Iscriviti al FAI a -10€
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
SPIAGGIA DEI MARONTI

SPIAGGIA DEI MARONTI

BARANO D ISCHIA, NAPOLI

7,025°

POSTO

18

VOTI 2020
Condividi
SPIAGGIA DEI MARONTI
La Spiaggia dei Maronti è una delle più incantevoli d'Italia. Lunga circa 3 Km. si tuffa a dolce declivio nel mare. E' riparata da imponenti cerchie di colline. Per arricchire il fascino del paesaggio vi sboccano le aperture buie delle cave che si possono risalire in cerca di emozioni. In una di queste cave si trova la più potente sorgente di acque termali dell'isola: la Sorgente della Cava Scura. Resterete sorpresi quando scorgete che dai fianchi della collina è stato ricavato nel vivo tufo un bagno termale all'aperto. Le vasche sono sistemate tra le acque terapeutiche che vi offrono un confortevole bagno. Questi bagni già erano noti, sotto altra forma, agli antichi romani. Il nome della più famosa spiaggia dell'isola, Maronti, deriva dal greco e fu tradotto poi in latino con il termine quatior che significa spiaggia tranquilla. La spiaggia dei Maronti - come del resto tutte le spiagge dell'isola d'Ischia - ha goduto dei Privilegi Aragonesi concessi da Ferdinando d'Aragona, pronipote di Alfonso, per la fedeltà dimostrata dal popolo ischitano alla corona quando, per la defezione delle città del regno, Ferdinando dovette fuggire dalla capitale trovando rifugio sull'isola. La morte, però, lo colse prima che egli potesse ratificare quanto elargito; fu lo zio Federico, suo successore a portare a compimento i desideri del nipote che prevedevano che proprietario dei promontori, delle spiagge e del mare per mezzo miglio attorno alla costa doveva essere il popolo ischitano. Le amministrazioni dell'isola potevano cosi legiferare su questi beni e fittarli e furono custodi gelose di questi Privilegi perchè sul piano economico rappresentavano la possibilità di vivere con agiatezza. La spiaggia, oltre che fare la gioia dei turisti e dei bagnanti, era anticamente la gioia dei pirati. Essi potevano arrivare con le loro imbarcazioni fin sulla riva a causa della profondità del mare. I pianori che affacciavano sulla spiaggia, servivano loro come rifugio sicuro e come nascondiglio di ogni mercanzia razziata durante le scorrerie. I pirati scavavano dei pozzi a forma circolare con un'ampia base ed un'imboccatura stretta fissando poi una scala per poter salire e scendere. Una volta riempiti di merce preziosa chiudevano l'imboccatura con una larga pietra e su di essa stendevano del terreno con delle piantine, mettevano dei segnali e poi ripartivano. I tesori venivano in seguito trasportati oltre i mari senza destare sospetti. Nel dicembre del 1999, una violenta mareggiata si è abbattuta sulla spiaggia dei Maronti, provocandone in pratica la scomparsa e aggredendo pericolosamente anche la falesia rocciosa retrostante. Per la ricostruzione è stata utilizzata sabbia prelevata nella zona prospiciente dove è stata individuata una cava sottomarina a una profondità superiore a 20 m. Attualmente anche se frequentata da turisti ed isolani, la spiaggia dei Maronti versa in condizioni precarie poichè le continue intemperie invernali minano ogni anno la grandezza e la bellezza della spiaggia.

Scheda completa al 88%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

4,333° Posto

19 Voti
Censimento 2016

7,668° Posto

8 Voti
Censimento 2014

3,876° Posto

6 Voti
Censimento 2012

1,023° Posto

12 Voti
Censimento 2010

2,584° Posto

2 Voti
Censimento 2006

342° Posto

11 Voti
Censimento 2004

748° Posto

2 Voti
Censimento 2003

381° Posto

4 Voti

Vota altri luoghi vicini

11,343°
11 voti

Costa, area marina, spiaggia

SPIAGGIA DI SANT'ANGELO D'ISCHIA

BARANO D ISCHIA, NAPOLI

5,404°
23 voti

Area archeologica

ANTICHE TERME ROMANE DI CAVASCURA

BARANO D ISCHIA, NAPOLI

12,745°
9 voti

Costa, area marina, spiaggia

LA SCARRUPPA

BARANO D ISCHIA, NAPOLI

29,307°
3 voti

Costa, area marina, spiaggia

BAIA DI CARTAROMANA

ISCHIA, NAPOLI

Vota altri luoghi simili

31,856 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

31,432 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

19,654 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

SPIAGGIA DEI MARONTI

BARANO D ISCHIA, NAPOLI

Condividi
SPIAGGIA DEI MARONTI
La Spiaggia dei Maronti è una delle più incantevoli d'Italia. Lunga circa 3 Km. si tuffa a dolce declivio nel mare. E' riparata da imponenti cerchie di colline. Per arricchire il fascino del paesaggio vi sboccano le aperture buie delle cave che si possono risalire in cerca di emozioni. In una di queste cave si trova la più potente sorgente di acque termali dell'isola: la Sorgente della Cava Scura. Resterete sorpresi quando scorgete che dai fianchi della collina è stato ricavato nel vivo tufo un bagno termale all'aperto. Le vasche sono sistemate tra le acque terapeutiche che vi offrono un confortevole bagno. Questi bagni già erano noti, sotto altra forma, agli antichi romani. Il nome della più famosa spiaggia dell'isola, Maronti, deriva dal greco e fu tradotto poi in latino con il termine quatior che significa spiaggia tranquilla. La spiaggia dei Maronti - come del resto tutte le spiagge dell'isola d'Ischia - ha goduto dei Privilegi Aragonesi concessi da Ferdinando d'Aragona, pronipote di Alfonso, per la fedeltà dimostrata dal popolo ischitano alla corona quando, per la defezione delle città del regno, Ferdinando dovette fuggire dalla capitale trovando rifugio sull'isola. La morte, però, lo colse prima che egli potesse ratificare quanto elargito; fu lo zio Federico, suo successore a portare a compimento i desideri del nipote che prevedevano che proprietario dei promontori, delle spiagge e del mare per mezzo miglio attorno alla costa doveva essere il popolo ischitano. Le amministrazioni dell'isola potevano cosi legiferare su questi beni e fittarli e furono custodi gelose di questi Privilegi perchè sul piano economico rappresentavano la possibilità di vivere con agiatezza. La spiaggia, oltre che fare la gioia dei turisti e dei bagnanti, era anticamente la gioia dei pirati. Essi potevano arrivare con le loro imbarcazioni fin sulla riva a causa della profondità del mare. I pianori che affacciavano sulla spiaggia, servivano loro come rifugio sicuro e come nascondiglio di ogni mercanzia razziata durante le scorrerie. I pirati scavavano dei pozzi a forma circolare con un'ampia base ed un'imboccatura stretta fissando poi una scala per poter salire e scendere. Una volta riempiti di merce preziosa chiudevano l'imboccatura con una larga pietra e su di essa stendevano del terreno con delle piantine, mettevano dei segnali e poi ripartivano. I tesori venivano in seguito trasportati oltre i mari senza destare sospetti. Nel dicembre del 1999, una violenta mareggiata si è abbattuta sulla spiaggia dei Maronti, provocandone in pratica la scomparsa e aggredendo pericolosamente anche la falesia rocciosa retrostante. Per la ricostruzione è stata utilizzata sabbia prelevata nella zona prospiciente dove è stata individuata una cava sottomarina a una profondità superiore a 20 m. Attualmente anche se frequentata da turisti ed isolani, la spiaggia dei Maronti versa in condizioni precarie poichè le continue intemperie invernali minano ogni anno la grandezza e la bellezza della spiaggia.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2004, 2006, 2010, 2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te