Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
SANTUARIO DEL NOCE

SANTUARIO DEL NOCE

CAMPOSAMPIERO, PADOVA

425°

POSTO

351

VOTI 2020
Condividi
SANTUARIO DEL NOCE
La città di Camposampiero è luogo Antoniano. Il soggiorno di Antonio, durato un mese, concluso all’approssimarsi della morte il 13 giugno 1231 è divenuto nel tempo memoria indissolubile ed identità condivisa. I Santuari Antoniani, oasi di spiritualità, arte e raccoglimento, costituiscono la principale attrattiva turistica di Camposampiero. Sono migliaia, ogni anno, i pellegrini qui attirati principalmente dalla devozione a sant'Antonio, ma anche dall’atmosfera di pace che emana dal luogo, dalle ricche testimonianze di fede e religiosità e dall’Oratorio del Noce, uno dei santuari artisticamente più interessanti della provincia di Padova, ed insieme il segno più significativo della presenza del Santo a Camposampiero. Scrigno di devozione e bellezza, il “Noce” venne fatto erigere da Gregorio Camposampiero nel 1432 sul luogo dove sorgeva l’albero di noce dal quale il Santo predicava alle genti di campagna che accorrevano per ascoltarlo. Vi si giunge percorrendo un suggestivo viale alberato costeggiato dal Sentiero “Antonio Vangelo e Carità”, un insieme di gruppi bronzei realizzati dallo scultore Romeo Sandrin in occasione del Giubileo del 2000. La struttura della chiesetta, ampliata in tre momenti successivi, è semplice e sobria: la facciata ha un elegante protiro che protegge l’affresco della lunetta. Il tetto è a capanna. L’interno è ad aula, con lo spazio per l’altare e l’abside protetto da una cancellata, perché riservato al coro delle monache clarisse del vicino convento. L’atmosfera che accoglie il visitatore è di magia e stupore, per la suggestione mistica che vi si respira e per gli splendidi dipinti che ne impreziosiscono l’interno. La chiesa fu affrescata intorno al 1535, quasi certamente da un affermato pittore padovano, Girolamo Tessari detto Dal Santo (Padova, 1480 – ivi, 1561). Sulle pareti dell'aula dieci scene raccontano i più importanti miracoli di sant’Antonio, di alcuni dei quali sono l’unica testimonianza iconografica: a sinistra, in alto il Miracolo della mula e la Predica dal noce, in basso il Miracolo dell’anello e il Miracolo delle lingue; a destra la Predica ai pesci, il Miracolo del piede riattaccato, il Miracolo del riconoscimento del padre e il Miracolo del cibo; in controfacciata, a destra della porta, il Miracolo del bicchiere e a sinistra, il Miracolo del cavaliere. Questi dipinti sono caratterizzati da una coinvolgente fluidità narrativa e da una puntuale attenzione al racconto di momenti della quotidianità. Trasportano l'osservatore attento in un mondo antico, quotidianamente intessuto di lotte e illuminato dalla fede che trova risposta nel miracolo. Sulle lunette del presbiterio sono rappresentati busti di santi, tra i quali i primi santi francescani (Francesco, Antonio, i cinque martiri del Marocco, il beato Belludi) e S. Giovanni Battista: costituiscono una piccola galleria di personaggi la cui vita esemplare diventa modello per i credenti. La splendida pala d’altare datata 1540, che abbellisce l’abside, è opera del pittore veronese Bonifacio de’ Pitati (Verona, 1487 – Venezia, 1553). Il dipinto, che rappresenta la Predica dal noce di sant’Antonio dall’alto della maestosa pianta, davanti ad una schiera di fedeli, alcuni dei quali nobili e molti semplici abitanti del luogo, testimonia la capacità di Antonio di rivolgersi a dotti e a semplici ed essere capito da tutti, perché il suo linguaggio andava dritto al cuore. Uscendo dal Santuario del Noce, si arriva al Santuario della Visione, l’imponente chiesa ricostruita all’inizio del XX secolo. In essa è custodita la cella nella quale il Santo di Padova ebbe la memoranda Apparizione di Gesù Bambino. Sulla navata destra, in prossimità del transetto si apre un passaggio che, attraverso una stretta scala, conduce alla minuscola cella. Qui, sulla parete di fondo, è posta una tavola dipinta da Andrea da Murano nel 1486 che ritrae il santo con il libro che indica la sua cultura e il giglio bianco simbolo di purezza.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

11,804° Posto

7 Voti
Censimento 2016

13,852° Posto

4 Voti
Censimento 2014

2,946° Posto

9 Voti
Censimento 2012

9,907° Posto

1 Voti

Vota altri luoghi vicini

3,053°
32 voti

PERCORSO CICLABILE OSTIGLIA

CAMPOSAMPIERO, PADOVA

22,206°
3 voti

Palazzo storico, dimora storica

TENUTA GALLO

CAMPOSAMPIERO, PADOVA

Vota altri luoghi simili

17,000 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

12,531 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

12,208 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

SANTUARIO DEL NOCE

CAMPOSAMPIERO, PADOVA

Condividi
SANTUARIO DEL NOCE
La città di Camposampiero è luogo Antoniano. Il soggiorno di Antonio, durato un mese, concluso all’approssimarsi della morte il 13 giugno 1231 è divenuto nel tempo memoria indissolubile ed identità condivisa. I Santuari Antoniani, oasi di spiritualità, arte e raccoglimento, costituiscono la principale attrattiva turistica di Camposampiero. Sono migliaia, ogni anno, i pellegrini qui attirati principalmente dalla devozione a sant'Antonio, ma anche dall’atmosfera di pace che emana dal luogo, dalle ricche testimonianze di fede e religiosità e dall’Oratorio del Noce, uno dei santuari artisticamente più interessanti della provincia di Padova, ed insieme il segno più significativo della presenza del Santo a Camposampiero. Scrigno di devozione e bellezza, il “Noce” venne fatto erigere da Gregorio Camposampiero nel 1432 sul luogo dove sorgeva l’albero di noce dal quale il Santo predicava alle genti di campagna che accorrevano per ascoltarlo. Vi si giunge percorrendo un suggestivo viale alberato costeggiato dal Sentiero “Antonio Vangelo e Carità”, un insieme di gruppi bronzei realizzati dallo scultore Romeo Sandrin in occasione del Giubileo del 2000. La struttura della chiesetta, ampliata in tre momenti successivi, è semplice e sobria: la facciata ha un elegante protiro che protegge l’affresco della lunetta. Il tetto è a capanna. L’interno è ad aula, con lo spazio per l’altare e l’abside protetto da una cancellata, perché riservato al coro delle monache clarisse del vicino convento. L’atmosfera che accoglie il visitatore è di magia e stupore, per la suggestione mistica che vi si respira e per gli splendidi dipinti che ne impreziosiscono l’interno. La chiesa fu affrescata intorno al 1535, quasi certamente da un affermato pittore padovano, Girolamo Tessari detto Dal Santo (Padova, 1480 – ivi, 1561). Sulle pareti dell'aula dieci scene raccontano i più importanti miracoli di sant’Antonio, di alcuni dei quali sono l’unica testimonianza iconografica: a sinistra, in alto il Miracolo della mula e la Predica dal noce, in basso il Miracolo dell’anello e il Miracolo delle lingue; a destra la Predica ai pesci, il Miracolo del piede riattaccato, il Miracolo del riconoscimento del padre e il Miracolo del cibo; in controfacciata, a destra della porta, il Miracolo del bicchiere e a sinistra, il Miracolo del cavaliere. Questi dipinti sono caratterizzati da una coinvolgente fluidità narrativa e da una puntuale attenzione al racconto di momenti della quotidianità. Trasportano l'osservatore attento in un mondo antico, quotidianamente intessuto di lotte e illuminato dalla fede che trova risposta nel miracolo. Sulle lunette del presbiterio sono rappresentati busti di santi, tra i quali i primi santi francescani (Francesco, Antonio, i cinque martiri del Marocco, il beato Belludi) e S. Giovanni Battista: costituiscono una piccola galleria di personaggi la cui vita esemplare diventa modello per i credenti. La splendida pala d’altare datata 1540, che abbellisce l’abside, è opera del pittore veronese Bonifacio de’ Pitati (Verona, 1487 – Venezia, 1553). Il dipinto, che rappresenta la Predica dal noce di sant’Antonio dall’alto della maestosa pianta, davanti ad una schiera di fedeli, alcuni dei quali nobili e molti semplici abitanti del luogo, testimonia la capacità di Antonio di rivolgersi a dotti e a semplici ed essere capito da tutti, perché il suo linguaggio andava dritto al cuore. Uscendo dal Santuario del Noce, si arriva al Santuario della Visione, l’imponente chiesa ricostruita all’inizio del XX secolo. In essa è custodita la cella nella quale il Santo di Padova ebbe la memoranda Apparizione di Gesù Bambino. Sulla navata destra, in prossimità del transetto si apre un passaggio che, attraverso una stretta scala, conduce alla minuscola cella. Qui, sulla parete di fondo, è posta una tavola dipinta da Andrea da Murano nel 1486 che ritrae il santo con il libro che indica la sua cultura e il giglio bianco simbolo di purezza.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te