Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
SPEDALI CIVILI DI BRESCIA: LA QUADRERIA

SPEDALI CIVILI DI BRESCIA: LA QUADRERIA

BRESCIA

105°

POSTO

3,939

VOTI 2020
SPEDALI CIVILI DI BRESCIA: LA QUADRERIA
L’Ospedale è frequentato quotidianamente da centinaia di persone: per un evento di gioia, quale una nascita, per la cura di un problema di salute o, purtroppo, per un lutto. Così, frettolosamente, si percorre la “Galleria dei quadri” senza soffermarsi sui dipinti dei Benefattori che, fin dal XV secolo, donarono all’Ospedale il loro patrimonio, permettendo la crescita assistenziale, scientifica e culturale del nosocomio. Del resto il massimo ospedale bresciano ha origini antiche. Costituito nel 1427 ebbe la sua prima sede nel cuore della città nell'edificio denominato Crocera di San Luca. La primitiva struttura, seppur vasta, fu ampliata nel XIX secolo sfruttando gli spazi di ex-conventi soppressi come ad esempio l'antico San Domenico. I disagi dell'operare in edifici storici, poco adattabili, e la crescita delle necessità portò ad aprire nel 1938 il cantiere del nuovo ospedale collocato fuori dal centro cittadino. L'imponente edificio (terzo d'Europa all'epoca per estensione) fu concepito secondo un modello pionieristico. Non più la tipologia dell'ospedale a padiglioni isolati ma grandi ali di un'unico fabbricato (comunque denominate padiglioni) collegate da una sistema di corridoi. L'originale planimetria concepita dal progettista, Angelo Bordoni, imita il disegno di un fiocco di neve; la scelta non fu solo estetica ma anche funzionale: i padiglioni così disposti, seppur alti 6 piani, non si ombreggiavano reciprocamente garantendo una maggiore salubrità agli spazi per i degenti. L’Ospedale possiede un ingente patrimonio artistico (dipinti, sculture, arte sacra, porcellane, etc) provenienti dai primi istituti che nel XV secolo formarono l’Hospitale Magnum, da quadri di chiese e conventi che furono le sedi dell’Ospedale e anche a seguito delle soppressioni religiose del 1797 che fecero confluire beni, patrimoni e tele di altri luoghi di culto. È noto il potere consolatorio dell’arte: vedere qualcosa di bello fortifica, conforta e placa l’anima, ci allontana da altri pensieri e desta sensazioni gradevoli; paura, apprensione, diffidenza sono dissipate dalla bellezza. L’Ospedale non è solo scienza e tecnologia, ma deve infondere nella persona malata sensazioni di serenità e tranquillità e accogliere con il “bello”. La Bellezza è testimonianza dell’Accoglienza. Dopo questi mesi di sofferenza e di trincea, gli Spedali Civili di Brescia vogliono “rinascere” aiutati (anche) dal suo patrimonio artistico. Votare la Quadreria degli Spedali Civili di Brescia quale Luogo del Cuore, rafforza il senso di appartenenza dei Cittadini bresciani al loro Ospedale attraverso la valorizzazione e la conservazione della collezione artistica che si trova, a differenza di altri Ospedali lombardi, all’interno del nosocomio.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

105° Posto

3,939 Voti

Scopri altri luoghi vicini

717°
150 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASA GUSSALLI

BRESCIA

816°
51 voti

Museo

MUSEI DEL CASTELLO: MUSEO DELLE ARMI LUIGI MARZOLI

BRESCIA

825°
42 voti

Museo

MUSEI DEL CASTELLO: MUSEO DEL RISORGIMENTO

BRESCIA

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

SPEDALI CIVILI DI BRESCIA: LA QUADRERIA

BRESCIA

SPEDALI CIVILI DI BRESCIA: LA QUADRERIA
Frettolosamente, si percorre la “Galleria dei quadri” senza soffermarsi sui dipinti dei Benefattori che, fin dal XV secolo, donarono all’Ospedale il loro patrimonio, permettendo la crescita assistenziale, scientifica e culturale del nosocomio. Del resto il massimo ospedale bresciano ha origini antiche. L’Ospedale possiede un ingente patrimonio artistico (dipinti, sculture, arte sacra, porcellane, etc) provenienti dai primi istituti che nel XV secolo formarono l’Hospitale Magnum, da quadri di chiese e conventi che furono le sedi dell’Ospedale e anche a seguito delle soppressioni religiose del 1797 che fecero confluire beni, patrimoni e tele di altri luoghi di culto. È noto il potere consolatorio dell’arte: vedere qualcosa di bello fortifica, conforta e placa l’anima, ci allontana da altri pensieri e desta sensazioni gradevoli; paura, apprensione, diffidenza sono dissipate dalla bellezza
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornata FAI d'Autunno
2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te