REGALA LA TESSERA FAI
Natale a Villa Bozzolo | Ph. Maria Pia Giarré © FAI
A Natale Regala l'Iscrizione al FAI
Regala un'emozione che dura tutto l'anno

Con la tessera FAI doni un anno di tempo libero di qualità nel segno della bellezza del nostro Paese, da proteggere e da scoprire.

I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
SANTUARIO DELLA MADONNA DELLA CORNABUSA

SANTUARIO DELLA MADONNA DELLA CORNABUSA

SANT'OMOBONO TERME, BERGAMO

POSTO

30,986

VOTI 2018
SANTUARIO DELLA MADONNA DELLA CORNABUSA

Il Santuario della Cornabusa è incastonato sul versante di un monte a picco sulla Valle Imagna e inserito all'interno di una caverna in cui sgorga una sorgente d'acqua. L’origine del luogo è da far risalire al periodo delle lotte tra Guelfi e Ghibellini, tra il 1350 e il 1440. Per sfuggire alle violenze alcuni abitanti della zona si nascosero in una “corna busa”, che in dialetto significa cavità naturale, portando con sé la statuetta lignea della Madonna che si racconta sia stata lì dimenticata e nel secolo successivo fu al centro di un miracolo. Proprio nel luogo in cui la statua fu ritrovata, nel corso dei secoli a partire dal '500, fu edificato il santuario dedicato al culto della Madonna della Grotta, che in seguito divenne Madonna della Cornabusa. Nel piazzale della grotta si trova un tempietto chiuso da inferriata che custodisce ancora oggi la statua. Il santuario è aperto solo dal lunedì dell’Angelo fino alla termine dell’estate; nei restanti mesi dell’anno diventa difficile raggiungerlo. Ancora oggi punto di riferimento per tutta la comunità della Valle Imagna, necessita di svariati interventi di tutela e restauro di cui si fa portavoce un comitato che riunisce la Parrocchia di Cepino, la Comunità Montana Valle Imagna, l'Infopoint Valle Imagna e la Pro Loco di S. Omobono.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Scopri altri luoghi vicini

2,664°
31 voti

Museo

MALGA LUNGA

GANDINO, BERGAMO

905°
100 voti

Chiesa

CHIESA SAN DEFENDENTE

RONCOLA, BERGAMO

6,778°
13 voti

Area naturale

BOSCO DI VALSECCA

VALSECCA, BERGAMO

3,798°
22 voti

Area urbana, piazza

PAESE DI LOCATELLO

LOCATELLO, BERGAMO

Scopri altri luoghi simili

11°
14,270 voti

Santuario

SANTUARIO MADONNA DELLA SCALA

MASSAFRA, TARANTO

31°
6,332 voti

Santuario

SACRO MONTE DI CREA

SERRALUNGA DI CREA, ALESSANDRIA

41°
4,880 voti

Santuario

SANTUARIO DELLA VISITAZIONE DI S.ELISABETTA

COLLERETTO CASTELNUOVO, TORINO

52°
4,003 voti

Santuario

SANTUARIO DI SANT'IGNAZIO

PESSINETTO, TORINO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

SANTUARIO DELLA MADONNA DELLA CORNABUSA

SANT'OMOBONO TERME, BERGAMO

SANTUARIO DELLA MADONNA DELLA CORNABUSA
Santuario mariano realizzato all'interno di una grotta naturale, centro devozionale dell'intera Valle Imagna. Ultimo santuario visitato da Papa Giovanni XXIII prima della salita al soglio pontificio. Lo stesso San Giovanni XXIII° (il Papa Buono) diceva della Cornabusa: "E' il Santuario più bello che esista, perché non l'ha fatto la mano dell'uomo, ma Dio Stesso". Si narra che un anziano contadino della zona, trovandosi un giorno nei dintorni della grotta, entrò in perlustrazione e trovò la statuetta. Questo fatto lo sorprese molto e fu probabilmente come un ‘presagio’ . La lasciò lì ma continuò con regolarità ad accedere alla grotta in solitudine per un buon periodo di tempo, sentendosi diviso tra il desiderio di farne partecipi i compaesani o tacere e tenere la scoperta solo per sè, in attesa del fatidico “segno divino”, che arrivò qualche anno dopo. La protagonista fu una giovinetta sordomuta, una contadina, che pascolava le pecore nei dintorni della grotta. Fu attratta dal mistero e dalla curiosità di entrare e trovò la statuetta. La ragazza corse subito a casa dichiarando quanto aveva trovato e tutti si accorsero che aveva riacquistato la voce, e anche l’udito! Secondo una versione della medesima narrazione, sarebbe stata la Madonna ad aver donato i sensi mancanti alla giovane, per consentirle di esprimere la volontà che venisse eretto un santuario nella caverna. In breve la notizia della giovane risanata e della statuetta ‘miracolosa’ si diffuse a macchia d’olio in tutti i paesi limitrofi. La prodigiosa effigie, divenne in breve tempo oggetto di discussione tra le popolazioni su chi dovesse tenerle. Infatti ben presto venne trafugata dalla grotta per portarla prima nella chiesa di Bedulita, da cui proveniva la giovane, e poi a Cepino. Avvenne un prodigio ancora più eclatante, di notte infatti la statuetta tornava al suo posto e la si trovava l’indomani ancora nella sua spelonca! Tutti i fedeli, sbigottiti, pensarono di dover eseguire il trasporto con solenni cerimonie; dunque scomodarono pure il vescovo che, avrebbe autorizzato una traslazione in pompa magna, con tanto di processione, ministri di culto, devoti e tutto quanto è consono ad un importante rito. Ma quando furono sul fianco del monte innanzi che incominci la discesa, la statuetta della Vergine Addolorata voltò la testa in direzione del suo ‘rifugio’, con tale espressione di dolore, tutti capirono che era là che voleva ritornare e non andare altrove. Ebbe così inizio il culto della Madonna della Grotta, solo in seguito cambiato con quello di Madonna della Cornabusa; un culto costellato di grazie ricevute e di prodigi. Il 4 febbraio 1510 il vescovo di Bergamo concesse la licenza di celebrare la S. Messa nella grotta; da qui l’esigenza di attrezzare quanto meno sufficientemente la strada per accedere al sacro luogo. Altra caratteristica ed unicità del Santuario è la presenza sulle pareti della “campanula elatinoides” , specie di pianta erbacea appartenente alla famiglia delle campanulacee, molto rara e particolarmente bella, originaria delle Alpi lombardo-venete. La campanula vegeta sulle pareti della grotta-santuario, sia esterne che interne, e le sue tinte cerulee sono un chiaro richiamo al manto tradizionale della Beata Vergine Maria. La pianta, inoltre, fiorisce a fine estate nel periodo in cui cade la festa del santuario (settembre) e la sua corolla, stellata e non campanulata come nella maggior parte delle specie congeneri, è un ulteriore richiamo ai segni della rappresentazione mariana che la nostra straordinaria campanula esprime nel santuario tanto caro a San Giovanni XXIII.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te