ISCRIVITI AL FAI
Accedi
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare

CASTELLO DUCALE

PALENA, CHIETI

10,762°

POSTO

6

VOTI 2018
CASTELLO DUCALE
La prima testimonianza che attesti l’esistenza del Castello risale all’anno 1136: sorto probabilmente su un antico tempio dedicato alla dea Cerere, dea della terra e della prosperità, per successivi ampliamenti l’originario fortilizio, ha assunto l’aspetto di una struttura complessa. Eretto su un enorme sperone roccioso, il fortilizio si articola su tre livelli con un giardino pensile ed un terrazzo panoramico: presenta un corpo centrale intorno al quale si sviluppano due ali laterali. Nel 1216 queste mura ospitarono San Francesco d’Assisi che si dirigeva da Guardiagrele a Castelvecchio subequo, il suo passaggio rimase per sempre nella memoria del paese e di coloro che lo governarono: Florisenda, la figlia del Conte Tommaso Vinciguerra, che qui nacque nel 1239, ispirata dal poverello di Assisi, fondò a Sulmona il monastero di S. Chiara, di cui ella stessa fu badessa. Successivamente, nel 1268 Carlo d’Angiò donò il castello al poeta Sordello da Goito, come riconoscimento per la fedeltà dimostratagli, ma è legittimo pensare che il trovatore, ormai anziano, non abbia mai trascorso alcun periodo a Palena. Nel 1393 Ramondaccio Caldora si rifugiò in questo castello inseguito dalle truppe di Ladislao d’Angiò che nulla poterono per espugnarlo; come nulla poterono, nel 1464, le truppe di Ferdinando d’Aragona quando posero sotto assedio il castello al fine di catturare Antonio Caldora. I terremoti del 1706 e del 1933 ferirono profondamente il complesso, cui la seconda guerra mondiale non risparmiò danni e distruzioni, ma oggi il Castello ducale, dopo una lunga campagna di restauro è tornato a nuova vita.

Gallery

Scheda completa al 95%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Vota altri luoghi vicini

3,469°
18 voti

Area naturale

BOSCO DEL SANTUARIO DELLA MADONNA DELL ALTARE

PALENA, CHIETI

9,050°
8 voti

Santuario

SANTUARIO MADONNA DELL'ALTARE

PALENA, CHIETI

Vota altri luoghi simili

26°
6,283 voti

Castello, rocca

ROCCA DI RIPAFRATTA

RIPAFRATTA, PISA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

CASTELLO DUCALE

PALENA, CHIETI

CASTELLO DUCALE
La prima testimonianza che attesti l’esistenza del Castello risale all’anno 1136: sorto probabilmente su un antico tempio dedicato alla dea Cerere, dea della terra e della prosperità, per successivi ampliamenti l’originario fortilizio, ha assunto l’aspetto di una struttura complessa. Eretto su un enorme sperone roccioso, il fortilizio si articola su tre livelli con un giardino pensile ed un terrazzo panoramico: presenta un corpo centrale intorno al quale si sviluppano due ali laterali. Nel 1216 queste mura ospitarono San Francesco d’Assisi che si dirigeva da Guardiagrele a Castelvecchio subequo, il suo passaggio rimase per sempre nella memoria del paese e di coloro che lo governarono: Florisenda, la figlia del Conte Tommaso Vinciguerra, che qui nacque nel 1239, ispirata dal poverello di Assisi, fondò a Sulmona il monastero di S. Chiara, di cui ella stessa fu badessa. Successivamente, nel 1268 Carlo d’Angiò donò il castello al poeta Sordello da Goito, come riconoscimento per la fedeltà dimostratagli, ma è legittimo pensare che il trovatore, ormai anziano, non abbia mai trascorso alcun periodo a Palena. Nel 1393 Ramondaccio Caldora si rifugiò in questo castello inseguito dalle truppe di Ladislao d’Angiò che nulla poterono per espugnarlo; come nulla poterono, nel 1464, le truppe di Ferdinando d’Aragona quando posero sotto assedio il castello al fine di catturare Antonio Caldora. I terremoti del 1706 e del 1933 ferirono profondamente il complesso, cui la seconda guerra mondiale non risparmiò danni e distruzioni, ma oggi il Castello ducale, dopo una lunga campagna di restauro è tornato a nuova vita.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te