Iscriviti al FAI
PALAZZO MORONI | ph. FAI | © ph. arenaimmagini © FAI

Palazzo e Giardini Moroni

Palazzo e Giardini Moroni
Gentili ospiti, bentornati nei Beni del FAI!
In questi mesi tante cose sono cambiate, per tutti e anche per noi. Ci siamo organizzati e siamo felici di tornare a offrirvi un’esperienza di visita ricca e serena, in totale sicurezza. Abbiamo bisogno, però, della vostra collaborazione e del rispetto di poche semplici regole che potete consultare qui.
Vi ricordiamo che tutte le visite sono solo su prenotazione.
Clicca qui per saperne di più

tipologia

Bene aperto al pubblico

contatti

035 244870
faimoroni@fondoambiente.it

Un palazzo seicentesco che conserva interni decorati, arredati e una ricca collezione d’arte, oltre a un giardino all’italiana e una vasta ortaglia che costituiscono un suggestivo parco storico nel cuore di Città Alta.

Concessione Fondazione Museo di Palazzo Moroni, 2019

Dal 1636 la famiglia Moroni possiede e abita questo palazzo eccezionalmente conservato nell’impianto originario: dagli interni al piano nobile ai giardini, estesi ai piedi della Rocca civica, tra terrazzamenti panoramici e un’area agricola – l’ortaglia – di circa due ettari.

Dalla corte d’ingresso, lo Scalone monumentale conduce al piano nobile: dietro a queste porte – al momento chiuse per restauro – si trovano sale e saloni affrescati e arredati tra Sei e Ottocento. Qui è conservata anche la Collezione Moroni: una raccolta ampia e varia, tra cui spiccano i celebri ritratti di Gian Gerolamo Grumelli (Il Cavaliere in Rosa) e di Isotta Brembati del pittore di Albino Giovanni Battista Moroni.

Fin dal Seicento, il palazzo si affaccia su un complesso di giardini all’italiana: sono giardini formali pensili, articolati in una balconata e tre terrazzamenti che si sviluppano a ridosso del Colle di Sant’Eufemia. Il terzo e più alto terrazzamento dà accesso al Pensatoio del conte, una torretta in stile neomedievale costruita nell’Ottocento sui resti di una più antica struttura già di pertinenza della Rocca civica, che cinge la cima del colle.

Oltre i giardini, si estende l’ortaglia, annessa alla proprietà nel corso dell’Ottocento grazie ai fratelli Pietro e Alessandro Moroni, studioso di agronomia. Qui si trovano ancora viti allevate su pergola, alberi da frutto e un roccolo, cioè un circolo di alberi di carpino, i cui rami intrecciati fungevano da reti per cacciare uccelli vivi a scopo alimentare e ludico. Non mancano gli alberi di gelso: uno dei simboli della famiglia, arricchitasi grazie all’allevamento del baco da seta che si nutre proprio delle foglie di questo albero.

Leggi tutto
Loading

Da non perdere

Palazzo e Giardini Moroni, Bergamo
Gli arredi e gli oggetti d’arte

Scoprire, nelle sale del piano nobile, mobili intarsiati, preziose ceramiche e vari oggetti d’arte, come le consolles settecentesche con piani a mosaico...

Leggi tutto
Palazzo e Giardini Moroni, Bergamo, PALAZZO MORONI, BERGAMO (BG )
Il Cavaliere in Rosa

Ammirare uno dei capolavori della collezione di famiglia, custodito nella Sala dell’età dell’oro. Firmato e datato 1560, raffigura uno dei protagonisti...

Leggi tutto
Palazzo e Giardini Moroni, Bergamo, PALAZZO MORONI, BERGAMO (BG )
Gli affreschi seicenteschi

Salire lo Scalone d’onore e osservare con stupore gli affreschi del cremasco Gian Giacomo Barbello, presenti anche in altre quattro sale al piano nobile....

Leggi tutto
Palazzo e Giardini Moroni, PALAZZO MORONI, BERGAMO (BG )
L’area agricola dell’ortaglia

Vivere la campagna in uno dei centri storici più belli d’Italia, tra prati alti e terrazzamenti coltivati, alberi da frutto e architetture vegetali, come...

Leggi tutto
Palazzo e Giardini Moroni, PALAZZO MORONI, BERGAMO (BG )
I giardini all’italiana

Passeggiare tra aiuole fiorite e alberi potati in forma secondo i principi dell’antica ars topiaria. Questi giardini – pensili e terrazzati – sono parte...

Leggi tutto
Questo luogo è uno dei Beni che il FAI ha restaurato con cura e aperto al pubblico, perché tutti possano scoprirlo e amarlo.

Per mantenerlo intatto e curarlo in modo adeguato, questo luogo - come tutti gli altri salvati dal FAI - necessita di un’attenta manutenzione, sia ordinaria che straordinaria, e periodici interventi di restauro. Inoltre, i costi di gestione che permettono l’apertura al pubblico sono significativi. Per questo abbiamo bisogno di un aiuto concreto da parte di chi, come noi, vuole mantenere vivi per sempre luoghi unici e speciali.

Ultime News

Attualità

Dicono di noi. Nei giorni della quarantena il FAI sui media nazionali

2020-04-15

Amore per l’Italia, prossime aperture e un nuovo modo di fare turismo sono i temi affrontati dal Presidente e dal Vicepresidente Esecutivo n...

Attualità

#ItaliaMiManchi: anche da casa segui le storie del FAI

2020-04-08

#ItaliaMiManchi: ogni giorno una rubrica per conoscere le più belle storie del FAI e viaggiare attraverso il nostro bellissimo Paese anche d...

Ti potrebbero interessare

Orto sul Colle dell'Infinito

RECANATI, MACERATA

Una "visita guidata" dentro la poesia "L'Infinito"

Parco Villa Gregoriana

TIVOLI, ROMA

Uno scenario unico fra i templi romani e il fragore delle cascate di Tivoli

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te