Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
ABBAZIA BENEDETTINA DI SAN GUGLIELMO AL GOLETO | ph. FAI | © FAI - Fondo Ambiente Italiano

ABBAZIA DEL GOLETO

SANT'ANGELO DEI LOMBARDI, AVELLINO

1,892°

POSTO

55

VOTI 2020
Condividi
ABBAZIA DEL GOLETO
L'Abbazia, posta su un alto colle a dominare la Valle dell'Ofanto, venne fondata nel 1133 da San Guglielmo da Vercelli che qui visse in romitaggio e si spense nel 1142, dopo aver dato vita a un Monastero doppio, di monaci e monache. Il complesso è un capolavoro di arte romanica, soprattutto la Torre Febronia, risalente al 1152, decorata da sculture simboliche e grottesche. Al centro del complesso si trovano le due piccole chiese che segnano il passaggio dall'arte romanica a quella gotica. La Chiesa Superiore del 1255, dedicata a San Luca Evangelista, ha il portale sormontato da un arco a sesto acuto e un piccolo rosone a sei luci. L'interno presenta due navate con coperture a crociera ogivale, che poggiano colonne le cui basi ottagonali e capitelli decorati di foglie ricurve presentano analogie con le opere scultoree commissionate da Federico II a Castel del Monte, in Puglia. Dopo il disastroso terremoto del 1732, il complesso venne restaurato da Domenico Antonio Vaccaro che progettò anche la Chiesa Grande, mai completata. Dopo la soppressione del convento nel 1807 ad opera di Giuseppe Bonaparte, il complesso venne abbandonato all’incuria e allo spoglio. A partire dal 1973, i restauri del Ministero dei Beni Culturali e della Soprintendenza delle Belle Arti di Avellino e Salerno.

Scheda completa al 88%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

6,969° Posto

12 Voti
Censimento 2016

5,165° Posto

12 Voti
Censimento 2014

1,768° Posto

19 Voti

Vota altri luoghi vicini

9,976°
9 voti

Convento

CONVENTO DI SANTA MARIA DELLE GRAZIE

SANT ANGELO DEI LOMBARDI, AVELLINO

20,408°
3 voti

Castello, rocca

CASTELLO DEGLI IMPERIALI

SANT ANGELO DEI LOMBARDI, AVELLINO

17,786°
4 voti

Castello, rocca

CASTELLO E MUSEO STORICO

SANT'ANGELO DEI LOMBARDI, AVELLINO

17,785°
4 voti

Chiesa

CATTEDRALE

SANT'ANGELO DEI LOMBARDI, AVELLINO

Vota altri luoghi simili

17,276 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

12,853 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

12,284 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
ABBAZIA DEL GOLETO

ABBAZIA DEL GOLETO

SANT'ANGELO DEI LOMBARDI, AVELLINO

Condividi
ABBAZIA DEL GOLETO
L'Abbazia, posta su un alto colle a dominare la Valle dell'Ofanto, venne fondata nel 1133 da San Guglielmo da Vercelli che qui visse in romitaggio e si spense nel 1142, dopo aver dato vita a un Monastero doppio, di monaci e monache. Il complesso è un capolavoro di arte romanica, soprattutto la Torre Febronia, risalente al 1152, decorata da sculture simboliche e grottesche. Al centro del complesso si trovano le due piccole chiese che segnano il passaggio dall'arte romanica a quella gotica. La Chiesa Superiore del 1255, dedicata a San Luca Evangelista, ha il portale sormontato da un arco a sesto acuto e un piccolo rosone a sei luci. L'interno presenta due navate con coperture a crociera ogivale, che poggiano colonne le cui basi ottagonali e capitelli decorati di foglie ricurve presentano analogie con le opere scultoree commissionate da Federico II a Castel del Monte, in Puglia. Dopo il disastroso terremoto del 1732, il complesso venne restaurato da Domenico Antonio Vaccaro che progettò anche la Chiesa Grande, mai completata. Dopo la soppressione del convento nel 1807 ad opera di Giuseppe Bonaparte, il complesso venne abbandonato all’incuria e allo spoglio. A partire dal 1973, i restauri del Ministero dei Beni Culturali e della Soprintendenza delle Belle Arti di Avellino e Salerno.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornate FAI di Primavera
2014, 2016
I Luoghi del Cuore
2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te