Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PALAZZO ROBERTI

PALAZZO ROBERTI

MOLA DI BARI, BARI

1,742°

POSTO

29

VOTI 2020
PALAZZO ROBERTI

Il Palazzo Roberti di Mola di Bari rappresenta un prezioso esemplare di arte napoletana barocca in Puglia: pregevoli le decorazioni che impreziosiscono gli ambienti del piano nobile (primo piano). L’analisi iconografica evidenzia non solo le affinità ricorrenti tra la produzione pittorica realizzata in Palazzo Roberti e le decorazioni presenti in alcune residenze nobiliari della provincia di Caserta, l’antica “Terra di Lavoro”, dalla quale proveniva il pittore Aniello d’Arminio, autore dei dipinti di alcuni saloni, ma anche come la scelta di determinati soggetti sia nata dalla volontà dei Roberti di esaltare la propria casata, rifacendosi alla produzione letteraria in voga nel XVIII secolo e nei secoli precedenti.

Costruito dopo il 1754 e certamente entro il 1783 (data impressa sulla decorazione del primo salone), per volontà del nobile Angelo Antonio Roberti, il Palazzo sorge nell'attuale piazza XX Settembre sui terreni appartenenti ai Roberti, famiglia borghese non originaria di Mola. L'edificio rimase di loro proprietà fino al 1835 per poi passare alla famiglia Alberotanza quando Benedetta, ultima erede dei Roberti, sposò Nicola Alberotanza. 
Ai primi del Novecento alcune parti del Palazzo furono vendute a diverse famiglie molesi finchè negli anni sessanta-settanta il Comune di Mola di Bari palesò l'intenzione di acquistarlo per riqualificarlo come edificio di prestigio. Originariamente circondato a nord, a sud e ad ovest dai giardini di pertinenza, il Palazzo domina con il suo lungo fronte principale Piazza XX Settembre.
L’edificio, a tre ordini, è scandito da una serie di lesene e cornici marcapiano che creano un effetto reticolo in cui si inseriscono il maestoso portale del piano terra, fiancheggiato da porte sormontate da oculi ovali e timpani mistilinei, le porte-finestre con i balconi del primo piano, e le finestre architravate del secondo piano.
Di grande interesse il nesso portale-balcone, inquadrato da due colonne in stile ionico e da lesene binate che sostengono un balcone mistilineo in ferro battuto, e l’elegante scalinata in loggiato a doppia rampa del cortile interno, nella quale sono evidenti i riferimenti alle scalinate dei palazzi nobiliari realizzati dall’architetto napoletano Ferdinando Sanfelice .
I soffitti dipinti presenti al piano nobile sono attribuibili a decoratori napoletani o di scuola napoletana e rappresentano dei raffinati esempi di prospettiva illusionistica. 
Non si conoscono i nomi degli artisti che si occuparono della decorazione di tutti gli ambienti. Unico artista conosciuto è colui che ha dipinto il salone di rappresentanza che si firma sul finto cornicione della tela “Aniello d’Arminio F. 1783”. 
Il soffitto presenta al centro un’importante tela dipinta, caratterizzata dalla presenza delle principali divinità della mitologia greca.
La decorazione rispecchia il gusto dell’epoca di ricoprire le volte con finte architetture, colonnati, loggiati, archi, balaustre e trofei, dilatando le dimensioni dell’ambiente reale e aprendosi verso spazi infiniti e suggestivi paesaggi.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

107° Posto

4,043 Voti
Censimento 2016

7,668° Posto

8 Voti
Censimento 2012

283° Posto

85 Voti
Censimento 2010

228° Posto

93 Voti
Censimento 2004

301° Posto

7 Voti

Vota altri luoghi vicini

6,875°
7 voti

Castello, rocca

CASTELLO D'ANGIO'

MOLA DI BARI, BARI

NC
0 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTA MARIA DI LORETO

MOLA DI BARI, BARI

NC
0 voti

Area urbana, piazza

CONTRADA BRENCA

MOLA DI BARI, BARI

Vota altri luoghi simili

7,284 voti

Ponte

IL PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

4,774 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

4,179 voti

Eremo

EREMO DI SANT'ONOFRIO AL MORRONE

SULMONA, L'AQUILA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PALAZZO ROBERTI

MOLA DI BARI, BARI

PALAZZO ROBERTI
Costruito nella seconda metà del '700, per volontà del nobile Angelo Antonio Roberti, il Palazzo sorge nell'attuale piazza XX Settembre sui terreni appartenenti ai Roberti, famiglia borghese non originaria di Mola. L'edificio rimase di loro proprietà fino al 1858 per poi passare alla famiglia Alberotanza quando Benedetta, ultima erede dei Roberti, sposò Nicola Alberotanza. Ai primi del Novecento alcune parti del Palazzo furono vendute a diverse famiglie molesi finchè negli anni sessanta-settanta il Comune di Mola di Bari palesò l'intenzione di acquistarlo per riqualificarlo come edificio di prestigio. Il Palazzo Roberti-Alberotanza di Mola di Bari rappresenta un prezioso esemplare di arte napoletana barocca in Puglia: pregevoli le decorazioni che impreziosiscono gli ambienti del piano nobile (primo piano). L’analisi iconografica evidenzia non solo le affinità ricorrenti tra la produzione pittorica realizzata in Palazzo Roberti e le decorazioni presenti in alcune residenze nobiliari della provincia di Caserta, l’antica “Terra di Lavoro”, dalla quale proveniva il pittore Aniello d’Arminio, autore dei dipinti di alcuni saloni, ma anche come la scelta di determinati soggetti sia nata dalla volontà dei Roberti di esaltare la propria casata, rifacendosi alla produzione letteraria in voga nel XVIII secolo e nei secoli precedenti. Nel corso degli anni è stato interessato da parziali interventi, dettati dall’emergenza di scongiurare crolli strutturali e la perdita di alcune parti di pregio. Originariamente circondato a nord, a sud e ad ovest dai giardini di pertinenza, il Palazzo domina con il suo lungo fronte principale Piazza XX Settembre. L’edificio, a tre ordini, è scandito da una serie di lesene e cornici marcapiano che creano un effetto reticolo in cui si inseriscono il maestoso portale del piano terra, fiancheggiato da porte sormontate da oculi ovali e timpani mistilinei, le porte-finestre con i balconi del primo piano, e le finestre architravate del secondo piano. Di grande interesse il nesso portale-balcone, inquadrato da due colonne in stile ionico e da lesene binate che sostengono un balcone mistilineo in ferro battuto, e l’elegante scalinata in loggiato a doppia rampa del cortile interno, nella quale sono evidenti i riferimenti alle scalinate dei palazzi nobiliari realizzati dall’architetto napoletano Ferdinando Sanfelice . I soffitti dipinti presenti al piano nobile sono attribuibili a decoratori napoletani o di scuola napoletana e rappresentano dei raffinati esempi di prospettiva illusionistica. Non si conoscono i nomi degli artisti che si occuparono della decorazione di tutti gli ambienti. Unico artista conosciuto è colui che ha dipinto il salone di rappresentanza che si firma sul finto cornicione della tela “Aniello d’Arminio F. 1783”. Il soffitto presenta al centro un’importante tela dipinta, caratterizzata dalla presenza delle principali divinità della mitologia greca. La decorazione rispecchia il gusto dell’epoca di ricoprire le volte con finte architetture, colonnati, loggiati, archi, balaustre e trofei, dilatando le dimensioni dell’ambiente reale e aprendosi verso spazi infiniti e suggestivi paesaggi.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2010, 2012, 2016
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te