Iscriviti al FAI
Parco Villa Gregoriana: un contesto fragile e delicato

Parco Villa Gregoriana: un contesto fragile e delicato

Condividi
Parco Villa Gregoriana: un contesto fragile e delicato
In primo piano

16 febbraio 2021

Siccità estiva, piogge continue e gelate invernali hanno accelerato quel processo naturale che in una forra carsica porta al collasso: la mattina di venerdì 12 febbraio 2021, uno smottamento ha interessato un pezzo della parete verticale di Parco Villa Gregoriana. Il Bene FAI di Tivoli è un ecosistema estremamente fragile e delicato, che richiede supervisione costante e tempestività negli interventi.

In attesa della riapertura di Parco Villa Gregoriana a Tivoli prevista a marzo, a inizio febbraio abbiamo intrapreso i consueti monitoraggi dei versanti della forra, la profonda gola a pareti verticali e molto ravvicinate tra le quali scorre il fiume Aniene.

Venerdì 12 febbraio intorno alle 11,15 si è sentito un boato e in un attimo la natura ha seguito il suo corso: un pezzo del versante è franato a valle, sui sentieri e i camminamenti.

Fortunatamente nessuno degli operai in loco stava lavorando in quella zona del parco, perché avevamo già notato che c’era qualcosa che non andava nella parete rocciosa e avevamo programmato degli interventi, lasciando prudentemente l’area sgombra da qualsiasi movimentazione del personale.

Il riscaldamento globale, con i suoi periodi di siccità estiva sempre più prolungati, le piogge autunnali sempre più frequenti e intense, e le improvvise gelate invernali, ha accelerato quel processo naturale che in una forra carsica porta al collasso, specialmente su una parete verticale.

La natura ha i suoi tempi e segue i suoi ritmi, e da secoli in questa villa si cerca il giusto equilibrio tra artificiale e naturale, tra l’uomo che cerca di domarla e la natura che tenta continuamente di prendersi i suoi spazi.

Questa è in fondo la storia di Villa Gregoriana, fin da quando nel 1832 l’architetto e ingegnere Clemente Folchi si distinse con una grandiosa opera di ingegneria idraulica per contenere le continue esondazioni dell’Aniene, incanalando le sue acque in un doppio traforo scavato nel monte Catillo e dando vita ai 120 metri salto della Cascata Grande.

Secondo i dati Ispra del 2018, 7.275 comuni italiani – il 91%! – sono a rischio frane e alluvioni. In particolare, i Beni Culturali esposti a questi pericoli, tra cui Parco Villa Gregoriana a Tivoli, sono il 18,6% del totale nazionale per le frane e il 15,3 è esposto a una pericolosità idraulica media..

Questo contesto estremamente fragile e delicato richiede supervisione costante e tempestività negli interventi. Solo così il FAI può proteggere, sempre, un luogo dal valore inestimabile.

Aiutaci a salvare Parco Villa Gregoriana

Il Bene FAI di Tivoli è un ecosistema estremamente fragile e delicato, che richiede supervisione costante e tempestività negli interventi. Per questo abbiamo bisogno del tuo aiuto.

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te