Iscriviti al FAI
PROMONTORIO E TORRE DI PUNTA PAGANA | ph. © Anna Comi

Promontorio e Torre di Punta Pagana

Una torre saracena sul mare di Rapallo

Condividi
Promontorio e Torre di Punta Pagana
Gentili ospiti, bentornati nei Beni del FAI!
In questi mesi tante cose sono cambiate, per tutti e anche per noi. Ci siamo organizzati e siamo felici di tornare a offrirvi un’esperienza di visita ricca e serena, in totale sicurezza. Abbiamo bisogno, però, della vostra collaborazione e del rispetto di poche semplici regole che potete consultare qui.
Vi ricordiamo che tutte le visite sono solo su prenotazione.
Clicca qui per saperne di più

tipologia

Bene aperto al pubblico

contatti

02 467615325
proprieta@fondoambiente.it

A pochi minuti dal centro di Rapallo, immersa nel verde della macchia mediterranea e a picco sull’azzurro mare della Liguria, si erge in cima a un promontorio una torre saracena risalente al XVI secolo, che ancora conserva spazi e allestimenti originali.

Donati al FAI dalla famiglia De Grossi, nel 1981

READ THE ENGLISH VERSION

Fra San Michele di Pagana e la spiaggia di Prelo emerge un promontorio coperto di pini marittimi, fra cui si annida una delle poche torri saracene liguri non inglobate in abitazioni o svilite da usi impropri. Eretta nella seconda metà del XVI secolo, la Torre, massiccia sentinella in pietra con funzioni di guardia, è un documento di un’epoca in cui le coste liguri correvano di continuo pericoli dovuti alle incursioni di navi corsare. Il tragico e improvviso sbarco della mattina del 4 luglio 1549, con il successivo assalto piratesco a Rapallo compiuto dall'ammiraglio turco Dragut, spinse gli impauriti abitanti di San Michele a chiedere che il borgo fosse messo in maggiore sicurezza. Un contributo di 600 lire fu fissato, per la realizzazione della Torre, il 16 maggio 1562 dal podestà di Rapallo Gerolamo Giustiniani su indicazione del Senato della Repubblica di Genova.     
Negli anni ’80 la torre venne donata al FAI, che decise di restaurarla e curare la sopravvivenza delle specie arboree del contesto. I lavori di recupero conservativo hanno ripristinato in copertura la “camera della bombarda”, ritrovato il pavimento originario in mattoni posti a coltello e preservato e integrato gli intonaci esterni seicenteschi. Oggi il promontorio e la torre di Punta Pagana rappresentano un vero angolo di quiete a disposizione di chi volesse intraprendere una serena incursione tra natura e storia godendo della piacevole vista del mare.

Ti potrebbero interessare

Teatrino di Vetriano

FRAZ. VETRIANO – PESCAGLIA, LUCCA

Il teatro storico pubblico più piccolo del mondo

Baia di Ieranto

MASSA LUBRENSE, NAPOLI

La dimora delle sirene di fronte ai faraglioni di Capri

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te