Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
TORRE DI CASTIGLIONE

TORRE DI CASTIGLIONE

CONVERSANO, BARI

62°

POSTO

988

VOTI 2020
Condividi
TORRE DI CASTIGLIONE
A pochi chilometri dal centro abitato di Conversano (Bari), immersa tra campi coltivati e lembi di macchia mediterranea, la collina di Torre di Castiglione è tra le testimonianze più importanti della densa, complessa, plurisecolare storia del comprensorio del sud-est barese. Il sito deve il suo nome all’alta torre di avvistamento che troneggia sulla sommità della collina, tra esemplari monumentali di lecci, roverella e ulivo che ne fanno un sito di interesse archeologico ma anche paesaggistico, inserito nella Riserva Naturale Regionale Orientata “Laghi di Conversano e Gravina di Monsignore”. Per la sua posizione strategica, a presidio dell’intero circondario, e la disponibilità di acqua dolce, attinta nel vicino lago di dolina (il Lago di Castiglione), la collina è stata attraversata, frequentata e abitata sin da tempi assai remoti, come testimoniano i tratti superstiti di una poderosa cinta muraria in opera poligonale che cingeva l’acropoli di un grande abitato preromano (VI-V secolo a.C.). Le evidenze più monumentali tuttora visibili si riferiscono, tuttavia, all’ampio villaggio medievale di Castiglione che, a partire dal XIV secolo, rioccupò la parte più alta della collina, dotandosi di una cerchia muraria che si innestò proprio sui resti delle preesistenti fortificazioni ‘megalitiche’. All’interno del circuito murario, si scorgono ancora le strutture di una chiesa con annessa cappella funeraria, polo aggregante del borgo rurale medievale. Gli scavi archeologici condotti nel 1998 hanno consentito di portare alla luce, proprio nella piccola cappella, la sepoltura privilegiata di un esponente di rango della comunità locale, forse un cavaliere, i cui resti sono stati oggetto di analisi archeoantropologiche condotte dall’Università di Bari, finalizzate anche alla ricostruzione tridimensionale del volto. Tra la fine del XV e gli inizi del XVI secolo, quando ormai l’abitato era pressoché del tutto abbandonato, fu costruita infine la monumentale torre di vedetta che tuttora si erge lungo il tratto orientale delle mura. La struttura fu concepita per fungere da luogo di difesa e avvistamento e, per questa ragione, disponeva di un ingresso posto a 5 metri di altezza rispetto al piano di campagna, cui si poteva accedere tramite un ponte levatoio, e di possenti muri perimetrali. La torre (attualmente non fruibile), con i suoi 13 metri di altezza, è dunque la più recente tra le testimonianze lasciate da quanti popolarono o frequentarono il sito nel corso dei secoli e da secoli affronta lo scorrere del tempo, imponendosi con la sua mole sul paesaggio circostante. L’importanza della storia del sito, strettamente legata alla vicina Conversano, e la bellezza della vegetazione spontanea, insieme alla posizione strategica sulla direttrice per la valle d’Itria, ne fanno un luogo suggestivo dove è facile perdersi nella memoria della storia passata, godendo del contatto con una natura rigogliosa e avvolgente.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

8,375° Posto

10 Voti
Censimento 2016

16,946° Posto

3 Voti
Censimento 2014

7,826° Posto

2 Voti
Censimento 2012

2,706° Posto

5 Voti
Censimento 2010

1,395° Posto

4 Voti
Censimento 2004

748° Posto

2 Voti
Censimento 2003

1,863° Posto

1 Voti

Vota altri luoghi vicini

4,701°
14 voti

Fontana

ANTICA FONTANA DI VIA MAZZINI

CASTELLANA GROTTE, BARI

4,302°
16 voti

Cascina, fattoria, masseria

PALMENTO IN CONTRADA CONZANE

CASTELLANA GROTTE, BARI

177°
460 voti

Grotta

GROTTE DI CASTELLANA

GROTTE DI CASTELLANA, BARI

Vota altri luoghi simili

12,982 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

9,701 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

6,387 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

CUNEO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

TORRE DI CASTIGLIONE

CONVERSANO, BARI

Condividi
TORRE DI CASTIGLIONE
A pochi chilometri dal centro abitato di Conversano (Bari), immersa tra campi coltivati e lembi di macchia mediterranea, la collina di Torre di Castiglione è tra le testimonianze più importanti della densa, complessa, plurisecolare storia del comprensorio del sud-est barese. Il sito deve il suo nome all’alta torre di avvistamento che troneggia sulla sommità della collina, tra esemplari monumentali di lecci, roverella e ulivo che ne fanno un sito di interesse archeologico ma anche paesaggistico, inserito nella Riserva Naturale Regionale Orientata “Laghi di Conversano e Gravina di Monsignore”. Per la sua posizione strategica, a presidio dell’intero circondario, e la disponibilità di acqua dolce, attinta nel vicino lago di dolina (il Lago di Castiglione), la collina è stata attraversata, frequentata e abitata sin da tempi assai remoti, come testimoniano i tratti superstiti di una poderosa cinta muraria in opera poligonale che cingeva l’acropoli di un grande abitato preromano (VI-V secolo a.C.). Le evidenze più monumentali tuttora visibili si riferiscono, tuttavia, all’ampio villaggio medievale di Castiglione che, a partire dal XIV secolo, rioccupò la parte più alta della collina, dotandosi di una cerchia muraria che si innestò proprio sui resti delle preesistenti fortificazioni ‘megalitiche’. All’interno del circuito murario, si scorgono ancora le strutture di una chiesa con annessa cappella funeraria, polo aggregante del borgo rurale medievale. Gli scavi archeologici condotti nel 1998 hanno consentito di portare alla luce, proprio nella piccola cappella, la sepoltura privilegiata di un esponente di rango della comunità locale, forse un cavaliere, i cui resti sono stati oggetto di analisi archeoantropologiche condotte dall’Università di Bari, finalizzate anche alla ricostruzione tridimensionale del volto. Tra la fine del XV e gli inizi del XVI secolo, quando ormai l’abitato era pressoché del tutto abbandonato, fu costruita infine la monumentale torre di vedetta che tuttora si erge lungo il tratto orientale delle mura. La struttura fu concepita per fungere da luogo di difesa e avvistamento e, per questa ragione, disponeva di un ingresso posto a 5 metri di altezza rispetto al piano di campagna, cui si poteva accedere tramite un ponte levatoio, e di possenti muri perimetrali. La torre (attualmente non fruibile), con i suoi 13 metri di altezza, è dunque la più recente tra le testimonianze lasciate da quanti popolarono o frequentarono il sito nel corso dei secoli e da secoli affronta lo scorrere del tempo, imponendosi con la sua mole sul paesaggio circostante. L’importanza della storia del sito, strettamente legata alla vicina Conversano, e la bellezza della vegetazione spontanea, insieme alla posizione strategica sulla direttrice per la valle d’Itria, ne fanno un luogo suggestivo dove è facile perdersi nella memoria della storia passata, godendo del contatto con una natura rigogliosa e avvolgente.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2004, 2010, 2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te