Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
BACCINELLO: I LUOGHI DELLA MINIERA E DELL'OMINIDE

BACCINELLO: I LUOGHI DELLA MINIERA E DELL'OMINIDE

BACCINELLO, GROSSETO

7,018°

POSTO

9

VOTI 2020
BACCINELLO: I LUOGHI DELLA MINIERA E DELL'OMINIDE
Baccinello, Borgo nel Comune di Scansano a circa 25 chilometri ad est di Grosseto, trae le proprie origini dall’attività mineraria che si sviluppò agli inizi del novecento. Anticamente il territorio era posto nella corte del castello di Cana, poi corte del Cotone, antico castello Ardenghesco. È grazie al lavoro, al sacrificio, alle fatiche, al sudore dei minatori e di tanti altri lavoranti se da una regione pressoché deserta, come all’epoca si presentava quella di Baccinello, è nato un villaggio che nel corso dei decenni ha acquistato una sua peculiare identità. Il borgo di Baccinello, il cui territorio affonda le radici milioni di anni fa, trae origine dall’apertura della Miniera di lignite che ha richiamato uomini e famiglie intere da paesi, province e regioni diverse, con passato, costumi, comportamenti, culture e idiomi diversi, di solito spinti dal bisogno, la cosa che più d’ogni altra li accomunava. Il duro lavoro della miniera e la semplicità d’animo di quella gente schietta, diseredata, spesso duramente provata dalla vita, ha sicuramente contribuito a superare ogni diffidenza, ogni incomprensione, ogni distinzione, favorendo la costruzione di un solidale rapporto d’amicizia, di fiducia e stima reciproca fino a fondersi in una vera e propria comunità, sicuramente valorizzata dalle diversità di cui è portatrice. L’apertura delle Miniera risale al 1918. La Miniera, tra aperture e chiusure, crisi e nuove speranze, è stata attiva fino al 1958 quando le attività estrattive terminarono definitivamente. Il nome di Baccinello (GR) è indissolubilmente legato ad un reperto fossile eccezionale: lo scheletro di una scimmia antropomorfa della specie Oreopithecus bambolii. Il reperto fu scoperto il 2 agosto 1958 nei pressi di questo piccolo centro urbano nato intorno alle miniere attive in quegli anni nella Maremma. L'esemplare, oggi conservato presso il Museo di Geologia e Paleontologia dell’Università di Firenze, fu battezzato con il nomignolo amichevole di “Sandrone” dai minatori che collaborarono al recupero del fossile, estratto dalle profondità delle gallerie minerarie dove era sepolto dal Miocene superiore. Nell'estate del 1958, la miniera stava per essere chiusa per insormontabili problemi economici. Il 2 Agosto il prof. Johannes Hürzeler, il paleontologo svizzero che si era trasferito a Baccinello, aveva ormai le valigie pronte per rientrare a Basilea ma la notte prima della partenza fu svegliato dal responsabile della miniera, con la notizia che nella miniera una galleria a 200 metri di profondità era crollata e che in seguito al crollo alcune ossa affioravano sulla volta della galleria. I due minatori riconobbero uno scheletro intatto di ciò che il professore stava ricercando da tanto tempo: il cosiddetto ominide di Baccinello. Quando Hürzeler scese in miniera fu subito chiaro che le ossa esposte erano davvero quelle di uno scheletro di Oreopithecus. Esponendosi al pericolo di un ulteriore crollo nella galleria, non essendo sicuro della fattibilità di un recupero, Hürzeler eseguì un disegno a grandezza naturale delle ossa visibili per documentare nel miglior modo possibile il ritrovamento. Oggi, con la spinta della locale Proloco, di alcuni vecchi minatori e dei loro discendenti, è attiva una forte azione di recupero della Memoria dei luoghi. Nel 2018 ricorre il 60° anniversario della scoperta dell’Ominide, la popolazione di Baccinello ha organizzato in questi anni un piccolo “Museo della Miniera e dell’Ominide” e sta lavorando alla costruzione di un percorso con cartelli illustrativi dei luoghi attraversati e immagini storiche dello stato dei luoghi all’epoca della Miniera.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

485° Posto

269 Voti

Vota altri luoghi vicini

Vota altri luoghi simili

13,046 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

9,734 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

6,437 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

CUNEO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

BACCINELLO: I LUOGHI DELLA MINIERA E DELL'OMINIDE

BACCINELLO, GROSSETO

BACCINELLO: I LUOGHI DELLA MINIERA E DELL'OMINIDE
Baccinello, Borgo nel Comune di Scansano a circa 25 chilometri ad est di Grosseto, trae le proprie origini dall’attività mineraria che si sviluppò agli inizi del novecento. Anticamente il territorio era posto nella corte del castello di Cana, poi corte del Cotone, antico castello Ardenghesco. È grazie al lavoro, al sacrificio, alle fatiche, al sudore dei minatori e di tanti altri lavoranti se da una regione pressoché deserta, come all’epoca si presentava quella di Baccinello, è nato un villaggio che nel corso dei decenni ha acquistato una sua peculiare identità. Il borgo di Baccinello, il cui territorio affonda le radici milioni di anni fa, trae origine dall’apertura della Miniera di lignite che ha richiamato uomini e famiglie intere da paesi, province e regioni diverse, con passato, costumi, comportamenti, culture e idiomi diversi, di solito spinti dal bisogno, la cosa che più d’ogni altra li accomunava. Il duro lavoro della miniera e la semplicità d’animo di quella gente schietta, diseredata, spesso duramente provata dalla vita, ha sicuramente contribuito a superare ogni diffidenza, ogni incomprensione, ogni distinzione, favorendo la costruzione di un solidale rapporto d’amicizia, di fiducia e stima reciproca fino a fondersi in una vera e propria comunità, sicuramente valorizzata dalle diversità di cui è portatrice. L’apertura delle Miniera risale al 1918. La Miniera, tra aperture e chiusure, crisi e nuove speranze, è stata attiva fino al 1958 quando le attività estrattive terminarono definitivamente. Il nome di Baccinello (GR) è indissolubilmente legato ad un reperto fossile eccezionale: lo scheletro di una scimmia antropomorfa della specie Oreopithecus bambolii. Il reperto fu scoperto il 2 agosto 1958 nei pressi di questo piccolo centro urbano nato intorno alle miniere attive in quegli anni nella Maremma. L'esemplare, oggi conservato presso il Museo di Geologia e Paleontologia dell’Università di Firenze, fu battezzato con il nomignolo amichevole di “Sandrone” dai minatori che collaborarono al recupero del fossile, estratto dalle profondità delle gallerie minerarie dove era sepolto dal Miocene superiore. Nell'estate del 1958, la miniera stava per essere chiusa per insormontabili problemi economici. Il 2 Agosto il prof. Johannes Hürzeler, il paleontologo svizzero che si era trasferito a Baccinello, aveva ormai le valigie pronte per rientrare a Basilea ma la notte prima della partenza fu svegliato dal responsabile della miniera, con la notizia che nella miniera una galleria a 200 metri di profondità era crollata e che in seguito al crollo alcune ossa affioravano sulla volta della galleria. I due minatori riconobbero uno scheletro intatto di ciò che il professore stava ricercando da tanto tempo: il cosiddetto ominide di Baccinello. Quando Hürzeler scese in miniera fu subito chiaro che le ossa esposte erano davvero quelle di uno scheletro di Oreopithecus. Esponendosi al pericolo di un ulteriore crollo nella galleria, non essendo sicuro della fattibilità di un recupero, Hürzeler eseguì un disegno a grandezza naturale delle ossa visibili per documentare nel miglior modo possibile il ritrovamento. Oggi, con la spinta della locale Proloco, di alcuni vecchi minatori e dei loro discendenti, è attiva una forte azione di recupero della Memoria dei luoghi. La popolazione di Baccinello ha organizzato in questi anni un piccolo “Museo della Miniera e dell’Ominide” e sta lavorando alla costruzione di un percorso con cartelli illustrativi dei luoghi attraversati e immagini storiche dello stato dei luoghi all’epoca della Miniera. Di rilievo la uscita (21.7.2019) del film "Miniera" di Lucilla Salimei, ricco di documentazione storica.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te