ISCRIVITI AL FAI
Accedi
The End of History?

The End of History?

Condividi
The End of History?
Attualità

22 maggio 2018

“Se riuscissimo a pensare l’esperienza dell’arte fuori dalla storia dell’arte non sapremmo, e forse non vorremmo deciderci, su quale tra le due invenzioni sia la precedente, proprio perché la questione dell’originalità non sarebbe poi così importante e decisiva quanto quella dell’orizzonte di senso condiviso da entrambi gli autori.”
Barry X Ball

Come si evolve il concetto di storia dell’arte tra passato e contemporaneità? Qual è il rapporto tra originale e copia, tra unicità e serialità? Come perdura il valore di un’opera d’arte nel corso dei secoli?

Questi sono gli interrogativi che la mostra “The End of History”, a Villa Panza, Varese, e al Castello Sforzesco di Milano, pone al visitatore a partire dal titolo che sottende un punto interrogativo come invito a riflettere sulla fine o meno della storia dell’arte.

Per gli artisti contemporanei, infatti, ispirarsi a Giotto o a Boccioni non è più un salto tra modelli stilisticamente o storicamente opposti in quanto il sincretismo di modelli estetici, equivalenti e intercambiabili, ha cancellato quell’accezione di ‘storia dell’arte’ intesa come sviluppo di tipologie e di forme, canonizzata nel XIX secolo e da cui i maggiori, e più antichi, musei hanno tratto origine e ragion d’essere.

D’altro canto per Barry X Ball, la cui ricerca è orientata a una bellezza universale in grado di perdurare attraverso i secoli, ogni opera d’arte è connotata dalla cultura in cui viene realizzata, sia dal punto di vista stilistico – come definito dalla storiografia artistica tra la fine del Settecento e la prima metà dell’Ottocento – che tecnico. La tecnologia è, infatti, non un semplice accessorio dell’idea creativa ma un elemento culturale specifico di ogni periodo storico. E’ il mezzo che permette all’artista di superare i più famosi esempi di virtuosismo barocco italiano creando un’opera nuova, diversa dall’originale e autonoma nell’immagine e nel pensiero.

Guarda il video con l'intervista a Barry X Ball

E’ quanto accade, per esempio, con l’opera “Envy” (2008 – 2016), esposta nella sezione “Masterpieces” a Villa Panza e ben rappresentativa della poetica dell’artista.
Ispirata all’”Invidia” (1670) di Giusto Le Court, l’opera è stata creata attraverso un processo di scansione e stampa 3D dall’originale, riprodotto in calcite dorata proveniente dagli Stati Uniti: una reinterpretazione del capolavoro del passato attraverso l’innovazione concettuale e tecnologica per dare vita a nuove immagini più sintetiche e universali, più plastiche e sensuali, più autonome e armoniche. Nella ricerca di Barry è, infatti, nell’immagine che si manifestano quelle relazioni e quei rapporti temporali che discendono dalla storia, dove presente e passato vengono posti in costante connessione, dando vita anche ad una sorta di corto circuito.

Visita la mostra
Un viaggio nella materia dove la forma emerge dalla fusione di tecnica e poesia, fra la lucentezza del marmo, i riflessi dell’oro e le trasparenze dell’onice. A Villa e Collezione Panza e al Castello Sforzesco la prima retrospettiva di Barry X Ball.
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te