria centenaria con le potenzialità creative di idee nuove in uno scenario ambientale di grande originalità.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te