Villa Necchi Campiglio

Una icona del déco anni Trenta nel cuore di Milano

Share
Villa Necchi Campiglio

tipologia

Bene aperto al pubblico

dove

Via Mozart, 14 MILANO

contatti

02 76340121
fainecchi@fondoambiente.it

luogo accessibile

  • Panoramica
  • Visita
  • Eventi
  • Eventi Privati
  • Grazie a

Una residenza circondata da un silenzioso giardino nel centro di Milano, custode di strepitosi capolavori d’arte, dove si respira ancora intatta l’atmosfera del bel mondo della Milano tra le due guerre.

Villa Donata al FAI da Gigina Necchi Campiglio e Nedda Necchi, nel 2001. Collezione Alighiero ed Emilietta de’ Micheli donata al FAI nel 1995. Collezione Claudia Gian Ferrari donata al FAI nel 2009.

Appartata nel cuore di un signorile e trafficato quartiere del centro milanese, Villa Necchi Campiglio venne progettata nei primi anni '30 dall’architetto Piero Portaluppi su incarico delle sorelle Nedda e Gigina Necchi e di Angelo Campiglio, marito di Gigina, esponenti di una borghesia industriale lombarda colta e al passo coi tempi. L’edificio, inserito in un incantevole giardino corredato da campo da tennis e piscina (tra le prime private in città), è scandito da ampi volumi lineari; mentre il piano terra fungeva da prestigiosa zona di rappresentanza, con il magnifico spazio verandato sul verde, quello superiore era adibito a zona notte. Spazi concepiti per padroni di casa operosi, ma capaci comunque di godersi il proprio tempo libero in compagnia di ospiti e amici, anche in maniera non convenzionale per quegli anni: per questo furono pensate la sala per proiezioni e la palestra. Ambienti dove l’innovazione si traduceva nel comfort e nell’efficienza di ascensori, montavivande, citofoni interni, porte blindate scorrevoli e caveau murati. Tutte caratteristiche che, per lusso e modernità, fecero della Villa una delle residenze simbolo dell’epoca. Lo splendore degli arredi déco, degli oggetti d’uso e di importanti pezzi d’arte è stato impreziosito in tempi recenti dal lascito delle collezioni de’ Micheli e Gian Ferrari, ricche di opere: da Tiepolo e Canaletto fino a Sironi, De Chirico, Martini e Wildt. Dal novembre 2017 la villa si è arricchita della Collezione Guido Sforni (1935-1975): 21 opere su carta di grandi artisti del Novecento come Picasso, Fontana, Modigliani Matisse e altri. La Villa oggi è aperta a tutti, rispettando così il volere delle sorelle Necchi che nel 2001 affidarono la dimora al FAI proprio per farne un luogo da vivere e frequentare, grazie anche al...

Leggi tutto
Loading

Da non perdere

Dettaglio della scala dell'atrio, VILLA NECCHI CAMPIGLIO, MILANO (MI )
L'arte di Piero Portaluppi

Il segno espressivo dell’architettura di Piero Portaluppi che si svela in ogni dettaglio con sperimentazioni all’avanguardia sia nel gusto decorativo...

Leggi tutto
Collezioni, VILLA NECCHI CAMPIGLIO, MILANO (MI )
Le collezioni

Le prestigiose raccolte d’arte che spaziano dalla collezione di quadri, arredi e suppellettili del XVIII secolo donata dai coniugi de’ Micheli - tra cui...

Leggi tutto
Giardino, VILLA NECCHI CAMPIGLIO, MILANO (MI )
Il giardino

Una pausa in completo relax nel giardino della villa, ricco di esemplari botanici che vanno dalle camelie agli ellebori, dalle felci alle ortensie, un...

Leggi tutto
Caffetteria, VILLA NECCHI CAMPIGLIO, MILANO (MI )
La caffetteria

Un locale elegante e discreto, gestito con competenza e eccellenza, dove organizzare colazioni, aperitivi, o concedersi un semplice caffè da assaporare...

Leggi tutto
Visual "Di casa in casa", VILLA NECCHI CAMPIGLIO, MILANO (MI )
L'itinerario "Di casa in casa"

Il circuito che si snoda tra le quattro case-museo di Milano: partendo dalla Villa si parte alla scoperta dei musei Poldi Pezzoli e Bagatti Valsecchi...

Leggi tutto
Questo luogo è uno dei Beni che il FAI ha restaurato con cura e aperto al pubblico, perché tutti possano scoprirlo e amarlo.

Per mantenerlo intatto e curarlo in modo adeguato, questo luogo - come tutti gli altri salvati dal FAI - necessita di un’attenta manutenzione sia ordinaria sia straordinaria e periodici interventi di restauro. Inoltre, i costi di gestione che permettono l’apertura al pubblico sono significativi. Per questo abbiamo bisogno di un aiuto concreto da parte di chi come noi vuole mantenere vivi per sempre luoghi unici e speciali.

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te