ISCRIVITI AL FAI
Accedi
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
DUOMO VECCHIO - ORGANO ANTEGNATI

DUOMO VECCHIO - ORGANO ANTEGNATI

BRESCIA

3,320°

POSTO

25

VOTI 2018
Condividi
DUOMO VECCHIO - ORGANO ANTEGNATI
L'organo Antegnati del Duomo Vecchio di Brescia venne iniziato nell'ottobre del 1536 e ultimato e inaugurato nel gennaio del 1538. Ne è l'artefice Gian Giacomo Antegnati, figlio di Bartolomeo Antegnati, membro di un'importante famiglia di organari bresciani, attiva tra la fine del XV secolo e gli inizi del XVIII secolo a Brescia, nel Nord Italia, in Svizzera e Germania. Artigiani geniali, attivi per due secoli, gli Antegnati sono stati protagonisti nel perfezionamento dell'arte di costruire, riformare, restaurare e suonare organi, ma anche cembali e spinette. Gian Giacomo Antegnati fu attivo a Brescia, Milano, Varese, Verona, tra il 1515 ed il 1550 costruendo in Brescia gli organi per le chiese di S. Maria delle Grazie, di S. Faustino, ed il ben più importante organo per il Duomo vecchio di Brescia (1536-1537). Un primo intervento di restauro dell'organo fu affidato nel 1826 ai fratelli Serassi con l'obbligo di mantenere tutte le milletrecento canne del XVI sec., riconoscendo a queste solidità, dolcezza e perfezione senza pari. L'organo, oltre alle pregevoli qualità musicali, vanta anche delle ante dipinte dal celebre pittore rinascimentale Girolamo Romanino. Oggi, purtroppo, le canne sono divorate dal cancro dello stagno, la pittura ed il fondo in gesso mostrano evidenti segni di distacco, ed è in corso da tempo un attacco di insetti xilofagi a tutte le parti lignee. Grazie alla mobilitazione popolare e ai numerosi voti raccolti al censimento 2014 il FAI ha potuto attivarsi in favore di questa realtà.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Questo è un luogo salvato

7° censimento nazionale del FAI
Anno
2014
Voti
20,254
Intervento
Restauro
Stato
In corso

IL BENE
L’organo Antegnati è un raffinato gioiello frutto dell’eccezionale abilità della più grande famiglia italiana di organari, gli Antegnati, attivi tra la fine del XV secolo e gli inizi del XVIII secolo a Brescia e nel nord Italia. L’organo per il Duomo vecchio di Brescia – realizzato nel 1538 - è una delle opere più illustri di Gian Giacomo Antegnati, con la sua monumentale cantoria e le raffinate ante dipinte dal grande esponente del Rinascimento lombardo Girolamo Romanino, attualmente conservate nel Duomo Nuovo di Brescia. L’opera è rilevante non solo per la storia della musica italiana, ma anche per l’importanza storico-artistica dell’antico strumento, che oggi versa in condizioni di preoccupante degrado, aggredito da insetti xilofagi nelle sue parti lignee e dal "cancro" dello stagno, che oltre al danno estetico porta un’alterazione strutturale non reversibile.

INTERVENTO
Il progetto presentato dalla Parrocchia della Cattedrale, prevede il restauro e la messa in sicurezza della parte lignea di questo straordinario strumento. l'organo, seppur funzionante, è stato danneggiato dal "cancro" dello stagno - che ne ha aggredito e rovinato le canne, alcune delle quali scordate o mute - e da alcuni cedimenti e ammaccamenti dei corpi.
All'inizio di Marzo 2017 sono iniziati nel Duomo Vecchio di Brescia i lavori di smontaggio dell’organo: questa operazione ha portato ad una straordinaria scoperta, infatti lo strumento che si attribuiva a Gian Giacomo Antegnati nascondeva una sorpresa. l'organo è stato in realtà costruito nel 1824-1832 dalla celebre ditta Fratelli Serassi di Bergamo, con il riutilizzo integrale di tutto il materiale fonico proveniente dal precedente strumento realizzato da Gian Giacomo Antegnati di Brescia nel 1536-1537.
I lavori segnano la prima fase del recupero dello strumento reso possibile grazie al finanziamento di 51.338 euro stanziato dalla CEI nell’ambito dei fondi derivanti dall’8xmille e al contributo di 10.000 euro messo a disposizione da FAI - Fondo Ambiente Italiano e Intesa Sanpaolo nell’ambito dell’iniziativa "I Luoghi del Cuore" e alla collaborazione del Comune di Brescia. I contributi stanziati dalla CEI e dal progetto "I Luoghi del Cuore" consentiranno di realizzare il restauro conservativo dell’antico strumento ivi compresi gli elementi di contenimento, uso e corredo, quali cassa, cantoria e controcantoria, che costituiscono un importante apparato architettonico dell’area presbiteriale del Duomo Vecchio. Un’importante campagna di raccolta fondi avviata dall’Associazione "Amici dell’organo" consentirà il recupero complessivo dell’opera tanto amata dai cittadini bresciani. Gli interventi saranno seguiti dalla Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per le province di Bergamo e Brescia.

CONTRIBUTO: 10.000 €

Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2016

1,571° Posto

38 Voti
Censimento 2014

12° Posto

20,254 Voti

Scopri altri luoghi vicini

14,445°
6 voti

Torre

TORRE DELL'OROLOGIO

BRESCIA

32,730°
1 voto

Chiesa

CHIESA CONVENTO DI SAN GIUSEPPE VICOLO SAN GIUSEPPE 5

BRESCIA

9,276°
10 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO AVOGADRO DETTO DIETRO ALLA LOGGIA -SALONE AFFRESCATO DA LATTANZIO GAMBARA NEL XV SEC.

BRESCIA

27,754°
2 voti

Chiesa

CHIESA DI SANT'AGATA

BRESCIA

Scopri altri luoghi simili

16,682 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN FRANCESCO

PISA

12°
12,747 voti

Chiesa

BASILICA DI SANTA GIULIA

BONATE SOTTO, BERGAMO

14°
12,472 voti

Chiesa

CHIESA E CONVENTO DI SAN BONAVENTURA

CALTAGIRONE, CATANIA

21°
8,155 voti

Chiesa

EX CHIESA DEL GESÙ

ASTI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

DUOMO VECCHIO - ORGANO ANTEGNATI

BRESCIA

Condividi
DUOMO VECCHIO - ORGANO ANTEGNATI
L'organo Antegnati del Duomo Vecchio di Brescia venne iniziato nell'ottobre del 1536 e ultimato e inaugurato nel gennaio del 1538. Ne è l'artefice Gian Giacomo Antegnati, figlio di Bartolomeo Antegnati, membro di un'importante famiglia di organari bresciani, attiva tra la fine del XV secolo e gli inizi del XVIII secolo a Brescia, nel Nord Italia, in Svizzera e Germania. Artigiani geniali, attivi per due secoli, gli Antegnati sono stati protagonisti nel perfezionamento dell'arte di costruire, riformare, restaurare e suonare organi, ma anche cembali e spinette. Gian Giacomo Antegnati fu attivo a Brescia, Milano, Varese, Verona, tra il 1515 ed il 1550 costruendo in Brescia gli organi per le chiese di S. Maria delle Grazie, di S. Faustino, ed il ben più importante organo per il Duomo vecchio di Brescia (1536-1537). Un primo intervento di restauro dell'organo fu affidato nel 1826 ai fratelli Serassi con l'obbligo di mantenere tutte le milletrecento canne del XVI sec., riconoscendo a queste solidità, dolcezza e perfezione senza pari. L'organo, oltre alle pregevoli qualità musicali, vanta anche delle ante dipinte dal celebre pittore rinascimentale Girolamo Romanino. Oggi, purtroppo, le canne sono divorate dal cancro dello stagno, la pittura ed il fondo in gesso mostrano evidenti segni di distacco, ed è in corso da tempo un attacco di insetti xilofagi a tutte le parti lignee. Grazie alla mobilitazione popolare e ai numerosi voti raccolti al censimento 2014 il FAI ha potuto attivarsi in favore di questa realtà.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornata FAI d'Autunno
2013
I Luoghi del Cuore
2014, 2016
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te